Gli Stati Uniti hanno smesso di descrivere i manipolatori di valuta in Vietnam, Svizzera e Taiwan

Nel suo primo rapporto semestrale sui cambi pubblicato dal Segretario al Tesoro Janet Yellen, il Dipartimento del Tesoro ha affermato che avrebbe avviato un “impegno rafforzato” con Taiwan e avrebbe continuato tali colloqui con il Vietnam e la Svizzera dopo che l’amministrazione Trump ha descritto gli ultimi due come manipolatori di valuta in Dicembre.

Il Dipartimento del Tesoro ha affermato che Taiwan, Vietnam e Svizzera hanno superato i limiti valutari per il periodo dal 2015 al 2020: un surplus commerciale bilaterale di oltre $ 20 miliardi con gli Stati Uniti, interferenze valutarie superiori al 2% del PIL e un surplus delle partite correnti globali in eccesso del 2% del PIL Totale.

Nonostante questa conclusione, il Dipartimento del Tesoro ha affermato che non vi erano prove sufficienti ai sensi di una precedente legge del 1988 per concludere che Vietnam, Svizzera o Taiwan stessero manipolando i tassi di cambio per ottenere un vantaggio commerciale o impedire aggiustamenti della bilancia dei pagamenti.

“Per l’anno 2020, non siamo giunti a una conclusione per quanto riguarda l’assegnazione della manipolazione”, ha detto ai giornalisti un funzionario del Tesoro, aggiungendo: “Non lo vediamo come un messaggio misto”.

La mossa toglie parte della pressione dalla Svizzera e dal Vietnam aumentando il rating del manipolatore almeno nei prossimi sei mesi.

La Banca nazionale svizzera ha negato che stesse manipolando il franco svizzero e ha affermato che il rapporto non cambierà la sua politica monetaria.

“Data la situazione economica e il persistere di un valore elevato del franco svizzero, la BNS resta pronta a intervenire, se necessario, sul mercato dei cambi”, ha affermato la BNS in un comunicato.

READ  Fonti: la Gran Bretagna preme per sanzioni contro i talebani durante la riunione del G7

Un funzionario della banca centrale taiwanese ha affermato che la decisione degli Stati Uniti di non marcare il manipolatore mostra che c’è una continua buona comunicazione tra Taipei e Washington su questo tema e che le autorità statunitensi comprendono la “situazione speciale” di Taiwan.

Le esportazioni di Taiwan incentrate sulla tecnologia negli Stati Uniti, inclusi laptop e semiconduttori, sono aumentate nel 2020 a causa del boom del lavoro da casa causato dalla pandemia di coronavirus.

In una dichiarazione di sabato, la Banca di Stato del Vietnam ha affermato che continuerà a perseguire una politica di cambio flessibile gestita in modo da contenere l’inflazione, garantire la stabilità macroeconomica e non creare un vantaggio commerciale sleale.

Effetti di COVID-19

Un funzionario del Tesoro ha affermato che è possibile per i paesi superare i test previsti dalla legge “meccanica” del 2015 e non manipolare la propria valuta per aumentare le esportazioni.

Ha detto che i risultati del rapporto hanno preso in considerazione le massicce distorsioni nel commercio e nel flusso di capitali all’epidemia e le opzioni di politica fiscale e monetaria che i governi hanno adottato per rispondere ad esse.

Senza la pandemia, ha aggiunto il funzionario, “i risultati saranno probabilmente un po ‘diversi”, comprese le tre economie che hanno colpito gli incentivi a partecipare.

Il rapporto del Tesoro ha anche affermato che la crisi del COVID-19 continuerà probabilmente a influenzare le condizioni delle partite correnti nel prossimo anno, poiché la ripresa è accelerata in alcune economie e ritardata in altre, aggiungendo che questi cambiamenti sono stati motivo di preoccupazione.

“Il Dipartimento del Tesoro sta lavorando instancabilmente per indirizzare gli sforzi delle economie straniere per manipolare artificialmente i valori della loro valuta, mettendo i lavoratori americani in una situazione ingiusta”, ha detto Yellen in una nota.

READ  Vendite al dettaglio in improvviso crollo in Gran Bretagna; Borse europee in calo - Business Live | un lavoro

Il Dipartimento del Tesoro ha affermato in una dichiarazione che la maggiore partecipazione include colloqui formali per sollecitare Vietnam, Svizzera e Taiwan a sviluppare piani con azioni specifiche per affrontare le cause alla base della svalutazione e degli squilibri esterni.

I colloqui aiuteranno anche il Dipartimento del Tesoro a determinare le ragioni dei sostanziali interventi dei tre partner commerciali nel mercato valutario.

A Taiwan, il Dipartimento del Tesoro ha detto che avrebbe avviato un impegno rafforzato in linea con il Trade Facilitation and Trade Enforcement Act del 2015. Si aspetta che questi colloqui aiutino a determinare se Taiwan ha manomesso la sua valuta ai sensi della legge del 1988.

Osserva il Messico e l’Irlanda

Il Dipartimento del Tesoro ha affermato che nessun altro importante partner commerciale degli Stati Uniti soddisfa i criteri legislativi pertinenti del 1988 o 2015 per la manipolazione della valuta o l’analisi aumentata durante il periodo in esame.

Il Tesoro ha esortato la Cina a migliorare la trasparenza per quanto riguarda le attività di intervento sui cambi, gli obiettivi politici del sistema di gestione del tasso di cambio, il rapporto tra la banca centrale e le attività di cambio delle banche statali e le loro attività nel mercato dello yuan estero.

Il Dipartimento del Tesoro ha affermato di aver scoperto che 11 economie giustificano l’inclusione nella “lista di controllo” del Tesoro dei principali partner commerciali che meritano grande attenzione nelle loro pratiche valutarie: Cina, Giappone, Corea del Sud, Germania, Irlanda, Italia, India, Malesia, Singapore, Thailandia e il Messico. Tutti tranne l’Irlanda e il Messico sono stati inclusi nel rapporto del dicembre 2020 al Congresso.

READ  Le entrate dell'anno fiscale 2019/20 di Paul Smith diminuiscono del 18% a causa della pandemia

La reazione sul mercato dei cambi è stata attenuata, con il franco svizzero leggermente più forte e il peso messicano leggermente più debole.

La banca centrale thailandese ha dichiarato di non aver visto alcun impatto sui flussi di affari o sulla sua capacità di attuare politiche macroeconomiche per proteggere la stabilità interna dopo essere rimasta nella lista degli Stati Uniti.

La Banca della Thailandia afferma che il paese non ha mai utilizzato il tasso di cambio come strumento per ottenere un vantaggio commerciale sleale o una competitività sui suoi partner commerciali, ha detto in una dichiarazione Chantavarn Sucharitakul, assistente del governatore della banca.

“Mi suona come una decisione politica e non basata su regole”, ha detto Thierry Weizmann, analista di interesse globale e valutario presso Macquarie Group, aggiungendo che il Tesoro sembra stia cercando di determinare l’intento delle politiche di cambio.

“Sembra che l’amministrazione stia cercando di non offendere gli alleati qui … quegli alleati che saranno i più importanti nel contenere la Cina”, ha detto Wezeman.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo.

partecipazione a Newsletter di menta piperita

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sharon Osborne si rifiuta di guardare “The Talk”, poiché lo spettacolo torna senza di lei
Next Post Perché Joe Biden non cambierà la vita dei palestinesi | Notizie di Benjamin Netanyahu