Gli utilizzatori di Serum Institute Covishield affrontano ostacoli in Europa

La coppia – e milioni di altre persone che sono state vaccinate grazie agli sforzi sostenuti dalle Nazioni Unite – potrebbero ritrovarsi a non poter entrare in molti paesi europei e di altri paesi perché quei paesi non riconoscono la versione indiana del vaccino da viaggio.

Sebbene il vaccino AstraZeneca prodotto in Europa sia stato autorizzato dall’agenzia di regolamentazione dei farmaci nel continente, il vaccino stesso prodotto in India non ha ricevuto il via libera.

I regolatori dell’Unione Europea hanno affermato che AstraZeneca non ha completato i documenti necessari per lo stabilimento indiano, compresi i dettagli delle pratiche di produzione e gli standard di controllo della qualità.

Ma alcuni esperti descrivono la mossa dell’UE come discriminatoria e non scientifica, osservando che l’Organizzazione mondiale della sanità ha ispezionato e approvato la pianta. Funzionari sanitari affermano che la situazione non solo complicherà i viaggi e frustrerà le fragili economie, ma minerà anche la fiducia nei vaccini sembrando etichettare alcuni colpi come scadenti.

Con la copertura vaccinale in aumento in Europa e in altre nazioni ricche, le autorità desiderose di salvare la stagione turistica estiva stanno allentando sempre più le restrizioni ai confini del coronavirus.

All’inizio di questo mese, l’Unione Europea ha introdotto la sua certificazione digitale COVID-19, che consente ai residenti dell’UE di muoversi liberamente nel blocco di 27 paesi purché siano stati vaccinati con uno dei quattro colpi autorizzati dall’EMA, un nuovo test negativo o Hai le prove che si sono recentemente ripresi dal virus.

Mentre gli Stati Uniti e la Gran Bretagna rimangono in gran parte chiusi ai visitatori esterni, la certificazione UE è vista come un potenziale modello di viaggio nell’era del COVID-19 e un modo per rilanciare le economie.

READ  La base imponibile di Joe Biden strapperebbe miliardi di grandi fortune alla morte

I vaccini ufficialmente approvati dall’Unione Europea includono anche quelli prodotti da Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson. Non include il vaccino AstraZeneca prodotto in India o molti altri vaccini utilizzati nei paesi in via di sviluppo, compresi quelli prodotti in Cina e Russia.

I singoli paesi dell’UE sono liberi di applicare le proprie regole per i viaggiatori all’interno e all’esterno del blocco e le loro regole variano ampiamente, creando ulteriore confusione per i turisti. Diversi paesi dell’UE, tra cui Belgio, Germania e Svizzera, consentono l’ingresso alle persone in possesso di vaccini non approvati dall’UE; Molti altri paesi, tra cui Francia e Italia, non lo fanno.

Per Nsophorus, la consapevolezza che poteva essere prevenuta era un “crudo risveglio”. Dopo un duro anno di lavoro durante la pandemia ad Abuja, Nsofor e sua moglie non vedevano l’ora di trascorrere una vacanza europea con le loro due giovani figlie, magari ammirando la Torre Eiffel a Parigi o un tour di Salisburgo in Austria.

Nsofor ha osservato che il vaccino di fabbricazione indiana che ha ottenuto è stato autorizzato dall’Organizzazione mondiale della sanità per l’uso di emergenza ed è stato reso disponibile tramite COVAX, il programma sostenuto dalle Nazioni Unite per fornire vaccini nelle regioni povere del mondo. L’approvazione dell’OMS includeva una visita alla fabbrica del Serum Institute of India per garantire che avesse buone pratiche di produzione e che gli standard di controllo della qualità fossero rispettati.

“Siamo grati all’Unione europea per aver finanziato COVAX, ma ora discriminano principalmente il vaccino che hanno finanziato e promosso attivamente”, ha affermato Nsofor. “Questo lascerà il posto a tutti i tipi di teorie cospirative secondo cui i vaccini che stiamo dando ‘rientro in Africa’ non sono buoni come quelli che hanno per se stessi in Occidente”.

READ  "Il pregiudizio intrinseco è una sfida": un gruppo di advocacy sulla rasatura forzata della barba di un sikh

Ivo Flaive, professore all’Università britannica di Warwick che consiglia il governo in scienze comportamentali durante il COVID-19, ha convenuto che il rifiuto dei paesi occidentali di riconoscere i vaccini utilizzati nei paesi poveri potrebbe portare a una maggiore sfiducia.

“Le persone che erano già scettiche sui vaccini diventeranno più scettiche”, ha detto Flayev. “Potrebbero anche perdere fiducia nei messaggi di salute pubblica dei governi ed essere meno disposte a rispettare le regole COVID”.

Il dottor Mesfin Teklu Tesema, direttore della sanità presso l’International Rescue Committee, ha affermato che i paesi che si sono rifiutati di riconoscere i vaccini ottenuti dall’Organizzazione mondiale della sanità stanno agendo contro le prove scientifiche.

I vaccini che soddisfano la soglia dell’OMS devono essere accettati. A parte questo, sembra esserci un elemento di razzismo qui”.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha esortato i paesi a riconoscere tutti i vaccini che hanno consentito, inclusi due di fabbricazione cinese. I paesi che si rifiutano di farlo “minano la fiducia nei vaccini salvavita che si sono già dimostrati sicuri ed efficaci, influendo sulla diffusione del vaccino e potenzialmente mettendo a rischio miliardi di persone”, ha affermato l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite in una nota di questo mese.

A giugno, l’amministratore delegato del Serum Institute of India, Adar Poonawala, ha twittato di essere preoccupato per gli indiani vaccinati che hanno problemi a viaggiare nell’UE e ha affermato che stava sollevando la questione ai massimi livelli con le autorità di regolamentazione e i paesi.

Stephan de Kersmacker, portavoce del braccio esecutivo dell’Unione Europea, ha dichiarato la scorsa settimana che i regolatori erano obbligati a controllare il processo di produzione nello stabilimento indiano.

READ  Storia del Partito Comunista Cinese e dei suoi leader - e il nuovo e ambizioso lungo cammino del presidente Xi per la Cina

“Non stiamo cercando di sollevare dubbi su questo vaccino”, ha detto.

AstraZeneca ha dichiarato di aver recentemente presentato i documenti per il produttore indiano all’Agenzia di regolamentazione dei medicinali dell’Unione europea. Non ha detto perché non lo ha fatto prima, prima che l’agenzia prendesse la sua decisione originale a gennaio.

Gli esperti di salute pubblica hanno avvertito che i paesi che rifiutano di riconoscere i vaccini sostenuti dall’OMS stanno complicando gli sforzi globali per riprendere i viaggi in sicurezza.

Il dottor Raghib Ali dell’Università di Cambridge ha dichiarato: “Non puoi semplicemente isolare i paesi dal resto del mondo a tempo indeterminato. Escludere alcune persone da alcuni paesi a causa del vaccino che hanno ricevuto è completamente incoerente perché sappiamo che questi vaccini approvati sono molto protettivo”.

Nsofor ha detto che lui e sua moglie stanno ancora decidendo dove trascorrere le vacanze estive e si stanno orientando verso Singapore o l’Africa orientale.

“Non mi rendevo conto che ci fossero così tanti livelli di inoculazione dell’ingiustizia”, ​​ha detto.

Questa notizia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. È cambiato solo il titolo.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Analisi agli elementi finiti [FEA] Mercato del software
Previous Post Analisi agli elementi finiti [FEA] Mercato del software
Next Post Un nuovo lotto di eroi rivelato oggi (o forse DLC)