Gli scienziati osservano un’enorme stella esplodere violentemente dopo un infausto addio

Rappresentazione artistica di una supergigante rossa che esplode.

Osservatorio WM Keck/Adam Makarenko

Per anni, gli esperti hanno pensato che le stelle più grandi dell’universo, le supergiganti rosse, fossero morte con un gemito. Ma nel 2020 gli astronomi sono testimoni del contrario. Uno di questi mostri scintillanti – 10 volte più massiccio del sole – si è autodistrutto violentemente dopo aver presentato al cosmo un ultimo, radioso faro di luce stellare.

“Questa è una svolta nella nostra comprensione di cosa fanno le stelle massicce pochi istanti prima di morire”, Wynn Jacobson-Galán detto in una dichiarazione Giovedì. Jacobson-Galán è un ricercatore di astronomia presso l’Università della California, a Berkeley, e in precedenza era uno studente ricercatore laureato presso la Northwestern University, dove è stato condotto uno studio sulla stella morente. “Per la prima volta, abbiamo visto esplodere una stella supergigante rossa”.

Jacobson-Galán è l’autore principale di un articolo pubblicato giovedì su The Astrophysical Journal che documenta l’eruzione della stella e il suo ultimo evviva di 130 giorni.

Durante l’attenta osservazione del team di ricerca, i membri hanno notato il leviatano stellare, situato a circa 120 milioni di anni luce dalla Terra nella galassia NGC 5731, luccicare prima della sua morte, offrendo un luccicante ma minaccioso addio alla terra dei vivi.

“È come guardare una bomba a orologeria che ticchetta”, ha detto in una nota Raffaella Margutti, del Centro per l’esplorazione interdisciplinare e la ricerca in astrofisica della Northwestern e autrice senior del documento.

L’illuminazione estrema della stella indicava che non era dormiente, o quiescente, come lo erano state le supergiganti rosse precedentemente osservate prima della loro scomparsa. Questa sfera lucente era molto attiva mentre si deteriorava, presumibilmente rilasciando gas represso con grande vigore e alterando in qualche modo la sua struttura interna, secondo il team.

Quindi, una volta che la “bomba” è esplosa, un evento culminante di supernova di tipo II etichettato SN2020tlf ha inondato il cielo di luce. “Non abbiamo mai confermato un’attività così violenta in una stella supergigante rossa morente dove la vediamo produrre un’emissione così luminosa, quindi collassare e bruciare”, ha detto Margutti. “Finora.”

I ricercatori hanno fatto la scoperta da remoto raccogliendo dati dal Keck Observatory Deep Imaging e dallo spettrografo multi-oggetto delle Hawaii, nonché dallo spettrografo Echellette nel vicino infrarosso. Questo modo innovativo di recuperare a distanza le informazioni astrofisiche alimenta le scoperte in modo tempestivo.

In futuro, il gruppo spera di continuare a utilizzare il metodo remoto per documentare eventi transitori ancora più sorprendenti, inclusi eventi che coinvolgono altre enormi supernove come quella raccontata nel loro recente studio. “Sono molto eccitato da tutte le nuove ‘sconosciute’ che sono state sbloccate da questa scoperta”, ha detto Jacobson-Galán.

“Il rilevamento di più eventi come SN2020tlf”, ha aggiunto Jacobson-Gán, “influirà sul modo in cui definiamo gli ultimi mesi dell’evoluzione stellare, unendo osservatori e teorici nella ricerca per risolvere il mistero su come le stelle massicce trascorrono gli ultimi momenti della loro vita”.

READ  Cyberpunk 2077 Next Generation Update per il rilascio all'inizio del 2022
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “Non c’è bisogno di una nuova registrazione”: il centro “dose precauzionale” contro il Covid-19 | Le ultime notizie sull’India
Next Post Heung-Min Son: L’attaccante del Tottenham rischia di saltare il resto del mese a causa di un infortunio muscolare | notizie di calcio