Gli SF Giants fanno slittare per tutta la stagione sui D-back; Sopra 1.500

PHOENIX – Mancavano sei anni ai Giants per uscire da questo orribile funk. Ma dopo la prestazione irregolare di Dominique Lyon e diverse occasioni da gol perse, lo slittamento è stato esteso a sei partite, eguagliando il record della stagione.

Leon ha ceduto il pareggio sul 6-2 su uno dei due tiri selvaggi all’ottavo inning prima che i T-Backs aprissero il gioco con il fuoricampo di tre punti di Camilo Dowell, in cui Leon ha eliminato tutti e quattro i corridori ammessi in base. Cinque inning di corsa.

“So che non stiamo puntando il dito”, ha detto Leon. “Ma se c’è qualcuno a cui puntare il dito stasera, sono sicuramente io.”

Con la loro dodicesima sconfitta nelle ultime 15 partite, i Giants si trovano sul 40-39, solo una partita su .500. Con la loro seconda sconfitta in due partite contro l’Arizona, hanno pareggiato il totale delle sconfitte con i D-back la scorsa stagione sul 17-2.

2-1 in vantaggio all’ottavo inning.

“Penso sia giusto dire che abbiamo giocato un buon baseball per una parte di quella partita. Non credo che fosse la nostra qualità”, ha detto l’allenatore Gabe Kapler. “Dobbiamo essere migliori in molte cose diverse. Questo è senza dubbio vero. Non abbiamo giocato abbastanza a baseball. Non abbiamo giocato abbastanza a baseball nell’ottavo inning per vincere la partita, quindi alla fine non meritavamo di vincere la partita.

Il primo lancio selvaggio di Leon si è intrufolato tra le gambe di Austin Vince, consentendo a Josh Rojas di pareggiare la partita a 2 dal terzo. La sua seconda palla veloce ha fatto esplodere la zona di attacco e il guanto di Vince attraverso la zona di attacco. Alla terza base, Dowell ha installato la sacca di Buddy Kennedy mentre prendeva il controllo. Dalton Varshaw ha realizzato un tiro da tre punti che ha portato al 6-2.

READ  La Francia ha richiamato i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia in relazione alla nuova Alleanza per la sicurezza nazionale

Rojas ha aperto l’inning. Una volta raggiunto la base, Rojas era una minaccia prima di segnare il punto di pareggio.

“Rojas ha lanciato una partita pazzesca”, ha detto Kapler. “Un gioco fatto di rado. Ha avuto due strikeout contro un soccorritore duro, che è una cosa molto difficile da fare. Poi è diventato una peste sulla base e ha preso il comando con molta sicurezza e qualche rischio, e ha mostrato un grado di impavidità che ci ha fatto rispondere lanciando, visitando, calpestando. A volte può distrarre”.

Il catcher dei San Francisco Giants Austin Vince insegue un campo selvaggio lanciato dal lanciatore di soccorso Dominic Leone durante l’ottavo inning della partita di baseball della squadra contro gli Arizona Diamondbacks, martedì 5 luglio 2022, a Phoenix. I Diamondbacks hanno vinto 6-2. (Foto AP/Ross D. Franklin)

Vince si è preso la “piena responsabilità” per le due palle che lo hanno superato, dicendo: “Sono un ricevitore; prendi la palla”. Le partite decisive e frustranti sono arrivate solo un inning dopo che Vince ha rotto un pareggio per 1-1 in una partita di pochi centimetri.

Con Yermin Mercedes in cima al settimo posto, Vince ha lasciato cadere una volata a sinistra. Cooper Hummel, in seguito, ha tentato una presa scorrevole, ma la palla è rimbalzata oltre il suo guanto con una fetta del suo corpo in territorio buono. Hummel avrebbe commesso fallo se non l’avesse toccata, ma invece dopo una sfida vincente dell’allenatore Gabe Kapler, la partita si è conclusa con la Mercedes che correva a casa e Vince in prima base.

Se il bullpen dei Giants fosse durato, si sarebbe rivelata una corsa decisiva.

Il lanciatore titolare dei San Francisco Giants Alex Wood lancia un battitore degli Arizona Diamondbacks durante il primo inning di una partita di baseball martedì 5 luglio 2022 a Phoenix.  (Foto AP/Ross D. Franklin)
Il lanciatore titolare dei San Francisco Giants Alex Wood lancia un battitore degli Arizona Diamondbacks durante il primo inning di una partita di baseball martedì 5 luglio 2022 a Phoenix. (Foto AP/Ross D. Franklin)

Consentendo una corsa su cinque inning, il titolare dei Giants Alex Wood ha abbassato la sua ERA a 5-under, 4,83. Aveva bisogno di soli 71 tiri per arrivare al quinto, ma il suo stiramento al tendine del ginocchio e la formazione dei Diamondbacks sono cambiati per la terza volta, con Kapler che è tornato al bullpen dei Giants.

READ  Colin Morikawa è fermamente a favore di un fitto calendario di importanti campionati

Wood ha superato i suoi primi quattro frame, avendo bisogno di soli 17 tiri per giocarne due, quindi ha registrato tutti e quattro i suoi strikeout in un intervallo di sei battitori tra il terzo e il quinto. Ma dopo il suo pugno finale – una palla veloce di 94 miglia all’ora oltre Buddy Kennedy – nel primo del quinto, Carson Kelly ha segnato una doppia regola di base sul guanto teso di Joc Pederson e oltre il muro del campo destro. Due battitori dopo, Geraldo Perdomo ha scelto di fare tutto il danno che i T-back stavano facendo contro Wood.

“Non sarà più deludente delle ultime 15 partite”, ha detto Wood. “Non siamo noi. Ma raggiungi dei posti nella stagione e di solito hai due scelte. Puoi imballarlo e dire che questo è quello che siamo e questo è quello che saremo per il resto della strada, oppure vieni fuori e combatti e cambia questa cosa. Stanotte è il culmine di tutto. “Penso di sì”.

Ancora una volta, i Giants hanno lasciato le corse sul tabellone. Hanno lasciato sette corridori in base e sono andati 2 su 11 con corridori in base.

“Vinci quella partita 2-1 e non ci pensi”, ha detto Kapler. “Ma quando rinunci a un quinto posto, è decisamente così. Puoi avere due o tre anni e decifrare la stessa cosa? Certo, ma a nessuno importa, quindi ha senso richiamare momenti prima della partita quando abbiamo avuto la possibilità di fare un grande inning.

Joc Pederson ha fatto bene su un’opportunità carica di basi nel quarto che ha portato a casa Austin Slater su un volo a sacco per dare a San Francisco un vantaggio di 1-0. Ma l’inning si è aperto con tre duri singoli di Slater, Wilmer Flores e Darrin Roof.

READ  Mentre Jason Tat si alza, così fanno i Celtics
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Titoli pre-mercato: l’euro più basso rende l’Europa molto più conveniente
Next Post Chi è Nadim Zahawi, il ministro britannico dietro Rishi Sunak?