Gli Stati Uniti e la Cina si scontrano sul Mar Cinese Meridionale in una riunione ad alto livello del Consiglio di sicurezza dell’ONU presieduta dall’India

Gli Stati Uniti e la Cina si sono scontrati lunedì durante una riunione ad alto livello sulla sicurezza marittima presieduta dal primo ministro Narendra Modi, poiché Washington ha affermato di aver assistito ad “azioni provocatorie” per avanzare rivendicazioni marittime illegali nel Mar Cinese Meridionale da parte di Pechino che ha risposto che L’America è la stessa. Non qualificato per fare “osservazioni irresponsabili” su questo tema.

Il Primo Ministro Modi ha presieduto il virtuale dibattito aperto ad alto livello sulla sicurezza marittima, uno dei tre eventi distintivi dell’attuale presidenza indiana del potente organismo di 15 nazioni delle Nazioni Unite. L’incontro è stato poi presieduto dal ministro degli Esteri S Jaishankar, dove i ministri degli esteri e gli inviati delle Nazioni Unite hanno reso le loro dichiarazioni nazionali.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha parlato di “alcune aree critiche in cui vediamo minacciate norme e principi navali”.

In un velato attacco alla Cina, ha detto Blinken, quasi tutti i 1,3 milioni di miglia quadrate della Cina meridionale sono sottomarini come territorio sovrano.

La Cina sta costruendo basi militari su isole artificiali nell’area rivendicate anche da Brunei, Malesia, Filippine, Taiwan e Vietnam.

Gli Stati Uniti hanno espresso chiaramente le proprie preoccupazioni in merito a misure che intimidiscono e prevaricano altre nazioni dall’accesso legale alle loro risorse marine. Noi e altri paesi, compresi i richiedenti del Mar Cinese Meridionale, abbiamo protestato contro tale comportamento e rivendicazioni marittime illegali nel Mar Cinese Meridionale.

“Alcuni potrebbero affermare che risolvere la controversia nel Mar Cinese Meridionale non è prerogativa degli Stati Uniti o di qualsiasi altro Paese che non ha diritti su isole e acque. Ma la responsabilità di ogni Stato membro, e ancor di più, è quella di difendere il regole che tutti abbiamo concordato di seguire e per risolvere pacificamente le controversie marittime”.

READ  Il virus Corona è fuggito dal laboratorio di Wuhan? Cina vs Oms sulle origini del Covid

“Un conflitto nel Mar Cinese Meridionale o in qualsiasi oceano avrà gravi conseguenze globali per la sicurezza e il commercio. Inoltre, quando un paese non deve affrontare alcuna conseguenza per aver ignorato queste regole, porta a una maggiore impunità e instabilità ovunque”.

Intervenendo per ultimo all’incontro, il Vice Rappresentante Permanente della Cina Dai Bing ha detto di voler “far notare che il Consiglio di Sicurezza non è il posto giusto per discutere la questione del Mar Cinese Meridionale. Gli Stati Uniti hanno appena menzionato la questione del Mar Cinese Meridionale e la Cina si oppone fermamente a questa azione».

Ha detto che al momento “con gli sforzi congiunti della Cina e ASEAN La situazione nel Mar Cinese Meridionale rimane generalmente stabile. Tutti i paesi godono della libertà di navigazione e sorvolo in conformità con il diritto internazionale”.

Il diplomatico cinese ha affermato che Pechino è “determinata e in grado di mantenere la pace e la stabilità nel Mar Cinese Meridionale”.

Rivolgendosi a Washington, ha affermato che gli stessi Stati Uniti non sono qualificati per rilasciare dichiarazioni irresponsabili sulla questione del Mar Cinese Meridionale.

Gli Stati Uniti hanno creato problemi dal nulla, inviando arbitrariamente navi e aerei militari avanzati nel Mar Cinese Meridionale come provocazioni e cercando apertamente di creare un cuneo nei paesi della regione, in particolare nei paesi coinvolti.

Questo stesso paese è diventato la più grande minaccia alla pace e alla stabilità nel Mar Cinese Meridionale. Gli stessi Stati Uniti non aderiscono alla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), ma si considerano un giudice della Convenzione e puntano il dito contro gli altri Paesi”, aggiungendo che Washington non ha credibilità per quanto riguarda le questioni marittime.

READ  La base imponibile di Joe Biden strapperebbe miliardi di grandi fortune alla morte

Il clamore degli Stati Uniti nel Consiglio di sicurezza è interamente motivato politicamente. Il diplomatico cinese ha affermato che il tribunale arbitrale del Mar Cinese Meridionale ha violato il principio del consenso statale, aggiungendo che “c’erano errori evidenti nello stabilire i fatti e nell’applicazione della legge e la sua sentenza era nulla e senza alcun valore vincolante”.

Ha affermato che la Cina e i paesi dell’ASEAN sono impegnati nella piena ed effettiva attuazione della Dichiarazione sotto la condotta delle parti nel Mar Cinese Meridionale e si adoperano per raggiungere il Codice di condotta nel Mar Cinese Meridionale in una data tempestiva.

Blinken ha sottolineato la decisione unanime e giuridicamente vincolante cinque anni fa del tribunale arbitrale formato ai sensi della Convenzione sul diritto del mare del 1982 “che rigettava fermamente le rivendicazioni marittime illegali ed espansive del Mar Cinese Meridionale in quanto incompatibili con il diritto internazionale”.

Ha sottolineato che Washington ha costantemente invitato tutti i paesi a conformare le proprie rivendicazioni marittime al diritto internazionale del mare, come stabilito nella Convenzione del 1982.

“Ciò è in linea con la risoluzione pacifica delle controversie e l’uguaglianza sovrana degli Stati membri, che sono principi fondamentali sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite”, ha affermato, aggiungendo che gli sforzi per risolvere le controversie marittime attraverso la minaccia o l’uso della forza sono in contrasto con questi principi. .

Blinken ha espresso la gratitudine di Washington al Primo Ministro Modi per “averci riunito in questa discussione molto importante” sulla sicurezza marittima e per “la leadership dell’India su questi temi”, in particolare nell’Indo-Pacifico.

Ha affermato che nonostante un chiaro corpus di diritto internazionale che gli Stati si sono impegnati a rispettare e sostenere, e nonostante il ruolo indispensabile che il sistema marittimo ha svolto nella promozione dell’attività economica, della cooperazione per la sicurezza, dell’innovazione scientifica e della sostenibilità ambientale, il sistema è seriamente minacciato .

READ  L'indiano statunitense Joe Biden nomina Shalina de Kumar giudice federale

“Ecco perché sono grato per la leadership dell’India nel riunirci oggi e invitare tutte le nazioni a impegnarsi nuovamente a difendere le regole e i principi marittimi che insieme forgiamo e ci impegniamo a sostenere e rafforzare”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Attenzione! La Lamborghini Countach è tornata
Next Post 2022 Volkswagen Arteon ottiene grande trazione e aggiunge DSG