Gli Stati Uniti non lasceranno l’Australia sola contro la Cina

Anthony Blinken ha rassicurato il pieno sostegno dell’Australia di fronte alla coercizione economica cinese.

Punti salienti

  • Gli Stati Uniti hanno rassicurato il loro sostegno all’Australia di fronte alla coercizione economica della Cina
  • Le tensioni tra Cina e Australia si sono intensificate su una pletora di questioni
  • La Cina la scorsa settimana ha sospeso tutte le attività come parte della strategia sino-australiana

Washington:

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha rassicurato giovedì il suo pieno sostegno all’Australia di fronte alla coercizione economica da parte della Cina, mentre Washington e Canberra celebrano il 70 ° anniversario della loro alleanza.

Rivolgendosi a una stampa congiunta con il ministro degli Esteri australiano Maryse Payne, Blinken ha dichiarato: “Ho ribadito che gli Stati Uniti non lasceranno l’Australia sola sul campo, o forse dovrei dire sola sul campo, di fronte alla coercizione economica della Cina. Cosa stanno facendo gli alleati “.

“Oggi abbiamo avuto l’opportunità di riaffermare il nostro incrollabile impegno nei confronti dell’alleanza USA-Australia, che è stata per decenni un pilastro di pace, sicurezza e stabilità nell’Oceano Indiano e nel Pacifico”, ha aggiunto.

Le tensioni sono aumentate tra Cina e Australia su una pletora di questioni che ora hanno portato al punto in cui i media statali cinesi sono colpiti da attacchi di missili balistici se Canberra viene coinvolta in un potenziale conflitto militare su Taiwan.

La Cina la scorsa settimana ha sospeso tutte le attività nel quadro del dialogo economico strategico Cina-Australia, un forum lanciato nel 2014 e tenutosi l’ultima volta nel 2017. La decisione arriva poche settimane dopo che l’Australia ha annullato il controverso accordo Belt and Road con la Cina.

READ  Naseeruddin Shah chiede film di propaganda

Parlando allo stesso giornalista insieme a Blinken, il ministro degli esteri australiano ha affermato di cercare un rapporto costruttivo con la Cina. “Nella nostra riunione di oggi, abbiamo ovviamente discusso le nostre relazioni con la Cina. L’Australia sta cercando un rapporto costruttivo con la Cina. Siamo pronti in qualsiasi momento, tra tutti i miei colleghi e colleghi, a riprendere il dialogo”, ha detto Marys Payne. .

“Ma siamo stati anche aperti, chiari e coerenti sul fatto che abbiamo a che fare con una serie di sfide. Accogliamo con favore una chiara espressione di sostegno da Washington mentre l’Australia lavora attraverso queste differenze. È difficile pensare a un più onesto espressione di amicizia “.

Canberra è stata bloccata in una guerra commerciale in corso con Pechino per diversi mesi poiché la Cina ha imposto sanzioni su diversi prodotti australiani.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata da una troupe di NDTV ed è stata pubblicata da un feed comune.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I limiti della coercizione economica cinese
Next Post La grande pubblicità di Serena Williams dopo la sconfitta