I bambini nati in isolamento avevano meno probabilità di aver detto la prima parola all’età di un anno

Uno studio rileva che le chiusure e la forzatura della maschera ostacolano la crescita dei bambini.

I bambini nati durante la pandemia avevano meno probabilità di dire le loro prime parole entro il primo compleanno rispetto ai bambini nati prima del Covid.

I ricercatori in Irlanda hanno scoperto che erano meno propensi a salutare con la mano o ad indicare le cose.

Il team afferma che le maschere per il viso limitano la capacità dei bambini di leggere le espressioni facciali o di vedere la bocca delle persone muoversi, una parte importante dell’apprendimento della parola.

Il divieto di visitare nonni e parenti è stato anche accusato di privarli del tempo sociale vitale.

È solo l’ultima prova che mette in evidenza il devastante bilancio delle restrizioni pandemiche sulla salute dei giovani americani.

Il grafico sopra mostra la probabilità che si verifichi un comportamento particolare nei bambini con un'epidemia rispetto ai bambini senza un'epidemia entro il loro primo compleanno.  Pincer si riferisce all'uso del pollice e dell'indice insieme.  I bambini colpiti dall'epidemia avevano maggiori probabilità di gattonare, ma meno propensi a parlare, segnalare o salutare

Il grafico sopra mostra la probabilità che si verifichi un comportamento particolare nei bambini con un’epidemia rispetto ai bambini senza un’epidemia entro il loro primo compleanno. Pincer si riferisce all’uso del pollice e dell’indice insieme. I bambini colpiti dall’epidemia avevano maggiori probabilità di gattonare, ma meno propensi a parlare, segnalare o salutare

Più di 3,6 milioni di bambini sono nati in America solo nel primo anno della pandemia di Covid.

Sono già emerse prove che suggeriscono che hanno sofferto di un sistema immunitario indebolito a causa dell’isolamento, che li mette a rischio di contrarre raffreddori mortali.

Lo studio di oggi è l’ultimo ad essere aggiunto a un numero crescente di prove che suggeriscono che le azioni portano a ritardi nello sviluppo dei giovani nella società.

Numero record di bambini ricoverati in ospedale per raffreddore “a causa del blocco”

I dati ufficiali indicano che più bambini e giovani adulti sono ricoverati in ospedale con raffreddori e problemi respiratori che mai dopo la pandemia di Covid.

Gli esperti hanno più volte avvertito delle chiusure e delle misure utilizzate per contenere le mascherine come il Covid, oltre a sopprimere la diffusione di germi che sono essenziali per costruire un forte sistema immunitario nei bambini.

Un rapporto retrospettivo pubblicato oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) mostra che i livelli di virus del raffreddore hanno raggiunto il massimo storico tra le persone di età inferiore ai 18 anni nell’agosto 2021.

Il CDC sta prelevando campioni casuali dagli ospedali pediatrici negli Stati Uniti e sta effettuando stime nazionali per misurare la diffusione dei virus.

C’erano quasi 700 bambini ricoverati in ospedale con virus respiratorio nei sette reparti studiati nell’agosto dello scorso anno e poco più della metà aveva il virus respiratorio sinciziale (RSV), che di solito è benigno.

Questi sono stati i livelli più alti mai registrati in estate e sono arrivati ​​dopo un anno e mezzo di brutali restrizioni pandemiche che hanno costretto molti a rimanere in casa.

Nel documento di ricerca, condotto dal Royal College of Surgeons in Irlanda, i ricercatori hanno esaminato 309 bambini nati tra marzo e maggio 2020.

L’Irlanda è stata bloccata per cinque mesi durante quell’anno e ha trascorso molti altri sotto rigide restrizioni.

I genitori vengono scansionati circa 10 pietre miliari dello sviluppo dopo che il loro bambino ha compiuto un anno.

Questi includono: dire una parola specifica, diteggiarsi, salutare, essere in grado di alzarsi in piedi, mettersi di lato, gattonare e impilare mattoni.

I risultati sono stati confrontati con 2.000 bambini nati tra il 2008 e il 2011.

I risultati hanno mostrato che i bambini avevano il 14% in meno di probabilità di dire una parola specifica.

Avevano anche il 9% di probabilità in meno di aver iniziato a puntare e il 6% di probabilità in meno di salutare.

D’altra parte, erano anche più propensi a gattonare, del sette percento.

Il college ha affermato nella dichiarazione: “Le misure di blocco potrebbero aver ridotto il repertorio del linguaggio udibile e vedere i volti scoperti parlare con [infants].

Potrebbe anche aver ridotto le possibilità di incontrare nuovi elementi di interesse, che potrebbero indurre a indicare e ripetere i contatti sociali per consentire loro di imparare a salutare.

“[But] Stavano ancora gattonando… forse perché probabilmente stavano trascorrendo più tempo a casa sul pavimento che fuori casa in auto e carrozzine.

Lo studio si basava sulla chiamata dei genitori in alcuni casi un mese dopo il primo compleanno del bambino, il che potrebbe influenzare i risultati.

Era anche osservativo, il che significa che non poteva confermare un legame specifico tra arresti e ritardi di sviluppo.

La dott.ssa Limita McNeely, capo dello staff dell’American Speech-Language Hearing Association che non è stata coinvolta nella ricerca, ha detto a DailyMail.com che i bambini potrebbero non avere la prima parola perché le interruzioni significano che hanno “meno bisogni di comunicazione”.

Ha aggiunto: “La necessità di monitorare i bambini in ambienti più naturali è essenziale prima di determinare se [lockdown] I bambini subiranno ritardi permanenti.

“È anche importante notare che i genitori vivevano in un ambiente molto stressante mentre affrontavano la pandemia”.

I bambini epidemiologici provenivano dallo studio CORAL, o dall’impatto della pandemia di coronavirus sulle allergie e sulla disregolazione autoimmune nei bambini nati durante il blocco.

Coloro che erano pre-epidemici provenivano dallo studio BASELINE o dallo studio sui bambini Post-SCOPE.

Lo studio è stato pubblicato in Archivi delle malattie infantili.

READ  Un enorme asteroide diretto verso la Terra

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *