Gli Stati Uniti scoraggiano l’India dal portare avanti l’accordo sui missili S-400 con la Russia

Nell’ottobre 2018, l’India ha firmato un accordo da 5 miliardi di dollari con la Russia per l’acquisto di cinque unità dei sistemi missilistici di difesa aerea S-400, nonostante l’allora amministrazione Trump avvertisse che portare avanti il ​​contratto potrebbe invitare le sanzioni statunitensi.

Leggi anche: Il dispiegamento del primo reggimento dell’S-400 terminerà il mese prossimo

L’amministrazione Biden non ha ancora chiarito se imporrà sanzioni all’India in base alle disposizioni del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act per l’acquisto di sistemi missilistici S-400.

CAATSA è una severa legge statunitense approvata nel 2017 che autorizza l’amministrazione statunitense a imporre sanzioni ai paesi che acquistano importanti equipaggiamenti per la difesa dalla Russia.

James O’Brien, candidato del presidente Biden per il coordinatore del Dipartimento di Stato per la politica delle sanzioni, è stato chiesto all’udienza di mercoledì se l’esperienza degli Stati Uniti con la Turchia offrisse avvertimenti o lezioni su come andare avanti con l’India.

Gli Stati Uniti hanno già imposto sanzioni alla Turchia ai sensi del US Anti-Terrorism Act (CAATSA) per l’acquisto di un lotto di sistemi di difesa missilistica S-400 dalla Russia.

Dopo le sanzioni statunitensi alla Turchia per l’acquisto di sistemi missilistici S-400, si temeva che Washington potesse imporre misure punitive simili all’India. La Russia era uno dei maggiori fornitori di armi e munizioni dell’India.

“Penso che siano circostanze completamente diverse e, ovviamente, diverse partnership di sicurezza, ma come pensi che dovremmo pensare alla possibilità di punire i nostri amici e non solo alle minacce?” ha chiesto il senatore Todd Young O’Brien, un ex dipendente del Dipartimento di Stato.

READ  Crisi in Ucraina: cosa chiede la Russia e come ha risposto l'Occidente? | notizie dal mondo

In risposta, O’Brien ha affermato che è difficile confrontare le due situazioni, con un alleato della NATO che penetra in sistemi obsoleti di approvvigionamento della difesa, e poi con l’India, un partner sempre più importante con legami di lunga data con la Russia.

“L’amministrazione ha chiarito che sta scoraggiando l’India dall’andare avanti con l’acquisizione di attrezzature russe e ci sono importanti considerazioni geostrategiche, in particolare per quanto riguarda il rapporto (incomprensibile) con la Cina. Quindi, penso che dobbiamo guardare il saldo”, ha detto.

“Naturalmente, l’India ha già preso alcune decisioni, quindi sarebbe troppo presto per dire di più. Ma questo è qualcosa che non vedo l’ora di lavorare con te e altri membri interessati”, ha detto O’Brien.

L’India sta perseguendo una politica estera indipendente e le sue acquisizioni nel settore della difesa sono guidate dai suoi interessi di sicurezza nazionale, ha affermato il Ministero degli Affari Esteri (MEA) nel novembre dello scorso anno, tra le preoccupazioni per le possibili sanzioni statunitensi contro Nuova Delhi per l’acquisto dell’S-400. Sistemi missilistici della Russia.

L’S-400 è conosciuto come il più avanzato sistema di difesa missilistica terra-aria a lungo raggio della Russia.

Il senatore Young ha affermato che l’India sta attualmente ricevendo il sistema S-400 russo e sta acquisendo nuove fregate dalla Russia.

“Entrambi sono sistemi importanti per gli indiani”, ha detto.

“L’India è un alleato vitale nella nostra competizione contro la Cina e, pertanto, credo che dovremmo resistere all’adozione di qualsiasi misura che potrebbe allontanarli da noi e dal Quartetto. Pertanto, sostengo fermamente una rinuncia alle sanzioni CAATSA contro l’India, dato il nostro comune estero interessi politici”.

READ  Spiegazione: Forti piogge in Cina 1.000 anni fa, con conseguenti inondazioni devastanti

“Come molti qui sanno, gli indiani hanno molti sistemi legacy dei decenni precedenti e sono interoperabili con i sistemi russi. Gli indiani cercano di difendere le loro frontiere terrestri dalle incursioni cinesi e difendere l’Oceano Indiano dalla libertà sempre più avventurosa senza legge dell’Oceano Blu dell’Esercito di Liberazione. del popolo”.

Il Quartetto – che comprende Giappone, India, Australia e Stati Uniti – è un gruppo di quattro paesi. Nel novembre 2017, i quattro paesi hanno dato forma alla tanto attesa proposta di creare un “Quartetto” per sviluppare una nuova strategia per mantenere libere da qualsiasi influenza le rotte marittime vitali nella regione indo-pacifica.

Tra la crescente preoccupazione globale per il comportamento espansionista della Cina, i ministri degli esteri degli Stati membri del Quartetto si sono incontrati a Tokyo il 6 ottobre e hanno riaffermato la loro visione collettiva di un Indo-Pacifico libero, aperto e inclusivo.

Ci sono crescenti richieste negli Stati Uniti che sollecitano l’amministrazione Biden a concedere all’India una deroga al CAATSA.

Nell’ottobre dello scorso anno, due senatori statunitensi – Mark Warner del Partito Democratico e John Cornyn del Partito Repubblicano – hanno esortato il presidente Biden a non imporre sentenze CAATSA contro l’India per l’acquisto del sistema missilistico S-400, sostenendo che era in America interesse per la sicurezza nazionale.

“Vi incoraggiamo vivamente a concedere all’India un’esenzione CAATSA per l’acquisto pianificato del sistema missilistico terra-aria S-400 Triumf. Nei casi in cui la concessione dell’esenzione avanzi gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, questa autorità di rinuncia, come scritto in legge dal Congresso, conceda al presidente ulteriore discrezionalità nell’applicazione delle sanzioni”, hanno scritto in una lettera a Biden.

READ  Ostaggi in una sinagoga del Texas negli Stati Uniti, un uomo armato ha cercato di liberare un terrorista pachistano

Warner, presidente del Comitato ristretto permanente per l’intelligence del Senato, e Cornyn, Senate Minority Whip for the Old Grand Party (GOP), sono i co-presidenti dell’India Power Caucus al Senato, l’unico caucus specifico per paese negli Stati Uniti Senato.

Parlando della sua visita in India, il senatore Tommy Tuberville ha dichiarato: “Sono lieto che il primo ministro Modi non solo si sia impegnato a continuare a sostenere le operazioni per la libertà di navigazione, ma l’India le aumenterà”.

Tuberville è un membro del Comitato per i servizi armati del Senato. “Ho visitato le Filippine, Guam, Taiwan e l’India. Scopo: ascoltare i nostri alleati e osservare da vicino la minaccia che la Cina rappresenta per i suoi vicini, il libero scambio e la democrazia. Abbiamo anche discusso della risposta della regione al COVID”. PTI LKJ MRJ AKJ MRJ

Questa notizia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. Solo il titolo è cambiato.

partecipazione a Newsletter di menta

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Gestione dei contratti finanziari Ricerche su dimensioni del mercato, domanda, crescita, trend, segmento e previsioni per il 2026
Next Post Nintendo dà il via alle attività imminenti per il 30° anniversario di Kirby