I cervelli degli adolescenti invecchiano più velocemente durante il primo anno di pandemia, afferma lo studio, e la colpa potrebbe essere dello stress



Cnn

Un nuovo studio rivela che il cervello degli adolescenti americani è cambiato fisicamente durante la pandemia di COVID-19, poiché invecchiano più velocemente del solito.

I giovani partecipanti allo studio hanno anche riportato sintomi più gravi di ansia, depressione e quelli che gli scienziati chiamano problemi di interiorizzazione: il significato Sentimenti di tristezza, bassa autostima, paura e difficoltà a regolare le proprie emozioni – dopo il primo anno di pandemia.

dozzine Da studi Ha scoperto che la salute mentale di preadolescenti e adolescenti ha sofferto durante la pandemia. Sono stati ritirati dalla scuola, lontano dai loro amici e dalle strutture di supporto familiari, e costretti a convivere con l’incertezza e la paura che derivavano dal coronavirus. Molti genitori hanno perso il lavoro. milioni di bambini Genitori e nonni persi a causa del Covid-19.

lo studio, Inserito giovedì Nella rivista Biological Psychiatry: Global Open Science, è una delle prime a esaminare i cambiamenti fisici nel cervello causati da stress e ansia.

La ricerca proviene da uno studio più ampio in cui gli scienziati hanno tentato di comprendere le differenze di genere nella depressione tra gli adolescenti.

Otto anni fa, hanno deciso di eseguire scansioni MRI a 220 bambini dai 9 ai 13 anni ogni due anni. Il team ha completato due serie di scansioni quando la pandemia ha interrotto la ricerca e non è stato in grado di ricominciare la scansione fino alla fine del 2020.

Quando la loro ricerca si è bloccata, il team ha deciso che sarebbe stato interessante studiare gli effetti che questo evento stressante stava avendo sullo sviluppo del cervello dei bambini. I sondaggi pre-pandemia li aiuteranno a fare questo confronto.

I ricercatori hanno abbinato i bambini con gli stessi dati demografici, inclusi sesso, età, esposizione allo stress e stato socioeconomico.

Per trovare l’età media del cervello, hanno eseguito scansioni MRI attraverso un modello che raccoglie dati da altri sondaggi.

I ricercatori hanno confrontato le scansioni MRI di 128 bambini. La metà degli esami è stata fatta prima della pandemia e l’altra metà alla fine del 2020.

Hanno scoperto che i bambini che hanno vissuto il primo anno dell’epidemia erano più grandi della loro età cronologica.

I cervelli che hanno sperimentato l’inizio della pandemia sono cresciuti nella regione che può aiutare a regolare la paura e lo stress, chiamata amigdala, e nell’ippocampo, la regione del cervello che può controllare l’accesso ai ricordi. Il tessuto nella parte del cervello che controlla le funzioni esecutive, la corteccia, si è indebolito.

Il cervello di un bambino cambia naturalmente nel tempo, ma la ricerca ha scoperto che questi cambiamenti fisici possono accelerare quando una persona sperimenta significative avversità infantili.

studi ho mostrato Le persone che subiscono violenza, abbandono, povertà e problemi familiari nelle prime fasi della vita sperimentano un invecchiamento cerebrale più rapido e possono sperimentare problemi di salute mentale in seguito.

Ian Gottlieb, autore principale del nuovo studio, ha affermato che il team di ricerca si aspettava di trovare problemi con ansia, depressione e problemi di interiorizzazione. Gottlieb, a Professore di psicologia all’Università di Stanford.

Ma non erano del tutto sicuri di cosa avrebbero trovato nelle scansioni MRI.

“È sempre emozionante fare ricerche come questa quando non sei davvero sicuro di cosa accadrà”, ha detto Gottlieb. “Questi effetti sono stati interessanti e si sono verificati molto rapidamente.

“Questo è stato solo un anno di blocco, quindi non sapevamo che gli effetti sul cervello sarebbero stati evidenti dopo quel breve periodo di stress”, ha aggiunto. “Traccia le difficoltà di salute mentale che stiamo vedendo”.

Ciò che non è chiaro, ha detto, è se i cambiamenti cerebrali avranno un impatto più avanti nella vita. Il team di ricerca prevede di scansionare gli stessi bambini in un secondo momento per monitorare il loro sviluppo cerebrale. Ha detto che esiste la possibilità che i loro cambiamenti cerebrali siano solo una risposta immediata a fattori di stress che si normalizzeranno nel tempo.

Il team prevede inoltre di testare i 10 bambini dello studio che hanno contratto il Covid-19 per vedere se ci sono stati effetti diversi. Gottlieb ha affermato che le differenze fisiche sembrano essere “più evidenti” nei bambini che hanno avuto il Covid.

I cambiamenti nel cervello erano interessanti, ma ciò che era importante era se i problemi di salute mentale persistessero, ha affermato il dott. Max Wiznitzer, capo della neurologia pediatrica presso UH Rainbow Babies & Children.

“L’anatomia non è importante. È la funzione che è importante”, ha detto Wiznitzer, che non è stato coinvolto nella ricerca. “Il risultato clinico qui è l’impatto funzionale, la condizione di salute mentale clinicamente e come funziona e come si affronta con esso.”

Con appropriati interventi di salute mentale, è possibile gestire problemi come ansia o depressione. “Il cervello ha questa capacità di riorganizzarsi, o chiamarla ottimizzazione, se vuoi”, ha aggiunto Wiznitzer.

Gotlib spera che genitori e tutori ricorderanno che anche se i blocchi e la chiusura delle scuole sono finiti, le conseguenze sulla salute mentale potrebbero ancora persistere.

“Assicurati che tuo figlio adolescente o giovane riceva tutto l’aiuto di cui potrebbe aver bisogno se manifesta sintomi di depressione o ansia” o se sta vivendo un periodo di astinenza.

READ  SpaceX lancerà il suo terzo Starlink consecutivo [webcast]
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Scenari decisivi della settimana 13 della NFL del 2022: classifiche,
Next Post Il presidente del Niger chiede quote di immigrazione basata sul lavoro in Europa