I bambini sauditi si travestono per celebrare la tradizione dell’hovercraft

I bambini sauditi si travestono per celebrare la tradizione dell’hovercraft

Londra: questa settimana i rappresentanti dell’Autorità per la letteratura, l’editoria e la traduzione del Regno dell’Arabia Saudita hanno partecipato alla Fiera del libro di Londra, con l’obiettivo di continuare il suo lavoro per creare un pubblico internazionale per gli scrittori del Regno.

La partecipazione dell’ente alla tre giorni, conclusasi giovedì, rientra nell’ambito dell’iniziativa Tarjem o “Tarjem” lanciata nel 2020 nell’ambito di Vision 2030. Fornisce finanziamenti per la traduzione dell’“importante” lingua araba . contenuto, per renderlo disponibile a un pubblico globale più ampio e aiutare ad affrontare le antiche percezioni del regno.

“L’obiettivo principale è promuovere i contenuti in arabo finanziando la traduzione”, ha detto ad Arab News Mohamed Hassan Alwan, amministratore delegato dell’autorità.

Ma il nostro obiettivo è anche quello di colmare il divario tra l’arabo e altre culture e lingue, e siamo lieti di vedere che stanno facendo ottimi progressi. La nostra iniziativa è in continua espansione”.

Le prime 250 sovvenzioni sono state assegnate nel 2021 e i piani per tradurre 500 opere nel 2022 sono aumentati a 700, lasciando Alwan e il suo team “contenti” dei progressi.

Tra le opere che sono state tradotte c’è il film ispirato al coronavirus di Jumana Al-Sahiti “Dear X”, che è iniziato come una serie di lettere quotidiane e note di diario che l’autrice scriveva a se stessa durante i primi otto mesi della pandemia. Lo ha rivisto e combinato in un romanzo su suggerimento del suo editore.

Al-Suhaiti ha affermato che il programma di traduzione dell’autorità ha vantaggi per gli scrittori che vanno oltre l’aumento del numero di lettori, poiché lo vede come un’ulteriore prova del recente progresso sociale del regno.

READ  4 uomini della sicurezza sono stati uccisi dopo l'attacco ai posti di blocco nella città di Sherani in Balochistan - Pakistan

“Ho pubblicato il mio primo libro nel 2008, un periodo in cui le donne avevano un ruolo limitato nel campo della letteratura (in Arabia Saudita) ma hanno iniziato ad espandersi, grazie al principe ereditario e al Ministero della Cultura”, ha detto ad Arab News.

“Ogni scrittore ama avere lettori, ma più posso espandere la mia cerchia di lettori, più posso espandere me stesso come lettore, e questo non farà che ampliare il mio stile di scrittura”.

Mentre il ministero finanzia il programma di traduzione, lascia la responsabilità della selezione dei libri a un certo numero di editori. Uno di loro è Nomad, l’editore di “Dear X”, anch’esso presente alla London Book Fair per mostrare cinque delle 50 opere che ha tradotto e che usciranno quest’anno.

“Abbiamo iniziato il progetto l’anno scorso… con un processo (di traduzione) che ha richiesto dai tre ai quattro mesi per ogni libro”, ha detto ad Arab News Max Scott, direttore di Nomad.

“Il comitato fondamentalmente lascia a noi decidere quali opere dovrebbero andare avanti – ne abbiamo altre 70 in cantiere – e quello che stiamo cercando sono opere che abbiano un genuino interesse per un pubblico internazionale”.

Scott ha detto che i libri su cui lui e il suo team hanno lavorato coprono una vasta gamma di scritti nel regno, comprese alcune opere che trattano argomenti delicati o difficili che potrebbero essere stati tabù in passato.

Ad esempio, “Date e proiettili”, che parla di Seferberlik, evidenzia la coscrizione degli arabi da parte dell’Impero ottomano durante la prima guerra mondiale. Nomad ha anche tradotto il romanzo horror “Room 8” e la raccolta di poesie “I Know Well the Face of Despair” di Hatem Al-Shehri.

READ  Il ministro delle finanze britannico Rishi Sunak è stato assolto per violazione morale

“Alcuni dei libri su cui abbiamo lavorato sono stati stampati più volte in Arabia Saudita”, ha detto Scott. “E mentre il successo locale è ovviamente preso in considerazione, per noi come editore il nostro obiettivo è trovare opere che mostrino un lato alternativo dell’Arabia Saudita, uno che a volte sentiamo perdersi nel rumore”.

La tenace scrittrice Al-Rashidi raggiunge questo tipo di nuova prospettiva con il suo romanzo di fantasia “Halia: The Girl Who Fights Fear”, che trae ispirazione dalle comunità beduine saudite del passato.

“L’ho basato sul folklore saudita e sul modo in cui vivono le tribù beduine”, ha detto ad Arab News. “I nostri antenati vivevano nel deserto e ho basato il mio romanzo sulle loro storie e storie orali, e sulla vita di un uomo beduino che si distingueva per coraggio, generosità e forza”.

Alwan, amministratore delegato dell’autorità, ha affermato che quest’anno l’organizzazione mira a fornire sovvenzioni per la traduzione di non meno di 750 opere.

Ci sono anche piani per tradurre più opere arabe in lingue diverse dall’inglese. Un portavoce del ministero ha detto ad Arab News che ogni anno cercheranno di espandersi in altre lingue, oltre a tradurre più opere straniere in arabo.

“Siamo ottimisti sul futuro di Tarjem e speriamo di ricevere richieste di sovvenzioni per traduzioni di alta qualità da parte degli editori”, ha affermato Alwan.

“Questo ci consentirà di migliorare la qualità dei contenuti in arabo e promuovere gli scrittori sauditi in modo più ampio, ma soprattutto, favorire la comprensione e l’apprezzamento interculturale, poiché siamo riusciti a tradurre in arabo altre 14 lingue”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *