Gli Stati Uniti possono ancora vincere l’oro dopo la scioccante sconfitta contro la Svezia?

Sabato alle 16:30 una partita di calcio olimpica è diventata improvvisamente uno spettacolo televisivo da non perdere.

Mercoledì l’inizio della partita a Tokyo La partita tra gli americani e la Nuova Zelanda è la situazione che gli americani devono vincere. Gli Stati Uniti hanno battuto la Svezia 3-0 in 44 partite.

La performance inanimata mette i favoriti della medaglia d’oro e i campioni del mondo a rischio di un’impensabile uscita anticipata. Le prime due squadre avanzano ai quarti di finale dalla fase a gironi, quindi gli Stati Uniti non possono rischiare nulla per vincere di nuovo sabato e martedì contro l’Australia, nona classificata.

“So che usciranno per vendetta e saremo obiettivi”, ha detto Ali Riley, un laureato di Stanford che gioca per la Nuova Zelanda.

Da quando il calcio femminile è diventato lo sport olimpico nel 1996, gli americani sono sempre passati dallo status di squadra. Solo una volta non sono riusciti a raggiungere la finale, quando hanno perso contro la Svezia nei quarti di finale nel 2016.

Gli americani cercano la loro quinta medaglia d’oro e il traguardo senza precedenti di vincere un titolo olimpico dopo aver vinto la Coppa del Mondo femminile.

Ma dopo essere stati sorpassati da una squadra svedese forte, veloce e ben organizzata, gli Stati Uniti hanno bisogno di una ripartenza completa per avanzare ai quarti di finale.

“All’inizio della partita perdi punti e ora sei in modalità fai o muori, quindi devi raccogliere punti, altrimenti andiamo a casa velocemente, non vogliamo farlo”, la star Megan Robino detto ai giornalisti.

Steina Blacksteinius ha segnato un gol in ogni tempo mentre la Svezia ha sfruttato il lato destro della difesa americana con un attacco dopo aver colpito l’intera tonnellata di cristallo.

READ  La partita dei Mets-Braves è stata rinviata a causa delle previsioni di forti piogge.

D’altra parte, poiché il dominio della Svezia a centrocampo non ha permesso agli Stati Uniti di scatenare molte gravi minacce, i peggiori attaccanti degli Stati Uniti sono stati messi a tacere.

Parlando di vittoria, il portiere svedese Hedwick Lindell ci ricorda che perdere una partita d’esordio non significa automaticamente il destino.

“Anche se perdi contro gli Stati Uniti o con chiunque tu abbia giocato nella prima partita, puoi fare molto in una partita, quindi non so cosa significhi”, ha detto. “Ma abbiamo dimostrato al mondo e a noi che possiamo giocare meglio contro qualsiasi squadra come gli Stati Uniti”.

La Nuova Zelanda può fare lo stesso sabato?

Mercoledì Fernandez ha perso 2-1 contro l’Australia, considerata la squadra più morbida del Gruppo G. Ma ecco il fischio: la complessità del calcio porta a strane conseguenze.

Sebbene gli americani abbiano sconfitto la Nuova Zelanda 5-0 all’esibizione di maggio, il pareggio contro gli Stati Uniti non era in discussione. Hanno battuto la Nuova Zelanda 4-0 a Pechino e 2-0 alle Olimpiadi di Rio.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Aprendo la sua economia con l’aumento del delta alternativo, il Regno Unito diventa un banco di prova per Covid-19-19
Next Post “Basta”: il gruppo NSO afferma che non risponderà più alle richieste dei media | Ultime notizie dall’India