I booster Covid-19 aggiornati continuano a fornire un’ottima protezione anche contro la variante XBB.1.5 in rapida diffusione



Cnn

I booster Covid-19 aggiornati riducono di circa la metà il rischio di una persona di contrarre il coronavirus, anche contro l’infezione causata dalla rapida diffusione dell’XBB.1.5.

I nuovi studi, condotti dai ricercatori dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, sono tra i primi su come i potenziatori bivalenti possono continuare a funzionare nel mondo reale man mano che il virus si evolve. I dati mostrano che i booster continuano a fornire una protezione significativa contro le varianti attualmente in circolazione.

I dati sono stati raccolti quasi in tempo reale dall’Increasing Community Access to Testing Program, finanziato dal governo federale, che gestisce i test Covid-19 attraverso le farmacie. Include i risultati per gli adulti che effettuano i test presso le farmacie partecipanti dal 1° dicembre al 13 gennaio.

Dei quasi 30.000 risultati dei test inclusi nell’analisi, più di 13.000 (47%) sono risultati positivi al Covid-19.

Più persone che sono risultate negative hanno ricevuto un booster bivalente aggiornato rispetto a quelle che sono risultate positive.

In media, le persone nello studio che non hanno ricevuto un richiamo bivalente non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino Covid-19 per più di un anno. Gli autori dello studio hanno affermato che è più o meno uguale alla media nazionale. Hanno detto che la loro protezione dalle malattie era probabilmente troppo piccola.

I risultati dello studio mostrano che i rinforzi stimolanti sono più efficaci per i giovani adulti.

Per gli adulti di età compresa tra 18 e 49 anni, il richiamo ha ridotto del 52% le probabilità di sviluppare un’infezione sintomatica causata dalla variante BA.5 e ha ridotto del 49% le probabilità di sviluppare un’infezione causata da XBB o XBB1.5. . Per gli adulti di età compresa tra 50 e 64 anni, i nuovi richiami hanno ridotto le probabilità di sviluppare la malattia da Covid-19 del 43% per BA.5 e del 40% per le sottovarianti XBB. Per quelli di età pari o superiore a 65 anni, i richiami hanno ridotto le probabilità di sviluppare sintomi rispettivamente del 37% e del 43% per le sottovarianti BA.5 e XBB.

Questi numeri di efficacia del vaccino sono nella media, ha detto Ruth Link-Gillis, capo epidemiologo del CDC e autore principale dello studio, in una conferenza stampa mercoledì. Poiché ogni persona è unica in termini di salute di base, precedente esposizione al virus e altri fattori, queste stime sull’efficacia del vaccino potrebbero non essere applicabili a livello individuale. Ha detto che era importante pensarci a livello di popolazione.

Per le persone che si chiedono se la protezione dal richiamo bivalente ottenuto a settembre sia ormai svanita, è troppo presto per dire come funzionerà la ritrattazione con questi nuovi colpi di richiamo bivalente, ha detto Link-Gelles.

Finora, ci sono poche prove di una ridotta efficacia dopo due o tre mesi di assunzione dei vaccini.

“Penso che sia troppo presto per dire come avverrà il rollback con il vaccino bivalente. Sappiamo dai vaccini più vecchi che stiamo assistendo a una diminuzione della protezione nel tempo, soprattutto contro l’infezione sintomatica. Come per la protezione universale, quello che abbiamo visto in passato è che la tua protezione dura più a lungo nel caso di una malattia più grave”, ha detto Link-Gelles.

Ha detto che i ricercatori non hanno dati per gli ultimi tre mesi, ma sulla base dell’esperienza, si aspetterebbe che la protezione contro le malattie gravi e la morte sia più alta e duri più a lungo di questi risultati contro le infezioni.

“Continueremo a monitorarlo nel tempo nei prossimi mesi”, ha affermato.

Gli autori dello studio hanno affermato che queste sono solo stime dell’efficacia dei vaccini nel proteggere le persone da infezioni che causano sintomi come tosse o febbre. Probabilmente funzionano meglio contro esiti più gravi come il ricovero in ospedale e la morte.

“Quello che sappiamo dall’esperienza passata è che i vaccini proteggono meglio da malattie più gravi. Quindi queste sono stime di infezioni sintomatiche e ci aspettiamo che stime simili di ospedalizzazione e mortalità siano più alte”.

Alla domanda su come funzioneranno i vaccini a due ceppi rispetto ai vecchi vaccini a ceppo singolo, Link-Gillis ha detto che è impossibile saperlo.

“Negli Stati Uniti non possiamo confrontare direttamente i vaccini monovalenti e bivalenti perché non sono stati autorizzati contemporaneamente”, ha affermato. Poiché la protezione diminuisce nel tempo, dovrai confrontare i gruppi di persone che hanno ricevuto ogni tipo di scatto contemporaneamente.

“Ciò che questo ci dice è che le persone che hanno ricevuto il vaccino bivalente erano meglio protette rispetto alle persone che erano aggiornate, avevano tutte le loro dosi monovalenti e non hanno ricevuto il vaccino bivalente”, ha detto Link-Gillis.

Il CDC ha affermato di essere stato in grado di analizzare e rilasciare i dati molto rapidamente grazie all’uso dell’acronimo. Invece di sequenziare il genoma per ogni risultato positivo, i ricercatori si sono affidati a un marcatore diverso per distinguere le varianti.

I test utilizzati nello studio si basano su una serie di sonde, o marcatori, per identificare un caso positivo. Alcuni tipi di virus che causano il Covid-19 presentano mutazioni nella proteina spike che causano il fallimento di un marker del test. Questo è chiamato fallimento del bersaglio del gene S.

Nello studio, i risultati dei test che mostrano il fallimento del bersaglio del gene S sono stati presi come infezione causata dalla variante BA.5. Quelli che avevano come target il gene S positivo sono stati considerati come derivati ​​dal sottoceppo XBB o XBB.1.5.

Mentre lo studio continua, XBB.1.5 sta diventando un attore più importante nel mix in evoluzione.

“Più avanti nel periodo di studio, la maggior parte sarà XBB.1.5”, ha affermato Heather Scobie, epidemiologa del CDC.

Ciò ha dato ai ricercatori la certezza che i risultati sull’efficacia del vaccino riflettono il modo in cui i vaccini funzionano attualmente.

READ  Una donna sieropositiva è stata infettata da MERS per 216 giorni. Il virus è mutato almeno 30 volte al suo interno.
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Apertura di un raffinato ristorante italiano a Versailles
L’Italia contribuisce con 1,5 milioni di euro all’istruzione di emergenza dei bambini profughi palestinesi nel campo di Yarmouk [EN/AR] – La Repubblica araba siriana
Next Post L’Italia contribuisce con 1,5 milioni di euro all’istruzione di emergenza dei bambini profughi palestinesi nel campo di Yarmouk [EN/AR] – La Repubblica araba siriana