Gli Stati Uniti annunciano la “sospensione” di ulteriori dazi sull’India e altri cinque five

Gli Stati Uniti hanno annunciato mercoledì una “sospensione” di tariffe aggiuntive su alcuni beni provenienti dall’India e da altri cinque Paesi che, a conclusione di un’indagine durata un anno, li hanno ritenuti aver adottato tasse sui servizi digitali ritenute discriminatorie nei confronti della loro attività.

L’ufficio del più grande rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) ha affermato che le nuove tariffe entreranno in vigore solo dopo 180 giorni, lasciando il tempo per i negoziati nel Gruppo dei Venti e nell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). in un annuncio pubblicitario.

“Gli Stati Uniti sono concentrati sulla ricerca di una soluzione multilaterale a una serie di importanti questioni fiscali internazionali, comprese le nostre preoccupazioni sulla tassa sui servizi digitali (DST)”, ha affermato Catherine Tay. Gli Stati Uniti restano impegnati a costruire un consenso sulle questioni fiscali internazionali attraverso i processi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e del G-20. Le azioni odierne forniscono il tempo affinché tali negoziati continuino a fare progressi, preservando la possibilità di imporre tariffe ai sensi dell’articolo 301, se giustificato in futuro”.

Gli Stati Uniti hanno avviato un’indagine completa del dipartimento sulle tasse sui servizi digitali adottate da nove paesi e una giurisdizione nel giugno 2020: India, Austria, Brasile, Repubblica Ceca, Indonesia, Italia, Spagna, Turchia, Regno Unito e Unione Europea,

Nel gennaio 2021, l’Office of the US Trade Representative (USTR) ha concluso che i DST in India, Austria, Turchia, Regno Unito, Italia e Spagna “discriminano le società digitali statunitensi, sono contrari ai principi fiscali internazionali e sovraccaricano le società statunitensi. “

A marzo, l’ufficio dell’US Trade Representative (USTR) ha annunciato azioni commerciali contro queste sei entità e ha iniziato un periodo di notifica pubblica e sospensione, con audizioni.

READ  "Vai lì, guadagna": Malta paga i turisti stranieri che la visitano per almeno 3 giorni

Nell’avviso pubblico emesso ad aprile che chiedeva commenti e annunciava un’udienza nell’indagine relativa all’India, l’Office of the US Trade Representative (USTR) ha messo in dubbio la tassa del 2% che l’India aveva adottato sulle entrate da un’ampia gamma di servizi digitali, tra cui servizi di piattaforma digitale Vendite di contenuti digitali, vendite digitali di beni specifici dell’azienda, servizi relativi ai dati, software-as-a-service e altri. E ho notato che i DST si applicano solo alle aziende “non residenti”.

Il rappresentante per il commercio aveva detto nello stesso annuncio che la misura commerciale di ritorsione che propone è una tariffa aggiuntiva fino al 25% t “a seconda del valore a livello aggregato del commercio che riscuoterà i dazi sulle merci dell’India all’interno della gamma del quantità di DST che l’India dovrebbe raccogliere dalle società statunitensi”, che, ha aggiunto, ammonterebbe a quasi $ 55 milioni all’anno.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Pace aiuta Risso Cubs a battere Patrice 6-1
Next Post No Man’s Sky rilascia un nuovo enorme aggiornamento “prismatico”