Google probabilmente sta lavorando sul rilevamento integrato di russamento e tosse: The Tribune India

San Francisco, 28 maggio

Il gigante della tecnologia Google sta lavorando a due funzionalità integrate di rilevamento del russamento e della tosse che gli consentiranno di rilevare se gli utenti russano o tossiscono mentre dormono.

9To5Google riporta che il gigante della tecnologia sta lavorando a queste funzionalità per dispositivi Pixel e Android.

Il sito tecnologico ha individuato righe di codice nel file di installazione dell’app Google Health Studies. Ha rivelato che la società sta conducendo uno studio chiamato aSleep Audio Collection, disponibile solo per i dipendenti di Google.

“Devi essere un dipendente Google a tempo pieno e avere un telefono Android per partecipare a questo studio”, afferma il rapporto.

Ha aggiunto: “Le condizioni ambientali richieste per questo studio sono che non ci dovrebbe essere più di una persona adulta che dorme nella stessa stanza che non lavora per un’azienda concorrente”.

Google ha spiegato che “il suo team di Health Sensing sta lavorando attivamente per portare un set avanzato di funzionalità di rilevamento e algoritmi sui dispositivi Android per fornire agli utenti informazioni dettagliate sul loro sonno”.

Questa suite audio “supporta questa missione fornendo i dati necessari per convalidare, mettere a punto e sviluppare questi algoritmi”.

Questi “algoritmi di tosse e russamento” si tradurranno in “monitoraggio al posto letto” sui dispositivi Android che funzionano in modo “privacy sul dispositivo” per monitorare la tosse assonnata e il russare”.

READ  Gli utenti Android potrebbero ottenere presto queste nuove funzionalità di WhatsApp
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La Russia lancia un missile ipersonico “invincibile”, colpendo un bersaglio a 1.000 km di distanza
Next Post Il campione locale Francesco Bagnaia più veloce nella formazione motociclistica italiana | Notizie sulle corse