Gli Stati Uniti hanno un chiaro avvertimento per i mercati emergenti

Il Dipartimento del Tesoro lancia un avvertimento al mondo emergente: il modello di esportazione ha perso la strada verso la prosperità. In precedenza si pensava che fosse nell’interesse degli Stati Uniti – come un modo per ottenere beni economici e abbondanti – questo modello di sviluppo ora deve affrontare maggiori incertezze. Il messaggio all’Asia dovrebbe essere forte e chiaro, anche se alcune economie hanno avuto successo la scorsa settimana.

Nella sua valutazione semestrale delle politiche di cambio dei partner commerciali, il Dipartimento del Tesoro ha smesso di classificare Taiwan, Vietnam e Svizzera come manipolatori di valuta, anche se soddisfacevano i criteri. In tempi normali, sarebbero stati contrassegnati con il simbolo Scarlet M per mantenere intenzionalmente basse le loro monete. Ma i funzionari non erano in grado di determinare se le loro pratiche tutt’altro che ideali fossero intraprese alla ricerca di un vantaggio commerciale o semplicemente per sostenere i mercati e mitigare la recessione. La pandemia ha distorto i flussi di capitali a livello globale e molti paesi, tra cui gli Stati Uniti, hanno risposto allo stesso modo. Questa volta, il trio se la è cavata con il rap sulle nocche delle dita. Un approccio più morbido è un passaggio dall’amministrazione Trump, che ha bollato Hanoi e Berna come manipolatori, e ha incolpato un altro gruppo, tra cui India, Thailandia, Singapore e Corea del Sud.

Quando fu creato alla fine degli anni ’80, il Rapporto del Tesoro era visto principalmente come rivolto al Giappone. Nel tempo, l’attenzione si è spostata sulla Cina, il prossimo concorrente strategico e commerciale, i cui poteri giocano un ruolo importante nella gestione della valuta del paese.

Eppure il coraggio del post della scorsa settimana rivela una visione del mondo che si estende ben oltre Pechino. Dalla legge del 2015 che ha aggiunto parametri di riferimento per misurare, il calo dei surplus delle partite correnti e dei surplus commerciali bilaterali è stato un mirino con la complessità delle transazioni in valuta estera. Non è sufficiente dire semplicemente che il Paese X ha venduto la sua valuta per un valore di $ 1 nel corso di un mese Z in disobbedienza. I funzionari stanno anche esaminando l’entità dell’avanzo delle partite correnti e se rappresenta almeno il 2% del PIL. Esaminano inoltre l’avanzo commerciale bilaterale. Se il divario è di almeno $ 20 miliardi su un periodo di 12 mesi, questo è un segno contro di te. Moltiplica tre di questi e sarai manipolatore. Selezionane due e crea quella che viene chiamata lista di controllo. È così che amici come Corea del Sud, Germania, Italia, Singapore, Thailandia, Malesia, Giappone e India vengono osservati con una sorta di disinfettante. (La Cina è lì adesso).

READ  L'economia del Myanmar è in caduta libera, le fabbriche sono vuote, le banche sono chiuse e Internet è interrotto

Gli ultimi due rapporti includevano una revisione della storia dello sviluppo di alcuni dei partner commerciali persi negli ultimi decenni. Studiano come queste economie abbiano attratto la produzione dall’estero e si siano intrecciate in posizioni critiche nelle catene di approvvigionamento globali che hanno iniziato a serpeggiare in tutta l’Asia negli anni ’80. Taiwan è stata esaminata nell’ultimo numero, mentre il Vietnam è uscito a dicembre, quando è stato chiamato l’impianto di perforazione. Gli argomenti per l’analisi aumentativa tendono ad essere i canili e queste sintesi potrebbero anche descrivere il modo in cui le economie asiatiche sono uscite dalla povertà: attrarre investimenti diretti esteri (spesso grazie a manodopera a basso costo, ma anche attraverso agevolazioni fiscali), aderenza alle infrastrutture e stabilire la prossimità dal grande mercato. Questo è ciò che ha spinto le multinazionali, molte delle quali con sede negli Stati Uniti, a sviluppare un punto d’appoggio nella regione. E poiché i paesi asiatici a rapida crescita industriale erano così dipendenti dal commercio, odiavano i tassi di cambio costosi. E poiché la destinazione finale di queste merci erano gli scaffali dei negozi in California o le linee di fabbrica nel Midwest, era facile per funzionari e politici guardare dall’altra parte. Questo modello si è eroso nel clima politico, quindi qual è il prezzo che gli Stati Uniti stanno estraendo nel tentativo di cambiare il colpevole della moneta? È un po ‘soffice. L’appuntamento, se e quando arriva, non comporta sanzioni immediate. La legge impone al Dipartimento del Tesoro di impegnarsi con i manipolatori per affrontare questo problema. Le sanzioni, comprese le squalifiche dai contratti del governo degli Stati Uniti, possono essere applicate dopo un anno, a meno che l’etichetta non venga rimossa. Può anche essere utilizzato come bastone da altre agenzie che hanno le proprie priorità e le proprie circoscrizioni. L’anno scorso, l’ufficio del Rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha indagato se fossero necessari rimedi per correggere le valutazioni poco costose della valuta vietnamita, il Dong, ma questa volta il Dipartimento del Tesoro rischia di incoraggiare il comportamento che cerca di cambiare. Taiwan ha accennato al dilemma il mese scorso quando il governatore della Banca centrale Yang Chen Long ha affermato che il suo ampio surplus commerciale con gli Stati Uniti era dovuto alla forte domanda di semiconduttori, non a un vantaggio ingiusto derivante dall’intervento valutario. “Se vogliono ridurre il surplus commerciale con loro, possiamo smettere di vendere loro i nostri chip”, ha scherzato Yang ai legislatori, “Ma ne hanno bisogno!”

READ  L'impatto delle riforme fiscali nazionali sull'economia dell'UE

Yang può avere ragione, ma per Taiwan – un argomento costante negli scenari di giochi di guerra basati su un possibile attacco cinese – la forza dell’amicizia americana non vale la pena di essere messa alla prova.

Qui è dove l’esperienza del Vietnam è utile. Si è passati da un piccolo manifesto del trasporto delle catene di approvvigionamento dell’era della guerra commerciale dalla Cina, a suscitare le fiamme di voci potenti nell’industria e nel governo, diffidenti nel minare i produttori americani. Un rapporto del Tesoro a dicembre è stato sintomatico di questo sviluppo. Per un paese che pensava di trarre vantaggio dalla produzione di voli dalla Cina – proprio quello che voleva Trump – è stata un’esperienza realistica. Il Vietnam, e altri ex manipolatori, non sarebbero saggi a considerarsi fuori dalla giungla solo perché Janet Yellen questa volta ha rifiutato. L’area grigia è importante. Se pensi che tutto a Washington riguardi la Cina, gli ultimi due rapporti del Tesoro suggeriscono il contrario. Va oltre le nostre linee guida di trading giornaliere in RMB. Un quadro per il progresso economico è recentemente all’esame. Il vero test sarà quando i disturbi COVID-19 inizieranno a regredire.

Daniel Moss è un editorialista di Bloomberg che copre le economie asiatiche. In precedenza ha lavorato come redattore esecutivo di Bloomberg News per l’economia globale e ha guidato team in Asia, Europa e Nord America.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. È cambiato solo il titolo.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sherrill Burke si scusa con il partner di ‘DWTS’ Ian Zering per essere ‘spericolato’ e ‘disgustoso’
Next Post La marina indonesiana perde il contatto con il sottomarino; A bordo 53: N.P.R.