Gli Stati Uniti ei loro alleati stanno cercando di affrontare la sfida cinese

Supporto Taiwan:
La Cina è l’unico rivale degli Stati Uniti che può rimodellare l’ordine internazionale, ha affermato Anthony Blinken, mentre il massimo diplomatico italiano ha salutato l’importanza della pace attraverso lo stretto.

  • Scrittore del personale, con CNA a Washington

Giovedì il segretario di Stato americano Antony Blinken ha individuato la Cina come l’unico rivale degli Stati Uniti in grado di rimodellare l’ordine internazionale e ha affermato che Washington ha radunato alleati per affrontare le sfide poste da Pechino, anche mantenendo la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan. .

Parlando a un evento per evidenziare “quattro delle aree più critiche” per la diplomazia quest’anno, Blinken ha affermato che gli Stati Uniti hanno accelerato la convergenza strategica con alleati e partner statunitensi per contrastare la Repubblica popolare cinese.

“Questo è fondamentale, perché mentre la Russia rappresenta una minaccia diretta all’ordine internazionale libero e aperto, la Repubblica popolare cinese è il nostro unico concorrente con l’intento di rimodellare l’ordine internazionale, e sempre più con il potere economico, diplomatico, militare e tecnologico portare avanti quell’obiettivo”.

Foto: EPA-EFE

Blinken ha affermato che gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno rafforzato la cooperazione sullo screening degli investimenti e sui controlli delle esportazioni di tecnologie sensibili ed emergenti per affrontare le principali sfide poste dalla Cina, dalla coercizione economica ai diritti umani.

Blinken ha affermato che i membri della NATO si sono impegnati per la prima volta ad affrontare “le sfide sistemiche della RPC alla sicurezza euro-atlantica” approvando il Concetto strategico dell’alleanza per quest’anno.

“Abbiamo lavorato per approfondire il coordinamento della NATO con l’Australia, il Giappone, la Repubblica di Corea, la Nuova Zelanda e gli altri nostri alleati del Pacifico”, ha affermato.

“Siamo uniti nel nostro impegno a mantenere la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan, e continuiamo a sollevare preoccupazioni e intraprendere azioni congiunte sulle violazioni dei diritti umani da parte della Repubblica popolare cinese nello Xinjiang e in Tibet, [and] L’erosione della libertà di espressione e di stampa a Hong Kong.

L’importanza della pace e della stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan è stata evidenziata nei colloqui ad alto livello tra gli Stati Uniti e i suoi alleati da quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è entrato in carica nel gennaio dello scorso anno.

Solo questo mese, l’argomento è stato discusso durante l’incontro di Biden con il presidente francese Emmanuel Macron il 1° dicembre, il secondo incontro del dialogo UE-USA Cina il 2 dicembre, le consultazioni ministeriali USA-Australia il 6 dicembre e l’incontro diplomatico. L’incontro tra Stati Uniti e Italia del 7 dicembre.

Oltre ad affrontare l’approccio alla Cina, Blinken ha affermato che gli Stati Uniti hanno mobilitato il mondo per garantire che l’invasione russa dell’Ucraina fosse un fallimento strategico, mobilitato ampie coalizioni per offrire soluzioni a molteplici sfide globali e utilizzato la diplomazia per promuovere la pace e prevenire e mitigare i conflitti.

Nel frattempo, il rappresentante in Italia Li Seng-ying (李新穎) ieri ha ringraziato il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani dopo che mercoledì il massimo diplomatico ha espresso il sostegno dell’Italia al mantenimento dello “status quo” attraverso lo Stretto di Taiwan per la prima volta mercoledì.

Li ha affermato che le osservazioni hanno dimostrato che Tajani è preoccupato per il mantenimento della pace, della stabilità e della prosperità attraverso lo stretto.

Lo ha detto Tajani, che è anche vice primo ministro italiano, in un discorso di apertura di una conferenza dei diplomatici italiani per sottolineare il loro impegno per gli interessi nazionali ei valori transatlantici e comunitari.

READ  Il ministro dell'Economia italiano si aspetta negoziati duri sulle nuove regole del debito dell'UE

All’evento di due giorni hanno partecipato quasi 100 inviati italiani, compreso il rappresentante italiano a Taiwan Davide Giglio, che ha partecipato in teleconferenza da Taipei.

I commenti saranno moderati. Mantieni i commenti pertinenti all’articolo. I commenti contenenti linguaggio volgare o volgare, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozioni verranno rimossi e l’utente bannato. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’amministratore delegato di Vivendi si è detto soddisfatto dei colloqui costruttivi su TIM in Italia
Next Post Bill Gates su ciò che conta mentre ci dirigiamo verso il 2023