I capi hanno cercato di licenziare questi lavoratori dell’auto, quindi hanno rilevato la loro fabbrica

I capi hanno cercato di licenziare questi lavoratori dell’auto, quindi hanno rilevato la loro fabbrica

Un venerdì mattina di luglio 2021, 422 dipendenti di uno stabilimento automobilistico di Firenze, in Italia, si stavano godendo un giorno di ferie inaspettato, apparentemente concesso dai loro capi, quando hanno ricevuto un’e-mail che spiegava di essere stati licenziati in massa. Questo non era un episodio della serie “Succession”, ma una realtà per gli operai dello stabilimento GKN di Campi Bicencio che producevano semiassi per auto.

Lo storico stabilimento è stato di proprietà della Fiat fino al 1994 ed è stato un enorme datore di lavoro nel comune di Campi Bisenzio, situato a 20 km da Firenze. Ora stava per chiudere. Fondo di private equity britannico Melrose, che possiede GKN e Aad 5,5 miliardi di sterline per gli azionisti Durante i suoi 10 anni di esistenza, ha attribuito la ridondanza alla transizione verso trasporti più ecologici e alla “perdita di produttività” nello stabilimento.

Ma piuttosto che sdraiarsi e accettare il loro eccesso, i lavoratori dell’auto iniziarono una campagna di resistenza che culminò nella più lunga occupazione della fabbrica nella storia italiana. La loro storia fornisce un’indicazione di come reagiranno i lavoratori quando i loro posti di lavoro saranno minacciati dai cambiamenti climatici nei prossimi anni.

Dopo aver scoperto che avrebbero perso il lavoro, i lavoratori di GKN avevano 75 giorni prima che i licenziamenti entrassero in vigore per formulare un piano. Non hanno mai perso un secondo.

Radunandosi davanti alla fabbrica quello stesso giorno, gli operai “cacciarono fuori” 20 guardie armate private che non erano in uniforme, che erano “simili a squadre fasciste” comandate da Mussolini, secondo Dario Salvetti del Colletivo de Fabrica (GKN) . Factory Caucus), un sindacato radicale indipendente creato dai lavoratori.

Con il loro sindacato ufficiale, la Federazione Italiana Metalmeccanici (FIOM-CGL), gli operai hanno annunciato che lo stabilimento sarebbe stato occupato 24 ore su 24, 7 giorni su 7 dai lavoratori. Gli operai proteggono le macchine dalla rimozione da parte di GKN e mantengono aperta la fabbrica. Questo è noto come “raggruppamento permanente” ed era una tattica sviluppata dagli operai italiani in Italia Gli anni settanta.

READ  La UEFA discute un accordo da 7,2 miliardi di dollari con Centricus per fermare la Premier League | notizie di calcio

“Abbiamo trovato un modo per entrare in fabbrica e abbiamo avviato quella che in Italia chiamiamo ‘assemblea permanente’. È il modo più legale per dire che hai preso il controllo della fabbrica”, ha detto Salvetti, che ha parlato con Novara Media in visita Londra.

Oltre alla FIOM-CGL, i lavoratori sono organizzati anche con il GKN Factory Collective, fondato quando Melrose ha acquistato l’azienda nel 2018. Il gruppo opera in modo più flessibile rispetto ai sindacati burocratici: i lavoratori non devono iscriversi a tessere , ma attraverso la partecipazione delle imprese. I lavoratori rispettano una serie di regole di base concordate collettivamente, come “non scambiare mai denaro con diritti”. L’assemblea ha organizzato diverse manifestazioni e mobilitato migliaia di sostenitori attraverso l’organizzazione comunitaria e transnazionale con lo slogan “Let’s Rise!” (Insurgiamo).

A settembre 2021, 40.000 persone sono scese in piazza a Firenze per protestare contro i licenziamenti. Nello stesso mese, GKN ha annunciato licenziamenti presso il suo stabilimento di Birmingham nel Regno Unito. Lo sciopero pianificato è stato annullato dal sindacato Unite, poiché le parti interessate di GKN hanno accettato di tenere una riunione di crisi. Ma i negoziati fallirono e Più di 500 persone sono state licenziate Nel novembre 2021. Al contrario, a quasi due anni dall’annuncio dei licenziamenti, il sito di Campi Bisenzio è ancora occupato dai lavoratori. È l’impianto occupante più longevo della storia d’Italia.

L’azione legale promossa dalla FIOM-CGIL contro Melrose ha dichiarato illegittimi i licenziamenti di massa. La società è stata giudicata colpevole di “condotta antisindacale” per aver violato un articolo del codice del lavoro. Ma la chiusura della fabbrica era ancora probabile e gli operai decisero di continuare la loro occupazione.

Dopo l’invio di questa e-mail il 9 luglio 2021, il semiasse è stato interrotto. Il gruppo ha invece utilizzato la fabbrica come fulcro per organizzare il proprio movimento: prevenendo i licenziamenti, sensibilizzando alla propria causa, producendo la propria “birra dei lavoratori” e ora, riprendendo la produzione, guidata dai lavoratori, in fabbrica.

