Holy Water: account miracolosi e dati proxy raccontano una storia sul clima

Nell’alto medioevo in Italia (che allora era una penisola turbolenta mossa dal crollo della dominazione romana) un gruppo di monaci si imbatté in un monastero in cima ad una montagna con un problema in acqua. Per portare le loro provviste, dovevano scendere dal ripido e roccioso trespolo del monastero. Ad aiutarli è arrivato San Benedetto, che ha portato spontaneamente l’acqua in vetta sotto forma di sorgente.

Secondo New uno studio, Questo account non si limita a trasmettere prestazioni miracolose. Rileva inoltre che il cambiamento climatico ha svolto un ruolo precedentemente non correlato nelle trasformazioni sociali che gli storici hanno riconosciuto da tempo.

Lo studio pubblicato sulla rivista Cambiamento climatico, Ha riunito un gruppo internazionale di geologi e storici guidato da ricercatori dell’Università di Varsavia e dell’Università di Pisa. Gli autori hanno esaminato sia dati alternativi di paleontologia che documenti storici per ottenere un quadro più completo dell’impatto che un lungo periodo di aumento delle precipitazioni ha avuto sulla società italiana nel VI secolo. Le loro scoperte suggeriscono che le storie di miracoli dell’acqua contemporanei vanno oltre le storie aneddotiche per rivelare un modo in cui i leader cristiani locali hanno risposto a un periodo di cambiamenti climatici estremi.

Un secolo burrascoso

Dopo il crollo dell’Impero Romano d’Occidente alla fine del V secolo, l’Italia centrale e settentrionale cadde sotto l’assedio delle forze invasori e decenni di guerra lasciarono la penisola esitante e deserta. In questa tempesta ha travolto un’ondata secolare di maltempo, una condizione che ha fornito materiale ricco per Papa Gregorio I (Gregorio Magno), che Dialoghi sui miracoli dei Padri italianiScritto negli anni 590, includeva descrizioni di figure sacre che generano tempeste, invocano nuove fonti d’acqua e reindirizzano fiumi molesti.

I calcoli Hijri sono generalmente aneddotici o derivati. Ma se combinato con i dati proxy, un file DialoghiLe storie sull’acqua, insieme ad altri scritti del VI secolo, possono mostrare che una società influenzata dai cambiamenti dei modelli meteorologici nel secolo ha anche risposto ai tentativi di spiegarli o metterli nel contesto.

READ  Capri, l'isola blu d'Italia, sta emergendo dalla pandemia del blues
Questa rappresentazione schematica illustra la rete di relazioni tra l’aumento delle precipitazioni e il cambiamento sociale nell’Italia del VI secolo. Credito: disegno di Michelle O’Reilly, MPI SHH; Progettato da Adam Izdebsky, https://doi.org/10.1007/s10584-021-03043-xE il CC BY 4.0

“Anche quando il clima non causa il collasso del sistema economico o sociale, potrebbero esserci alcune influenze importanti e alcune influenze su altri livelli delle prestazioni umane … sul nostro pensiero e comportamento”, ha detto un coautore dello studio . Adam Izdebsky, Presidente del gruppo di ricerca indipendente presso l’Istituto Max Planck per la scienza della storia umana. Può essere semplice come le persone che osservano il tempo, ha detto, ei leader stanno approfittando di questa consapevolezza. Per Gregory, questa è stata un’opportunità per stimolare la marea culturale nell’interesse della chiesa.

Ha detto: “Le fonti agografiche ci mostrano il mondo visto dalle persone che lo hanno prodotto”. Samantha era HerrickUn professore associato di storia alla Syracuse University non è stato coinvolto nello studio. “Rivela come le persone hanno capito cosa stava succedendo. Anche le fonti storiche apparentemente banali e dirette sono sempre plasmate dal senso dei loro autori di ciò che è possibile e di ciò che è importante”.

Una storia a più livelli

I ricercatori hanno ottenuto dati climatici analizzando le stalagmiti raccolte dalla grotta Rinella, situata vicino alla città di Lucca, nel nord della Toscana. Misurando i rapporti degli isotopi dell’ossigeno negli strati di stalagmiti, i ricercatori sono stati in grado di determinare se le condizioni ambientali erano umide o secche quando gli strati si sono formati. Quindi hanno usato la datazione dell’uranio e del torio per determinare quando si sono verificate queste condizioni. Le stalagmiti hanno fornito quasi mille anni di dati dal periodo fino al 900 d.C. e hanno dimostrato che l’Italia settentrionale e centrale aveva sofferto di estremi idrologici durante il VI secolo.

