Gli scienziati identificano proteine ​​mutate legate al rischio di Alzheimer

Storia a colpo d’occhio


  • Il morbo di Alzheimer colpisce 5 milioni di persone negli Stati Uniti, secondo i dati del 2020.

  • I ricercatori stanno lavorando per comprendere i vari fattori di rischio che possono contribuire allo sviluppo della malattia.

  • I ricercatori hanno esaminato il ruolo della microproteina appena identificata nei mitocondri neuronali.

Una nuova ricerca rivela il ruolo che una specifica proteina può svolgere nell’Alzheimer, una malattia che colpisce 5 milioni di persone negli Stati Uniti, secondo Stime dal 2020.

In uno studio pubblicato oggi su Psichiatria MolecolareI ricercatori hanno identificato un nuovo gene del DNA mitocondriale che codifica per una “microproteina” chiamata SHMOOSE. Hanno analizzato le versioni predefinite e mutate di questa piccola proteina e hanno scoperto che la versione mutata era associata a un aumentato rischio di morbo di Alzheimer, atrofia cerebrale e cambiamenti nel metabolismo energetico.

L’ultima scoperta di SHMOose arriva quando alcuni mettono in dubbio l’autenticità di Alla ricerca di amiloide O placche che si formano nel cervello.

Il team ritiene che SHMOOSE, che hanno trovato nei mitocondri dei neuroni, sia importante per la segnalazione di energia e il metabolismo nel sistema nervoso centrale. I livelli di proteine ​​minuscole che si trovano nel liquido cerebrospinale sono associati ad altri segni del morbo di Alzheimer.

In un esperimento, hanno somministrato SHMOOSE direttamente nel cervello dei topi e hanno trovato prove che la proteina era attiva Danno solido Zoo e riccioloÈ una parte del cervello che produce ormoni specifici per la temperatura corporea, la frequenza cardiaca e la fame. Altri esperimenti in vitro che utilizzano cellule in coltura hanno confermato che le forme non modificate della microproteina possono influenzare il metabolismo mitocondriale.

READ  Sì, anche gli astronauti l'hanno visto. Le palle di fuoco hanno attraversato due volte il cielo del New Jersey nell'arco di pochi giorni.

“Questa scoperta apre nuove entusiasmanti direzioni per lo sviluppo di terapie basate sulla medicina di precisione per il morbo di Alzheimer, con un’enfasi su SHMOOSE come area target”, afferma Benchas Cohen, professore di gerontologia, medicina e scienze biologiche e autore principale dello studio. comunicato stampa. “La somministrazione di analoghi SHMOOSE in individui che portano la mutazione e producono la proteina mutante può rivelarsi utile nelle malattie neurodegenerative e in altre malattie dell’invecchiamento”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Cavallo di loghi famosi
Next Post L’uomo che ha ucciso la famiglia Boss è stato arrestato negli Stati Uniti per aver fallito la promozione della carriera dopo 8 anni: rapporto