Hubble cattura una calda stella gigante sull’orlo della distruzione, che brilla con la brillantezza di un milione di soli

Per celebrare il 31 ° anniversario del lancio del telescopio spaziale Hubble della NASA, gli astronomi hanno diretto il famoso osservatorio verso una “famosa stella” luminosa, una delle stelle più luminose viste nella nostra galassia, circondata da un alone luminoso di gas e polvere. Crediti: NASA, ESA, STScI

La stella ruggente emette una bolla vertiginosa di gas incandescenti

Il potente gigante blu AG Carinae non è la tua star naturale. Una delle stelle più luminose della nostra regione via Lattea La galassia, AG Carinae, è molto calda, scintillante dello splendore di un milione di soli. Avrai bisogno di crema solare se vivi vicino a una stella. La stella è fino a 70 volte più pesante del nostro sole e brucia carburante a un ritmo feroce.

La sua ricchezza significa che la gigantesca stella vive una vita sulla corsia di sorpasso. Versare molta energia ha un impatto negativo sul gigante stellare. È incline alle convulsioni, espandendosi di dimensioni come una mongolfiera e lanciando i suoi strati esterni di materiale nello spazio. Una o più eruzioni giganti 10.000 anni fa hanno creato la bellissima crosta di polvere e gas in espansione che vediamo qui. Stelle come questa sono rare: ce ne sono meno di 50 nel nostro ammasso locale di galassie vicine.

Il Telescopio spaziale Hubble Scatta una foto di questo particolarmente big bang per celebrare il 31 ° anniversario del lancio nello spazio dell’Osservatorio orbitante della Terra.

Celebrando il 31 ° anniversario del lancio NASATelescopio Spaziale Hubble Il 24 aprile 1990, gli astronomi hanno diretto il famoso osservatorio verso una “famosa stella” luminosa, una delle stelle più luminose mai viste nella nostra galassia, circondata da un alone luminoso di gas e polvere. La scienziata del progetto Hubble, la dottoressa Jennifer Weisman, ci accompagna in un tour di questa nuova sorprendente foto, descrivendo lo stato di salute attuale del telescopio e riassumendo alcuni dei contributi di Hubble all’astronomia dell’anno scorso. Credito: Goddard Space Flight Center della NASA

Per celebrare il 31 ° anniversario del lancio del telescopio spaziale Hubble della NASA, gli astronomi hanno diretto il famoso osservatorio verso una “famosa stella” luminosa, una delle stelle più luminose viste nella nostra galassia, circondata da un alone luminoso di gas e polvere.

READ  Il tempo notturno rivelato su Venere per la prima volta

Il prezzo per il lusso di Star Beast è “vivere al limite”. La star, chiamata AG Carinae, intraprende un tiro alla fune tra gravità e radiazioni per evitare l’autodistruzione.

L’involucro in espansione di gas e polvere che circonda la stella è di circa cinque anni luce di diametro, che è equivalente alla distanza da qui alla stella più vicina dopo il Sole, Proxima Centauri.

La colossale struttura è stata creata da una o più gigantesche eruzioni circa 10.000 anni fa. Gli strati esterni della stella furono soffiati nello spazio, come la teiera bollente che apparve sul suo coperchio. I materiali espulsi sono circa 10 volte la massa del nostro sole.

Bussola di AG Carinae

Queste immagini sono un insieme di esposizioni separate ottenute con lo strumento WFC3 / UVIS sul telescopio spaziale Hubble. Sono stati utilizzati diversi filtri per campionare bande di lunghezze d’onda strette. Il colore risulta dall’assegnazione di toni (colori) diversi a ciascuna immagine monocromatica (scala di grigi) associata a un singolo filtro. Crediti: NASA, ESA, STScI

Queste eruzioni sono la vita tipica di una rara razza di stelle chiamata variante blu luminosa, che è una breve fase convulsa nella breve vita di una superstar brillante e brillante che vive rapidamente e muore giovane. Queste stelle sono tra le più grandi e luminose conosciute. Vivono solo per pochi milioni di anni, rispetto ai circa 10 miliardi di anni dell’età del nostro sole. AG Carinae ha pochi milioni di anni e si trova a 20.000 anni luce di distanza all’interno della Via Lattea.

Le varianti blu brillante mostrano una doppia personalità: sembra trascorrere anni in tranquilla beatitudine e poi esplode in uno sfogo tumultuoso. Questi giganti sono stelle nei loro estremi, molto diversi dalle stelle normali come il nostro Sole. In effetti, si stima che AG Carinae sia fino a 70 volte la massa del nostro sole e brilli con la brillantezza di un milione di soli.

“Adoro studiare questi tipi di stelle perché sono incuriosito dalla loro instabilità”. “Stanno facendo qualcosa di strano”, ha detto Kerstin Weiss, una variante blu luminosa della Ruhr University di Bochum, in Germania.

Questa visualizzazione inizia con una prospettiva ad ampio raggio della costellazione Carinae e si avvicina alla vista del telescopio spaziale Hubble della stella massiccia AG Carinae. Una delle stelle più luminose della nostra galassia, AG Carinae è esposta a esplosioni che espellono una piccola nebulosa di gas e polvere. La sequenza passa quindi da un’immagine 2D di Hubble a un modello 3D che mostra la struttura della nebulosa circostante. Il modello 3D si basa sulle immagini di Hubble e sui dati della spettroscopia del movimento della nebulosa. L’emissione del gas ionizzato si illumina di rosso, mentre la polvere riflette la luce della stella e appare bianco-bluastra. Crediti: Video: NASA, ESA, STScI, Leah Hustak (STScI), Frank Summers (STScI), Alyssa Pagan (STScI), Joseph DePasquale (STScI), Greg T.Bacon (STScI), Musica: Joseph DePasquale (STScI)

Grandi esplosioni come quelle che hanno generato la nebulosa si verificano una o due volte durante la vita di una variabile blu brillante. La stella variabile blu-luminosa espelle il materiale solo quando è in pericolo di autodistruzione come una supernova. A causa delle loro forme massicce e delle temperature surriscaldate, le stelle variabili blu brillante come AG Carinae stanno combattendo una battaglia costante per preservare la stabilità.

READ  Le tempeste solari sono tornate, minacciando la vita come la conosciamo sulla Terra

È una competizione a braccio di ferro tra la pressione delle radiazioni dall’interno della stella che viene spinta fuori e la gravità che spinge verso l’interno. Questa corrispondenza cosmica si traduce nell’espansione e nella contrazione della stella. La pressione esterna a volte si traduce in una vittoria in battaglia e la stella si espande a una dimensione così enorme che esplode dai suoi strati esterni, come un vulcano in eruzione. Ma questa esplosione si verifica solo quando una stella è sul punto di collassare. Dopo che la stella ha espulso la materia, si restringe alle sue dimensioni normali, si assesta di nuovo e diventa dormiente per un po ‘.

Come molte altre varianti blu brillante, AG Carinae rimane instabile. Ha subito meno esplosioni che non erano così potenti come quelle che hanno creato l’attuale nebulosa.

Sebbene AG Carinae sia ora silenziosa, come stella surriscaldata continua a emettere radiazioni cocenti e forti venti stellari (flussi di particelle cariche). Questo flusso continua a formare l’antica nebulosa, scolpendo strutture complesse mentre il gas fluente si scontra con la nebulosa esterna a movimento lento. I venti si muovono a 670.000 mph (1 milione di km / h), circa 10 volte più veloci della nebulosa in espansione. Nel tempo, il vento caldo cattura il materiale espulso dal refrigerante, spingendolo lontano dalla stella. Questo effetto “spazzata dalla neve” ha rimosso una cavità attorno alla stella.

La sostanza rossa è gas idrogeno incandescente con gas azoto. La materia rossa si è dispersa nei punti in alto a sinistra quando i venti hanno penetrato una regione debole di materia e inghiottito lo spazio.

Le caratteristiche più sorprendenti, evidenziate in blu, sono le strutture filamentose a forma di girino e le bolle sbilenche. Queste strutture sono ammassi di polvere illuminati dalla luce riflessa di una stella. Le caratteristiche a forma di girino, che sono più pronunciate a sinistra e in basso, sono densi ciuffi di polvere scolpiti dai venti stellari. La visione nitida di Hubble rivela queste strutture dall’aspetto delicato in grande dettaglio.

READ  I bambini statunitensi ora ottengono quasi il 70% delle loro calorie da cibi "ultra-elaborati".

La foto è stata scattata con luce visibile e ultravioletta. I raggi ultravioletti forniscono una visione leggermente più chiara delle strutture di polvere filamentosa che si estendono fino alla stella. Hubble è ideale per rilevare i raggi ultravioletti perché questo intervallo di lunghezze d’onda può essere visto solo dallo spazio.

Le stelle massicce, come AG Carinae, sono importanti per gli astronomi a causa dei loro effetti di vasta portata sul loro ambiente. Il più grande programma nella storia di Hubble – The UV Heritage Library of Young Stars as Core Standards (ULLYSES) – studia la luce ultravioletta delle giovani stelle e il modo in cui modellano l’ambiente circostante.

Le stelle variabili blu brillante sono rare: meno di 50 sono conosciute come intergalattiche nel nostro gruppo di galassie vicine. Queste stelle trascorrono decine di migliaia di anni in questa fase, un batter d’occhio nel tempo cosmico. Molti dovrebbero porre fine alla loro vita in esplosioni di supernove giganti, che arricchiscono l’universo con elementi più pesanti del ferro.

Curiosità su Hubble

  • Il 24 aprile 1990, il telescopio spaziale Hubble della NASA ha lanciato più di 1,5 milioni di osservazioni di quasi 48.000 corpi celesti.
  • All’età di 31 anni, il telescopio ha compiuto più di 181.000 orbite attorno al nostro pianeta, per un totale di 4,5 miliardi di miglia.
  • Le osservazioni di Hubble hanno prodotto più di 169 terabyte di dati, disponibili per le generazioni attuali e future di ricercatori.
  • Gli astronomi che utilizzano i dati di Hubble hanno pubblicato più di 18.000 articoli scientifici e più di 900 di questi sono stati pubblicati nel 2020.

Il telescopio spaziale Hubble è un progetto di cooperazione internazionale tra la NASA e l’Agenzia spaziale europea (Agenzia spaziale europea). Il telescopio è gestito dal Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. Lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, conduce le operazioni scientifiche di Hubble. STScI è gestito per la NASA dalla Association of Universities for Astronomy Research di Washington, DC

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La “passione per il marchio CEO” dell’Alfa Romeo potrebbe essere la chiave per rilanciare le sue fortune
Next Post Un tribunale italiano ha annullato il voto degli azionisti di Mediaset ad eccezione di Vivendi Trust, Telecom News ed ET Telecom