Insorgiamo è adesso Raccolta di fondi riacquistare la fabbrica per formare una cooperativa di lavoro e convertire la loro precedente produzione di ricambi per auto a riduzione delle emissioni in biciclette da carico sostenibili e pannelli solari, al fine di proteggere i loro posti di lavoro e il pianeta in futuro.

READ  1.200 scienziati mettono in guardia sul piano di Boris Johnson per liberare il mondo

La congregazione aveva pianificato il suo trasferimento da tempo. Nel dicembre 2021, hanno formato un comitato tecnico-scientifico composto da ricercatori universitari e hanno sviluppato piani industriali per determinare cosa l’impianto potrebbe produrre a beneficio del pianeta. In autunno, realizzano due prototipi di bici da carico che verranno utilizzate per collegare gli agricoltori rurali con le cooperative di consegna di cibo nelle città.

Hanno anche incontrato una startup per indagare sulla realizzazione di pannelli solari senza l’uso di litio, silicio e cobalto: Minerali che emettono miliardi di tonnellate di anidride carbonica quando estratti, spesso in condizioni di lavoro pericolose.

Salvetti, che è entrato a far parte di GKN nel 2015, ha dichiarato: “C’è la possibilità di perdere 300.000 posti di lavoro a causa del passaggio dalla benzina alle auto elettriche.

“[Our bosses] Ha detto che il nostro prodotto è stato danneggiato dalla transizione verde, motivo per cui abbiamo sviluppato un posizionamento attorno a quel fattore. E la loro ragione[ing] Era sbagliato per molte ragioni, inclusa una tecnica: [axle] L’albero che produciamo è utilizzato anche nei veicoli elettrici.

“Quando siamo stati assunti, nessuno ci ha chiesto cosa volevamo produrre. Quindi non accettiamo la colpa di ciò che produciamo quando qualcuno ci licenzia. Se possiamo scegliere ciò che produciamo, ovviamente lo siamo”. [would have] altre idee”.

I posti di lavoro nelle industrie inquinanti sono sempre più a rischio, mentre i posti di lavoro nell’economia a basse emissioni di carbonio sono in aumento – nel Regno Unito, L’economia a basse emissioni di carbonio è quattro volte più grande del settore manifatturiero del paese. A volte, sembrava che il desiderio dei lavoratori per la sicurezza del lavoro potesse essere un ostacolo all’allontanamento dalle industrie ad alta intensità di carbonio: nel 2022, il sindacato GMB si è unito al governo conservatore del Regno Unito a sostegno del fracking, affermando che potrebbe “creare migliaia di beni lavori”. GKN Collective sta cercando di affrontare questa sfida, sostenendo i posti di lavoro e passando a un’industria più verde, dal basso verso l’alto.

READ  Dall'Italia - combattere la quarta ondata di COVID-19

“E’ sbagliato che il movimento operaio sia separato dal movimento ambientalista, è sbagliato fin dall’inizio”, ha detto Salvetti. “Molte delle lotte ambientaliste negli anni ’70 in Italia erano all’interno delle fabbriche e iniziate dai lavoratori”. Quei movimenti si sono battuti per migliori condizioni ambientali all’interno delle fabbriche, anche protestando contro l’amianto e la scarsa qualità dell’aria, oltre a fare pressioni per salari più alti.

Tuttavia, la pressione è sui lavoratori GKN. Dal novembre 2022, i lavoratori non ricevono salari dai proprietari della fabbrica dopo aver finalizzato i loro piani per l’autogestione della fabbrica. Hanno un fondo di assistenza comune, ma circa 120 colleghi sono partiti per trovare altro lavoro.

Salvetti ha detto: “Alla fine, stiamo gestendo una lotta che va avanti da 22 mesi. Non puoi immaginare quanto sia complicato. Devi occuparti degli atti, dei turni, dell’organizzazione delle manifestazioni.

“Non è facile. Manteniamo il morale con le manifestazioni e eventi Come il festival della letteratura operaia all’inizio di aprile. I lavoratori vedono che le persone continuano a sostenere la fabbrica e questo dà morale”.

Tuttavia, Salvetti ha le idee chiare su quale sia la posta in gioco.

“[Our bosses] Devono dimostrare di essere liberi di chiudere la fabbrica quando vogliono e per qualsiasi motivo vogliano e non se ne discute. È una lotta per chi controlla la società. A loro non importa di un produttore, ma devono dimostrare di essere il capo.

“Abbiamo visto che molte gerarchie utilizzate sul posto di lavoro erano inutili. Non servono che a dividerci. Stavamo organizzando tutta la nostra vita senza capi. Potevamo gestire la fabbrica meglio di loro. Due dei nostri ex capiturno erano i nostri nemici quando stavamo producendo.” [axle shafts]Ora sono i nostri stretti alleati nella lotta”.

Siamo ancora in pericolo di fallimento. Quello che possiamo dire è che siamo arrivati ​​a un punto che poche lotte operaie in Europa hanno raggiunto negli ultimi anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *