Gli Stati Uniti evacuano 200 alleati che hanno aiutato durante la guerra in Afghanistan e finanziano i loro visti | notizie dal mondo

Gli Stati Uniti venerdì hanno trasferito nella loro nuova casa 200 alleati afgani che hanno aiutato gli americani durante la guerra in Afghanistan, lontano dalla minaccia diretta dei talebani. Il primo di questi voli di evacuazione è atterrato la mattina presto all’aeroporto internazionale Dulles di Washington, secondo l’Associated Press, citando un documento interno del governo degli Stati Uniti e un servizio di tracciamento dei voli commerciali. Secondo il documento, l’aereo trasportava 221 afgani, tra cui 57 bambini e 15 bambini.

Leggi anche | I video mostrano che ai talebani non interessa la pace in Afghanistan

Nel frattempo, il Congresso degli Stati Uniti sta prendendo provvedimenti per accelerare la concessione dei visti per gli afghani per aiutarli a stabilirsi nelle loro nuove vite in America. Il governo federale ha approvato una legge di emergenza giovedì pomeriggio che, tra le altre cose, aumenterebbe il numero di visti per gli alleati che hanno lavorato a fianco degli americani nella guerra in Afghanistan.

Il disegno di legge da 2,1 miliardi di dollari prevede una rinnovata sicurezza al Campidoglio di Washington, una misura considerata molto necessaria dopo la violenza violenta del 6 gennaio, e stanzia anche fondi aggiuntivi per i traduttori e altri che hanno lavorato a stretto contatto con le forze governative statunitensi e i civili in Afghanistan.

Leggi anche | Report: il fotoreporter danese Siddiqui è stato giustiziato dai talebani

Le evacuazioni statunitensi mirano a reinsediare ex interpreti e altri che temono rappresaglie da parte dei talebani afghani per il loro lavoro con militari e civili statunitensi. Solo una settimana fa, il talebano ha decapitato il traduttore Sohail Pardis, vicino alla sua casa nella capitale, Kabul. Pardis è stato traduttore per l’esercito degli Stati Uniti per 16 mesi durante il conflitto che è durato più di due decenni.

READ  Gli indiani d'America piangono le vittime della comunità

L’Associated Press ha osservato che i voli di evacuazione evidenziano l’incertezza degli Stati Uniti su come il governo e l’esercito afghani otterranno dopo che le ultime truppe da combattimento statunitensi lasceranno quel paese nelle prossime settimane.

Anche gli interpreti e gli altri alleati statunitensi che viaggiano su voli statunitensi sono accompagnati dalle loro famiglie. Funzionari statunitensi hanno detto all’inizio di questo mese che avrebbero dovuto rimanere a Fort Lee, in Virginia, per diversi giorni. I voli successivi sono destinati a portare più richiedenti che sono più avanti nel processo di visto, avendo già ottenuto l’approvazione e l’approvazione dello screening di sicurezza.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Cosa devono sapere i leader sull’amicizia al lavoro?
Next Post Queste app Android sono le più vulnerabili all’hacking