Gli scolari in Nuova Zelanda scoprono nuove specie

Pinguino gigante di Kawhia dei piedi dell’operatore subacqueo. Credito Simon Giovanardi

Un pinguino fossile gigante scoperto dagli scolari della Nuova Zelanda è stato rivelato come una nuova specie in una revisione tra pari Journal of Vertebrate Paleontology dai ricercatori della Massey University.

I pinguini hanno reperti fossili che risalgono all’incirca all’età dei dinosauri e il più antico di questi pinguini è stato scoperto ad Aotearoa. I pinguini fossili di Zealandia (antica Aotearoa) sono conosciuti principalmente da Otago e Canterbury, anche se di recente sono state fatte importanti scoperte a Taranaki e Waikato.

Nel 2006, un gruppo di scolari in una gita di caccia ai fossili presso l’Hamilton Junior Club (JUNATS), guidato dal paleontologo del club Chris Templar, ha scoperto le ossa di un gigantesco pinguino fossile.

Ricercatori della Massey University e del Bruce Museum (Connecticut, USA) hanno visitato il Waikato Te Weir Taunga o Waikato Museum per analizzare le ossa fossili di un antico pinguino. Il team ha utilizzato la scansione 3D come parte della loro indagine e ha confrontato i fossili con copie digitali di ossa provenienti da tutto il mondo. La scansione 3D significa anche che il team può produrre una replica stampata in 3D del fossile per i naturalisti dell’Hamilton Jr. Il vero fossile di pinguino è stato donato dal club al Museo Waikato nel 2017.

Il dottor Daniel Thomas, docente di zoologia presso la Massey School of Natural and Computational Sciences, afferma che il fossile ha tra i 27,3 e i 34,6 milioni di anni e risale a un’epoca in cui gran parte di Waikato era sott’acqua.

“Il pinguino sembra Cairo I pinguini giganti sono stati descritti per la prima volta da Otago ma hanno gambe molto più lunghe, che i ricercatori hanno usato per chiamare il pinguino. Wawerwa – Te reo Māori per “gambe lunghe”. Queste zampe più lunghe avrebbero reso il pinguino molto più alto degli altri Cairo Mentre camminava sulla terraferma, era probabilmente alto circa 1,4 metri e potrebbe aver influenzato la velocità di nuoto o la profondità di immersione”, afferma il dott. Thomas.

READ  Telescopio spaziale Hubble della NASA difettoso: la risoluzione dei problemi identifica la possibile soluzione

“È stato un vero privilegio contribuire alla storia di questo fantastico pinguino. Sappiamo quanto sia importante questo fossile per così tante persone”, aggiunge.

tuffatore a piedi È un’icona per molte ragioni. Il pinguino fossile ci ricorda che condividiamo la Zealandia con incredibili lignaggi animali che raggiungono le profondità del tempo, e questa condivisione ci dà un ruolo importante nella tutela. Il modo in cui è stato scoperto il pinguino fossile, dai bambini che hanno scoperto la natura, ci ricorda l’importanza di incoraggiare le generazioni future a diventare kaiteaki [guardians]. “

È qualcosa che i ragazzi coinvolti ricorderanno per il resto della loro vita, afferma Mike Savy, presidente di Junior Naturalist di Hamilton Junior.

“È stato un raro privilegio per i bambini del nostro club avere l’opportunità di scoprire e salvare questo enorme pinguino fossile. Incoraggiamo sempre i giovani a esplorare e godersi i posti meravigliosi. Ci sono così tante cose meravigliose che aspettano di essere scoperte. “

Stefan Savi era presente nelle missioni di scoperta e salvataggio. “È surreale sapere che la scoperta che abbiamo fatto da bambini molti anni fa sta contribuendo al mondo accademico di oggi. Ed è persino una nuova specie! I pinguini giganti sono raramente conosciuti in Nuova Zelanda, quindi è davvero bello sapere che la comunità continua per studiarli e conoscerli meglio.” Ovviamente, il giorno che ho passato a rimuovere l’arenaria è stato ben speso!”

C’era anche la dottoressa Esther Dale, un’ecologa vegetale che ora vive in Svizzera.

“È abbastanza eccitante essere coinvolti nella scoperta di un fossile così grande e relativamente completo, per non parlare di una nuova specie! Sono entusiasta di vedere cosa possiamo imparare da esso sull’evoluzione dei pinguini e sulla vita in Nuova Zelanda”.

READ  Il successore di Hubble, il telescopio spaziale James Webb, è finalmente pronto per la spedizione

Aiuta Alwyn Dale a recuperare il fossile. “È stata sicuramente una di quelle cose un po’ surreali da guardare – l’ultimo momento della lista dei desideri per me. Dopo essermi unito a JUNATS, ci sono state alcune storie famose di scoperte incredibili ed esperienze speciali – e lo scavo di un fossile di pinguino gigante deve essere giusto lì! Un vero testamento per tutti i genitori e i volontari che hanno dedicato il loro tempo e le loro risorse per creare ricordi unici e formativi per i soci del club”.

“Trovare un fossile è molto eccitante se si pensa alla quantità di tempo che è passato mentre questo animale si è nascosto rinchiuso nelle rocce”, afferma Tali Matthews, membro di lunga data dell’Hamilton Junior Naturalist Club, che lavora nel Dipartimento di La conservazione a Taranaki. Il pinguino gigante è su un altro livello. Man mano che verranno scoperti altri fossili di pinguino gigante, colmeremo più lacune nella storia. È molto eccitante. “

La ricerca è stata dettagliata in un documento intitolato “Uno dei pinguini fossili giganti dell’Oligocene dell’Isola del Nord della Nuova Zelanda, Inserito oggi in Journal of Vertebrate Paleontology. Descrivi lo studio tuffatore a piedi Essendo una nuova specie di pinguino fossile, fornisce un quadro più completo della diversità dei pinguini giganti.

Riferimento: “Pinguino fossile gigante dell’Oligocene dall’isola del nord della Nuova Zelanda” 16 settembre 2021, disponibile qui. Journal of Vertebrate Paleontology.
doi: 10.1080/02724634.2021.953047

Il dottorando Simone Giovanardi ha guidato la ricerca con il Dr. Daniel Ksepka e Bruce Museum e il Dr. Daniel Thomas della Massey University.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Formula 1: Daniel Ricciardo parla della sua mancanza di sonno dopo la vittoria dell’Italia nel Gran Premio
Next Post Scarface si sottopone con successo a un trapianto di rene grazie a suo figlio