Gli studi hanno scoperto che le comunità nere hanno subito un’ondata di morti in eccesso negli ultimi due decenni

Le comunità nere in America hanno subito oltre 1,6 milioni di morti in più rispetto alla popolazione bianca negli ultimi due decenni, una perdita sbalorditiva che è costata centinaia di miliardi di dollari, secondo due nuovi studi che si basano su una generazione di ricerche sulle disparità di salute. e ingiustizia.

In uno studioI ricercatori hanno concluso che il divario nei risultati di salute si è tradotto in 80 milioni di anni di vita potenziale persa – anni di vita che sarebbero stati preservati se il divario tra i tassi di mortalità tra neri e bianchi fosse stato eliminato. IL Secondo rapporto Determina il prezzo che la società paga per non aver reso giustizia alla salute e aver permesso ai neri di morire prematuramente: $ 238 miliardi solo nel 2018.

ha affermato Marcella Nunez-Smith, preside associato per la ricerca sull’equità sanitaria presso la Yale University e coautrice dello studio sulla mortalità in eccesso e anni di vita perduti. “Tutto potenziale. Chi tra queste persone le cui vite sono state tagliate era sulla buona strada per una scoperta scientifica che avrebbe cambiato tutta la nostra vita o avrebbe creato arte e musica meravigliose? Chi tra loro sarebbe stato un leader spirituale o religioso? Per non parlare dell’impatto economico .”

Le cause delle morti in eccesso e delle conseguenti perdite economiche sono molteplici, inclusa l’incarcerazione di massa, ma la radice è la stessa, secondo i rapporti pubblicati martedì sull’influente rivista medica JAMA: The Uneven Nature of How American Society Is Structured.

Ciò include l’accesso a scuole di alta qualità, posti di lavoro con un salario dignitoso, alloggi in quartieri sicuri, assicurazione sanitaria e assistenza sanitaria – tutti elementi che incidono sulla salute e sul benessere. Per secoli, ai neri sono stati legalmente negati questi benefici e i ricercatori affermano che dobbiamo ancora mitigarne completamente gli effetti.

ha affermato Thomas LaVeste, decano della School of Public Health and Tropical Medicine presso la Tulane University e autore principale dello studio sugli effetti economici delle disparità sanitarie. “Hanno deliberatamente escluso i lavoratori domestici e agricoli che erano sproporzionatamente neri. Non è stato completamente smantellato”.

E l’aspettativa di vita più breve dei neri americani significa che non guadagnano tanto denaro quanto hanno investito nella previdenza sociale. Tuttavia, le persone nate nel 1960 possono iniziare a ricevere tutti i benefici della previdenza sociale all’età di 67 anni Secondo i Centers for Disease Control and PreventionUomini neri nati quell’anno L’aspettativa di vita media era di soli 61 anni.

Non solo questa persona sta pagando in un sistema da cui non beneficia pienamente, ma anche la società ci perde “perché questa persona non è presente come parte dell’economia”, ha detto LaVeste. Abbiamo pagato le tasse scolastiche per questa persona, che trova lavoro, paga le tasse e muore prematuramente. La società non recupera mai l’investimento in quella persona.

Ciò ha un costo significativo in termini di prontezza militare e idoneità della forza lavoro, in dollari e centesimi.

I ricercatori hanno esplorato l’onere economico della disuguaglianza sanitaria quando qualcuno muore prematuramente o deve pagare spese vive e pagamenti di terze parti agli operatori sanitari per visite al pronto soccorso, servizi di ambulanza o cure oculistiche e dentistiche.

Hanno anche calcolato le perdite economiche quando le persone non possono lavorare perché loro o un parente è malato, O quando i dipendenti vengono al lavoro ma sono meno produttivi perché non si sentono bene.

Espandendo la loro analisi a una fascia demografica più ampia, i ricercatori hanno concluso che il mancato raggiungimento dell’equità sanitaria nel 2018 è costato alla nazione 1,03 trilioni di dollari. Questo prezzo include l’onere per gli adulti americani di età superiore ai 25 anni che non hanno una laurea, nonché l’onere per i nativi americani, gli asiatici, i neri, i latini e gli abitanti delle isole del Pacifico.

Più di due terzi dell’onere economico sperimentato dalle comunità di colore è attribuito a morti premature, con la maggior parte di queste morti premature provenienti dalla comunità nera. Nel frattempo, il rapporto afferma che “gli adulti con una laurea di 4 anni non hanno costi di morte prematura”.