READ  Il Consiglio per l'economia circolare degli Emirati Arabi Uniti esamina i progressi nell'attuazione della politica e amplia la transizione alla circolare - Notizie

Il colpevole, secondo gli autori dello studio, era molto probabilmente una fase negativa di Oscillazione del Nord Atlantico (NOA), un modello meteorologico invernale che porta l’umidità dall’Oceano Atlantico a parti del Mediterraneo in Europa, in questo caso con conseguente aumento di decenni delle precipitazioni durante i mesi più freddi. I ricercatori che analizzano le stalagmiti di Rinella hanno scoperto che nel VI secolo d.C. le precipitazioni nella regione erano contrassegnate da una specifica traccia isotopica lasciata dall’umidità dell’Oceano Atlantico.

I santi si muovono furtivamente

A Lucca, la leggenda locale attribuisce a San Frediano, un vescovo del VI secolo, il reindirizzamento del fiume Cerchio, soggetto a inondazioni, lontano dalla città, una storia che apparve – e potrebbe aver avuto origine da – Dialoghi. Affrontando direttamente la preoccupazione dell’epoca, le narrazioni di miracoli come quelle di Benedetto e Frediano rafforzerebbero il culto dei santi, quindi un fenomeno relativamente nuovo, concentrando il potere nelle mani dei vescovi locali, custodi di sacre reliquie che potrebbero fornire protezione contro i demoni, le malattie, il fuoco e le inondazioni.

Per analizzare se queste storie vadano oltre l’applicazione di forme letterarie familiari, i ricercatori hanno estratto le opere contenute in Database del culto dei santi nella tarda antichità, Una raccolta di testi che abbracciano quasi cinque secoli che un team di Oxford ha catalogato dal 2014. Gli autori dello studio hanno scoperto che le biografie dei santi delle epoche immediatamente precedenti e successive al periodo di studio non avevano quasi alcuna menzione di miracoli dell’acqua, e nessuna di queste storie lo ha fatto In particolare nelle opere contemporanee dello storico e vescovo franco Gregorio di Tours, che ha raccontato eventi al di fuori della regione che sarebbero stati influenzati dalla proclamazione negativa dell’Amministrazione oceanica nazionale. Inoltre, solo alcuni miracoli dell’acqua correlati Dialoghi L’eco funziona prima in questo genere. Altri scenari, scrivono i ricercatori, sono “nuovi o stranamente sovrarappresentati”.

READ  L'Italia riapre i battenti nella speranza di un vero rilancio economico

Opere non aggografiche scritte durante o sull’Italia settentrionale e centrale nel VI secolo – come le lettere del funzionario romano Cassiodoro e Paolo diaconi Storia dei LongobardiRivela anche prove di un aumento delle precipitazioni attraverso osservazioni occasionali di inondazioni e torrenti. “Confermano l’impressione che abbiamo di Gregory Dialoghi,” Egli ha detto Robert WiśniewskiÈ coautore e storico dell’Università di Varsavia.

Secondo Wiśniewski, il portfolio di opere di Gregory indica che è improbabile che racconterà storie che non influenzeranno il suo pubblico. Pertanto, non è raro includere un numero relativamente elevato di miracoli dell’acqua nel suo paese Dialoghi– Costituiscono il 20% del testo – indicando che era consapevole di come il clima mutevole stava influenzando la popolazione e che usava le storie come strumenti per dimostrare la capacità della chiesa, e dei santi in particolare, di fornire soluzioni.

Meglio insieme

L’approccio interdisciplinare dello studio è stato fondamentale per creare collegamenti, secondo Izdebsky, “così insoliti e tutt’altro che chiari”. Lavorando separatamente, né il team dei geologi di Rinella Cave né gli storici dello studio sono stati in grado di accedere o interpretare i dati necessari per trarre le loro conclusioni.

“Il modo in cui hanno inserito tutti questi diversi dati nella conversazione è stato prezioso sia in termini di conclusioni che in termini di dimostrazione che le prove storiche possono influenzare l’interpretazione dei dati scientifici”, ha detto Herrick. E l’effetto va in entrambe le direzioni. “La percezione delle reazioni al cambiamento climatico sarà principalmente modellata dalla cultura, così come dalle strutture politiche, economiche e sociali della società, che credo sia una cosa importante di cui gli scienziati devono essere consapevoli”.

—Korena Di Roma Howley ([email protected]), Scrittore di scienze

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Maine Center for Disease Control ha segnalato 214 ulteriori casi di COVID-19 e non ci sono nuovi decessi
Next Post 20 palestinesi uccisi nei combattimenti, inclusi 9 bambini