I batteri possono utilizzare i rifiuti di plastica come fonte di cibo e non è così buono come sembra: ScienceAlert

L’inquinamento da plastica è fuori controllo ogni anno, più di 8 milioni di tonnellate Di polimeri sintetici entrano nell’oceano, alcuni di loro affondare a terraTorna a la spiaggiao raccogliere in incollatoGran parte Non è facile da calcolare.

Tutta quella plastica mancante è un mistero, ma alcuni ricercatori sospettano che i microbi affamati siano in parte responsabili.

Esperimenti in laboratorio hanno ora dimostrato che un tipo di batterio marino noto come Rhodococcus ruberPuò lentamente decomporsi e digerire la plastica di cui è fatto Polietilene (PE).

ampiamente utilizzato nell’imballaggio, Il polietilene è la plastica più prodotta al mondo, e anche se non è chiaro se Roper Su queste cucciolate in natura, la nuova ricerca conferma che sono in grado di fare almeno questo.

Studi precedenti ho trovato tensioni Roper Galleggiano in dense membrane cellulari sulla plastica marina. Inoltre, la ricerca iniziale nel 2006 ho suggerito plastica sotto Roper Stava crollando a un ritmo più veloce del solito.

Il nuovo studio conferma che questo è il caso.

“Questa è la prima volta che dimostriamo in questo modo che i batteri digeriscono effettivamente la plastica trasformandola in anidride carbonica e altre molecole”. Dice L’ecologista microbica Maaike Goudriaan del Royal Netherlands Institute for Marine Research (NIOZ).

Per simulare i modi naturali in cui la plastica si decompone sulla superficie dell’oceano, Guderian e i suoi colleghi hanno esposto i loro campioni di plastica alla luce ultravioletta e li hanno collocati in acqua di mare artificiale.

“Il trattamento UV era necessario perché sappiamo già che la luce solare scompone parzialmente la plastica in micropezzi per i batteri”, afferma. Spiegare Guderian.

READ  Lancio del razzo Artemis 1 sulla luna ancora al 16 novembre dopo la tempesta Nicole

Successivamente, il team ha introdotto una varietà di Roper alla scena.

Misurando i livelli di un isotopo di carbonio rilasciato dalla plastica degradante chiamata carbonio-13, gli autori hanno stimato che i polimeri nei loro esperimenti si degradano a un tasso dell’1,2% all’anno.

Il team non può essere sicuro di quanto la lampada ultravioletta abbia degradato la plastica rispetto all’attività microbica, ma è chiaro che i batteri hanno avuto un ruolo. I campioni batterici dopo l’esperimento hanno mostrato pellicole di acidi grassi arricchiti di carbonio-13.

Il tasso di decadimento della plastica è stato determinato nel presente studio molto lento per risolvere completamente il problema dell’inquinamento da plastica nei nostri oceani, ma indica dove potrebbe essere finita parte della plastica persa del nostro pianeta.

“I nostri dati mostrano che la luce solare può quindi degradare una quantità significativa di tutta la plastica galleggiante che ha disseminato gli oceani dagli anni ’50”, Dice La microbiologa Annalisa Delery.

Quindi i microbi possono entrare e digerire alcuni degli avanzi del sole.

Dal 2013, i ricercatori hanno fatto proprio questo avvertito È possibile che i microbi prosperino sulle macchie di plastica nell’oceano, formando un ecosistema artificiale che è diventato noto come plastisfera.

Ci sono anche prove che suggeriscono che alcune di queste comunità microbiche Si adatta Mangiare diversi tipi di plastica.

Precedenti studi hanno identificato specifici batteri e funghi, sulla terra E nel mareSembra che stia mangiando plastica. Ma mentre questa conoscenza può aiutarci meglio Riciclare i nostri rifiuti Prima che finisca in natura, i suoi altri usi sono controversi.

Alcuni scienziati hanno suggerito di sparare equivalenti di plastica da masticare nei punti caldi dell’inquinamento, come Un grande immondizia nell’Oceano Pacifico.

READ  Sintomi, vaccino, quello che gli esperti vogliono che tu sappia

altri Non sono sicuro che sia una buona idea. enzimi ingegnerizzati E batteri La decostruzione della plastica potrebbe sembrare un ottimo modo per far scomparire i nostri rifiuti, ma alcuni esperti temono gli effetti collaterali indesiderati sugli ecosistemi naturali e sulle reti alimentari.

Dopotutto, rompere la plastica non è necessariamente una buona cosa. Le microplastiche sono molto più difficili da pulire rispetto ai pezzi di grandi dimensioni e questi piccoli residui possono infiltrarsi nelle reti alimentari. Gli alimentatori filtranti, ad esempio, possono raccogliere accidentalmente piccoli pezzi di plastica prima che lo facciano i microbi.

in studia Nel 2020 ogni campione di pesce testato in un mercato australiano conteneva microplastiche.

Che cosa fa alla salute umana o animale completamente sconosciuto.

“Prevenire è molto meglio che pulire”. Discute Guderian.

“E solo noi umani possiamo farlo.”

Lo studio è stato pubblicato in Bollettino sull’inquinamento marino.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Lottomatica italiana sta guardando a un’IPO con utili core del quarto trimestre in aumento di almeno il 7%
Next Post Il ministro dell’Interno britannico Sowella Braverman-Moles ha tagliato il visto studentesco post-studio: rapporto