I “autisti a lunga distanza” di Covid lottano per funzionare in mezzo alla carenza di manodopera

“Vivo qui praticamente in soggiorno”, ha detto Biddle dalla sua casa vicino a Pittsburgh. “Mi sento come se avessi perso la vita che ho vissuto.”

Lo scorso novembre, lei e la sua famiglia hanno contratto COVID-19. Il virus ha ucciso suo padre.
Quasi un anno dopo, sta ancora combattendo sindrome post covid, una misteriosa condizione a lungo termine che colpisce alcuni pazienti affetti da coronavirus, e sono ancora troppo malati per lavorare.
Biddle, 42 anni, tiene una lunga lista di sintomi che ha, tra cui estrema stanchezza, deterioramento cognitivo… Conosciuto come “nebbia del cervello” – Il dolore è costante. Con un peso di 60 chili, dorme spesso sul divano perché non trova la forza per salire le scale della sua camera da letto.

Ha bisogno di un deambulatore per muoversi in casa e di una sedia a rotelle per gli appuntamenti medici.

“Non posso letteralmente nemmeno lasciare la mia casa da solo”, ha detto.

Prima del Covid, Laurie era la direttrice infermieristica di un’agenzia di assistenza domiciliare, ma non lavora da gennaio. Dopo aver esaurito il suo congedo retribuito, è stata licenziata. Dice che non c’è modo per lei di lavorare nella sua situazione attuale.

“Alcuni giorni lavoro a malapena”, ha detto. “Riesco a malapena ad alzarmi dal letto o ad alzarmi dal divano. Il dolore e la stanchezza sono così forti che non riesco letteralmente a muovermi”.

Il caso di Biddle è serio ma non unico.

Greg Vanishkathorn e il suo team presso la Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, trattano e studiano la sindrome post-Covid.

“I problemi di lavoro sono stati uno dei problemi più importanti che abbiamo dovuto affrontare nella nostra comunità malata”, ha detto Vanichkachorn. “Fino al 40% dei nostri pazienti non torna al lavoro diversi mesi dopo l’infortunio”.

READ  Le varianti di Covid-19 stanno fluttuando in tutta l'India, ma nessuno sa quante

Guardando i dati della loro clinica e diversi altri studi, hanno notato una tendenza preoccupante.

“Stimiamo che circa 1,3 milioni di persone siano attualmente disoccupate a causa dei sintomi di Covid ‘a lungo termine'”, ha affermato.

Sebbene questa sia solo una stima, Vanichkachorn afferma che potrebbe significare che più di 1 milione di americani sono fuori dalla forza lavoro poiché il paese affronta una carenza di manodopera e più di 10 milioni di posti di lavoro sono aperti a partire da agosto.

“Penso che sia perfettamente ragionevole,” Mark Zandi, capo economista Dall’organizzazione di ricerca economica Moody’s Analytics, on Estimation.

“Molti di questi posti di lavoro non sono stati occupati perché le persone sono malate di Covid”, ha detto Zandi alla CNN. “Il lungo Covid è un vento sempre più contrario per il mercato del lavoro, per le aziende che devono avviare e far funzionare le loro operazioni e, in definitiva, per l’economia in generale che si precipita ai suoi picchi”.

Gli Stati Uniti lanciano uno studio sul virus “Long Covid” su decine di migliaia di pazienti
Gli studi sulla sindrome post-Covid sono ancora agli inizi, ma stime preliminari suggeriscono che il 10% o più dei pazienti Covid potrebbero manifestare sintomi a lungo termine. un Uno studio pubblicato a giugno dall’organizzazione no profit FAIR Health È emerso che il 23% dei pazienti Covid aveva cercato un trattamento per i sintomi post-Covid un mese o più dopo la diagnosi.
Il Stime dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie Più di 46 milioni di americani hanno contratto il Covid-19.
di recente Sondaggio dell’Ufficio del censimento degli Stati Uniti Si stima che 3,7 milioni di americani siano senza lavoro perché si prendono cura di qualcuno o si ammalano con i sintomi del coronavirus. Il sondaggio ha anche rilevato che quasi 2,5 milioni di persone non lavorano perché preoccupate di contrarre o diffondere Covid.

Il dottor Tai-chung gestisce la clinica COVID a lungo termine della Johns Hopkins Medicine, dove tratta le persone che utilizzano il trasporto a lunga distanza che hanno una serie di condizioni e sintomi.

READ  Stazione spaziale internazionale: il capo spaziale russo afferma che "il divorzio non è possibile" dagli Stati Uniti

“Non sarei sorpreso se uscissero 1,3 milioni o più di persone Ha detto: “Una forza lavoro a causa della prolungata malattia di Covid. Perché se capisci davvero i sintomi, sai, influenzano la loro vita quotidiana al lavoro”.

La maggior parte dei pazienti che studiano ha un lavoro ben pagato e una buona assicurazione sanitaria, dice Vanichkachorn, ed è preoccupato per i dati demografici che mancano dai loro dati.

“Temo che ci siano persone che sono gravemente colpite da questa condizione ma che semplicemente non possono prendersi una pausa dal lavoro per cercare assistenza”, ha detto. “Devono andare al lavoro per tenere le luci accese e per tenere il cibo in tavola”.

Jennifer Hobbs è un’insegnante di scuola materna a Medford, nell’Oregon. Da un anno soffre di sintomi di Covid prolungati, che vanno dall’estrema stanchezza alla caduta dei capelli.

“Ho avuto mal di testa ogni giorno per un anno”, ha detto.

Ma dopo un mese di vacanza, è tornata nella sua classe, dove aveva bisogno di reddito e assicurazione sanitaria.

“Era quasi impossibile per me pensare di andarmene”, ha detto. “Non so come farlo. Lo faccio solo durante il giorno.”

Il Il governo degli Stati Uniti riconosce il COVID-19 a lungo termine come una disabilitàI pazienti possono richiedere assistenza finanziaria. Ma potrebbero volerci mesi e molti vettori a lungo raggio affermano di essere stati negati.

Biddle ha presentato domanda di invalidità a settembre ed è ancora in attesa di risposta.

“Mi è davvero piaciuto essere un’infermiera, e perdere quel lavoro e perdere quella parte di me è stato davvero difficile”, ha detto. “Sono diventato uno dei pazienti di cui mi prendo cura.”

READ  Marte ed elicotteri della NASA in tour - Programma di esplorazione di Marte della NASA

Lei e suo marito hanno esaurito i loro risparmi e fondi pensione per pagare le bollette.

“È stato un disastro per noi”, ha detto. “Questa è la mia più grande preoccupazione, onestamente. Ho il terrore di non poter mai tornare al lavoro”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Perez o Verstappen a Città del Messico
Next Post La WWE ha appena rilasciato molte Superstar