Gli scienziati monitorano i segnali di pericolo del crollo della Corrente del Golfo

Gli scienziati del clima hanno rilevato segnali di allarme del crollo della Corrente del Golfo, uno dei potenziali punti di non ritorno più importanti del pianeta.

La ricerca ha riscontrato una “perdita quasi completa di stabilità nell’ultimo secolo” per le correnti che i ricercatori chiamano Atlantic Overturning Rotation (AMOC). Le correnti sono già al punto più lento da almeno 1.600 anni, ma una nuova analisi mostra che potrebbero essere sul punto di spegnersi.

Un evento del genere avrebbe conseguenze disastrose in tutto il mondo, interrompendo gravemente le piogge da cui dipendono miliardi di persone per il cibo in India, Sud America e Africa occidentale; aumento delle tempeste e abbassamento delle temperature in Europa; Innalzamento del livello del mare nel Nord America orientale. Metterebbe in pericolo anche la foresta pluviale amazzonica e le calotte glaciali antartiche.

La complessità del sistema AMOC e l’incertezza sui futuri livelli di riscaldamento globale rendono impossibile prevedere la data di qualsiasi collasso al momento attuale. Potrebbe essere entro un decennio o due, o diversi secoli. Ma gli scienziati hanno affermato che l’enorme impatto che avrebbe significa che non dovrebbe mai accadere.

“Mostrare davvero segni di instabilità è qualcosa che non mi aspettavo e che trovo spaventoso”, ha detto Niclas Boers, dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico in Germania, che ha condotto la ricerca. “È qualcosa che non puoi fare [allow to]sta succedendo.”

Ha detto che non si sa quale livello di anidride carbonica potrebbe portare al crollo dell’AMOC. Quindi l’unica cosa da fare è mantenere le emissioni il più basse possibile. La probabilità di questo evento ad alto impatto aumenta con ogni grammo di anidride carbonica che immettiamo nell’atmosfera».

READ  La terra sta perdendo il suo splendore ed è per questo che dovremmo preoccuparci

punti critici

Gli scienziati sono sempre più preoccupati per i punti critici: grandi, rapidi e irreversibili cambiamenti del clima. Bowers e colleghi hanno riferito a maggio che gran parte della calotta glaciale della Groenlandia è sull’orlo, minacciando un significativo aumento del livello globale del mare.

Altri hanno recentemente dimostrato che la foresta pluviale amazzonica ora emette più anidride carbonica di quanta ne assorbe e che l’ondata di caldo siberiano del 2020 ha portato a un rilascio allarmante di metano.

Il mondo potrebbe aver già superato una serie di punti di non ritorno, secondo un’analisi del 2019, risultando in una “minaccia esistenziale per la civiltà”. Un importante rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici, previsto per lunedì, dovrebbe delineare il peggioramento dello stato della crisi climatica.

La ricerca di Boyer, pubblicata su Nature Climate Change, è intitolata “Segnali di preallarme basati sull’osservazione di un crollo AMOC”. I dati sulle carote di ghiaccio e altri dati degli ultimi 100.000 anni mostrano che l’AMOC ha due stati: uno veloce e forte, come abbiamo visto negli ultimi millenni, e uno lento e debole. I dati suggeriscono che le alte temperature possono far passare improvvisamente l’AMOC da uno stato a un altro per un periodo da uno a cinque decenni.

calotta glaciale della Groenlandia

L’amok spinge l’acqua marina densa e salata che affonda nell’Oceano Artico, ma lo scioglimento dell’acqua dolce dalla calotta glaciale della Groenlandia rallenta il processo prima di quanto suggeriscano i modelli climatici.

I boeri hanno usato l’analogia della sedia per spiegare come i cambiamenti nella temperatura e nella salinità dell’oceano possono rivelare l’instabilità dell’AMOC. Spingere la sedia ne cambia la posizione, ma non ne pregiudica la stabilità se tutte e quattro le gambe rimangono sul pavimento. L’inclinazione della sedia ne modifica la posizione e la stabilità.

READ  Gli anziani di Singapore hanno esortato a rimanere a casa per le prossime quattro settimane per proteggersi dal Covid-19

Otto set di dati misurati in modo indipendente per temperatura e salinità risalenti a 150 anni fa hanno permesso ai boeri di dimostrare che il riscaldamento globale sta effettivamente aumentando l’instabilità delle correnti, non solo cambiando il loro modello di flusso.

L’analisi ha concluso: “Questo declino [of the AMOC in recent decades] Potrebbe essere associato a una perdita quasi completa di stabilità nel secolo scorso e l’AMOC potrebbe essere vicino a una transizione critica verso una modalità di rotazione debole.

Lefke Cesar, dell’Università di Maynooth in Irlanda, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha dichiarato: “Il metodo di studio non può darci una tempistica esatta di un potenziale collasso, ma l’analisi fornisce prove che AMOC ha già perso stabilità, il che Prendo come un avvertimento che potremmo essere più vicini alla mancia da AMOC di quanto pensiamo”.

“Questi segnali di diminuzione della stabilità sono preoccupanti. Ma non sappiamo ancora se si verificherà il crollo o quanto ci siamo vicini”, ha affermato David Thornali dell’University College di Londra nel Regno Unito, il cui lavoro ha dimostrato che l’AMOC è al suo punto più debole in 1.600 anni. . – guardiano

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Capodanno islamico: cosa devi sapere | Notizie sulla religione
Next Post Coronavirus USA: decine di migliaia di persone vaccinate potrebbero contrarre il Covid-19. Ma gli esperti dicono che i non vaccinati sono la “grande autostrada della trasmissione”.