Quasi 40 anni fa, studio dopo studio ha iniziato a esaminare i diversi esiti di salute nella comunità nera Facendo riferimento a uno studio fondamentale sulla salute dei neri e delle minoranze che è diventato noto come “Rapporto Heckler“Così chiamato perché scrisse quando Margaret Heckler era segretaria alla salute del presidente Ronald Reagan. I due studi pubblicati martedì non fanno eccezione alla citazione di questo rapporto, che attribuiva 60.000 morti in eccesso all’anno alle disparità di salute in quanto divenne un appello determinante per la nazione.

ha detto Darrell Hudson, che ricerca le disparità di salute presso la Washington University di St. Louis. “La scoperta non è nuova. La nostra comprensione dei meccanismi, delle politiche e delle pratiche si è evoluta”.

Nei decenni successivi, la medicina moderna ha visto grandi scoperte scientifiche e scoperte tecnologiche, ma questi progressi non hanno beneficiato tutti allo stesso modo. Nel loro insieme, affermano i ricercatori, i rapporti di martedì sfatano molti miti su come la società ha risposto – e non ha risposto – all’allarme lanciato più di una generazione fa.

“Tendiamo ad avere questa idea che nel tempo stiamo migliorando costantemente”, ha detto Jessica Owens-Young, assistente professore presso il Dipartimento di studi sulla salute dell’Università americana, dove conduce ricerche sull’equità sanitaria. Ma ha detto: “Non possiamo sempre presumere che mentre continuiamo a innovare migliorerà e proteggerà la salute delle persone”.

Nunez-Smith, che era presidente della Covid-19 Health Equity Task Force del presidente Biden, ha affermato che il rapporto sulle morti in eccesso compromette l’idea che le cause profonde delle disparità razziali nella salute riflettano “un fattore deterministico che la razza è biologica”.

Nunez-Smith e altri ricercatori hanno analizzato i certificati di morte dal 1999 al 2020 per giungere alle loro conclusioni sull’eccesso di mortalità: il numero di decessi osservati rispetto a quanto ci si aspetterebbe se i tassi di mortalità per neri e bianchi fossero gli stessi.

Dal 1999 all’inizio del 2010, il rapporto ha rilevato che il divario nelle morti in eccesso si è ridotto, scendendo di circa il 48% per gli uomini di colore e di circa il 61% per le donne di colore rispetto alle loro controparti bianche. Ma in seguito i progressi si sono stabilizzati e il sovraccarico di morte è persistito ostinatamente fino a quando non si è gonfiato nel 2020.

Eccesso di morti durante il primo anno di coronavirus Il rapporto afferma che l’epidemia ha superato quella di qualsiasi anno precedente dello studio.

I neonati sopportano il peso delle morti in eccesso e degli anni di vita persi insieme agli adulti di età superiore ai 50 anni. E il divario di mortalità tra uomini e donne si è notevolmente ampliato, secondo il rapporto.

Lo studio rileva che le principali cause di morte in eccesso e di anni di vita persi includono la mortalità infantile, le malattie cardiache e il cancro.

“Questi risultati suggeriscono che gli attuali sforzi per ridurre o eliminare le disparità nella mortalità sono stati meno efficaci e che i progressi, una volta raggiunti, sono stati fragili”, ha concluso il rapporto.

I numeri rappresentano qualcos’altro, ha affermato Harlan Krumholz, MD, cardiologo presso la Yale University School of Medicine e coautore dello studio sulla mortalità in eccesso: c’è un bisogno maggiore di avere un’idea di “dove stiamo fallendo e quanto grande il problema è.”

“Perché non accettare che questo sia davvero il razzismo come causa di morte?” chiese Krumholz. “Quali altri problemi di salute hanno causato questo tipo di perdita?”

Lo studio ha mostrato che, con l’eccezione della fascia di età da 1 a 10 anni, i maschi neri hanno sperimentato i più alti tassi di morte in eccesso e anni di vita persi, una scoperta che Derek Griffiths, direttore del Center for Men’s Health Equity presso l’Institute for Racial Justice della Georgetown University, rafforza la necessità di cercare modi per “il sessismo contro il razzismo anti-nero e usarlo come base per il modo in cui interveniamo”.

