Hubble ha battuto il record per la stella più lontana mai vista

Il telescopio spaziale Hubble ha battuto un record e ha identificato la sua stella più lontana di sempre. La stella è così lontana che la sua luce ha impiegato circa 13 miliardi di anni per raggiungerci, il che significa che risale al primo miliardo di anni dopo il Big Bang.

Il precedente record del telescopio Hubble per la stella più lontana osservata, stabilito nel 2018, riguardava una stella 4 miliardi di anni dopo il Big Bang. Quindi questa nuova scoperta è un grande passo avanti e può essere osservata solo grazie all’allineamento cosmico casuale. L’astronomo Brian Welch della Johns Hopkins University di Baltimora, autore principale dell’articolo, ha affermato affermazione.

Con questa osservazione, il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA ha stabilito un nuovo insolito punto di riferimento: il rilevamento della luce stellare che era presente durante il primo miliardo di anni dopo la nascita dell’universo nel Big Bang (con uno spostamento verso il rosso di 6,2) – il più lontano . Una stella in assoluto. Questo pone un obiettivo importante per il telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA nel suo primo anno. NASA, Agenzia spaziale europea, B. Welch (JHU), D. Coe (STScI), A. Pagan (STScI)

La stella in questione, chiamata Earendel, che in inglese antico significa “stella del mattino”, è massiccia, almeno 50 volte la massa del nostro sole. È anche milioni di volte più luminoso. Tuttavia, anche se si tiene conto della sua massa e luminosità, è così lontano che potrebbe essere osservato solo grazie a un enorme gruppo di galassie che è passato tra noi e lui. La gravità dell’ammasso è così grande che distorce la luce proveniente dalla stella e agisce come una classe di ingrandimento.

READ  Metafore parallele: cambio di nome su Facebook contestato dal rivenditore dell'Arizona Meta PCs | morto

“Di solito a queste distanze, intere galassie sembrano piccole macchie e la luce di milioni di stelle si fonde insieme”, ha detto Welch. “La galassia che ospita questa stella è stata ingrandita e distorta dalle lenti gravitazionali in una lunga mezzaluna che abbiamo soprannominato l’arco dell’alba”.

L’osservazione di questa stella non è solo una registrazione accurata, ma poiché è così antica, il suo studio potrebbe fornire indizi sulla formazione dell’universo primordiale.

“Erndel è in circolazione da così tanto tempo che probabilmente non aveva le stesse materie prime delle stelle che ci circondano oggi”, ha spiegato Welch. “Lo studio di Earendel sarà una finestra su un’era dell’universo a cui non siamo abituati, ma che ha portato a tutto ciò che sappiamo. È come se stessimo leggendo un libro davvero interessante, ma stiamo iniziando con il capitolo due e ora abbiamo la possibilità di vedere come tutto è iniziato”.

Questa ricerca apre la strada a ulteriori indagini su stelle molto lontane e molto antiche che saranno possibili una volta che il telescopio spaziale James Webb inizierà le sue operazioni scientifiche questa estate.

“Con Webb, potremmo vedere stelle più lontane di Earendel, il che sarebbe incredibilmente eccitante”, ha detto Welch. “Torneremo il più lontano possibile. Mi piacerebbe vedere Webb battere il record di distanza di Earndel”.

Raccomandazioni degli editori




Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Quasi 300 persone sepolte in una fossa comune a Bucha fuori Kiev: il sindaco
Next Post Pronostici Torino vs Salernitana, scelte, come guardare, live streaming: 2 aprile 2022 Pronostici Serie A Serie A