Griffiths ha affermato che il rapporto menziona “il razzismo strutturale, ma è troppo palese per essere uno strumento. Il razzismo anti-nero si manifesta in stereotipi e metafore. È questa narrativa culturale che definisce perché è positivo per noi avere questi stereotipi”.

Ha detto che molti di questi stereotipi sono visti attraverso una lente di genere.

La ricerca mostra che i ragazzi neri sono spesso visti come più grandi, più forti e meno innocenti dei loro coetanei. I neri sono visti come criminali, intellettualmente inferiori, “padri morti”. Le donne nere sono ridotte a caricature razziste di immoralità, aggressività e “regina del lusso”.

“Tendiamo a non pensare ai driver strutturali dell’ingiustizia razziale in modo abbastanza sottile”, ha affermato Griffiths. Ha osservato che parlare di cattive condizioni di salute per gli uomini di colore “è spesso scomodo. Cerchiamo di trattarlo come un modello razziale senza occuparci di un modello di genere”.

Queste differenze sono evidenti nel modo in cui gli uomini sono socializzati per gestire lo stress e la loro salute. Inoltre, molti programmi governativi e sanitari tendono ad essere orientati ad aiutare le madri single, hanno affermato i ricercatori, ma questi stessi servizi non sono disponibili per uomini e padri single.

“Nel corso del tempo, abbiamo scoperto che lo stato socioeconomico non protegge nello stesso modo in cui protegge le altre persone, specialmente per gli uomini di colore che denunciano una maggiore discriminazione quanto più alto è il loro reddito e la loro istruzione”, ha affermato Hudson, dell’Università di Washington.

Spesso, per trovare un movimento verso l’alto, i neri devono attraversare i confini, navigare principalmente in spazi bianchi per ottenere un’istruzione, guadagnarsi da vivere, ottenere un prestito e crescere un figlio. Questo può essere pungente, ha detto Hudson, perché se qualcuno spinge costantemente i limiti, sperimenta costantemente lo stress o lo anticipa.

Lo stress è una reazione fisiologica, una rigidità. Al primo segnale di pericolo, il cervello suona un allarme, innescando un torrente di segnali nervosi e ormonali che inondano il flusso sanguigno. La sovraesposizione a questi ormoni logora il corpo, facendolo ammalare e invecchiando ulteriormente, o “tempo”.

Sebbene gli agenti atmosferici non siano specifici della razza, si pensa che influiscano in modo specifico sui neri a causa dello stress unico e inesorabile causato dal razzismo. La ricerca mostra che i neri hanno Tassi molto più alti di ipertensione, obesità, diabete e ictus rispetto ai bianchi, e avevano quelle condizioni croniche 10 anni fa.

“I nostri corpi non sono abbastanza sviluppati per rendersi conto che questo non è un leone della savana, ma qualcuno che ti ha appena guardato in modo strano”, ha detto Hudson.Il costo della mobilità sociale ascendente. “

Ma c’è motivo di speranza, e può essere trovato nel periodo durante la pandemia di coronavirus, quando il divario tra i tassi di mortalità tra neri e bianchi ha iniziato a ridursi e persino a capovolgersi. Nel 2021, i bianchi hanno registrato il secondo più grande calo dell’aspettativa di vita, perdendo un anno intero mentre i neri hanno perso 0,7 anni, secondo il CDC.

“Perché è successo?” ha chiesto Reid Tucson, co-fondatore della Black Coalition Against Covid. Ha detto che ci sono due ragioni. “Uno di questi era, ovviamente, i messaggi devastanti che provenivano da molti leader politici bianchi, ma anche l’impatto della mobilitazione della fede nera, delle organizzazioni comunitarie, delle organizzazioni sociali e fraterne”.

Tucson, internista ed ex commissario per la salute pubblica a Washington, ha affermato che lo sforzo travolgente della comunità nera di “lottare per le nostre vite” nonostante le scarse risorse mostra che è tempo che il governo federale “trovi un modo per creare finanziamenti sostenibili e prevedibili su larga scala sostenere la comunità nera e le sue istituzioni.

“Abbiamo dimostrato di poter recuperare nonostante una gara con un’incudine sulla schiena”, ha detto.

READ  Finalmente sappiamo perché alcune delle galassie più antiche hanno smesso di formarsi 12 miliardi di anni fa

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *