Gli scienziati identificano nuovi potenziali benefici delle statine che vanno oltre l’abbassamento del colesterolo

Le statine sono una classe di farmaci che abbassano i livelli di colesterolo. Funzionano bloccando un enzima nel fegato responsabile della produzione di colesterolo.

Ricerche recenti collegano le statine a un minor rischio di ictus.

Secondo recenti ricerche su individui che fanno uso di statine, una classe di farmaci che riducono i livelli di colesterolo potrebbe avere meno probabilità di sviluppare emorragia intracerebrale. Un’emorragia cerebrale è un tipo di ictus causato da sanguinamento nel cervello. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Neurologia.

L’autore dello studio David Gaist, MD, PhD, ha dichiarato: “Mentre le statine hanno dimostrato di ridurre il rischio di ictus da coaguli di sangue, ci sono state ricerche contrastanti sul fatto che l’uso di statine aumenti o diminuisca il rischio di una prima emorragia di una persona”. .” D., da Università della Danimarca meridionale a Odense e membro dell’American Academy of Neurology. “Per il nostro studio, abbiamo esaminato le regioni lobulari e non lobulari del cervello per vedere se la posizione fosse un fattore per l’uso di statine e il rischio di emorragia intracerebrale per la prima volta. Abbiamo scoperto che coloro che usavano statine avevano meno probabilità di avere questo tipo di ictus emorragico in entrambe le regioni cerebrali Il rischio è inferiore con l’uso a lungo termine di statine.

La regione del lobo del cervello comprende la maggior parte del cervello, inclusi i lobi frontale, parietale, temporale e occipitale. La regione non lobulare comprende principalmente i gangli della base, il talamo, il cervelletto e il tronco encefalico.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche in Danimarca e identificato 989 persone con un’età media di 76 anni che avevano un’emorragia intracerebrale in una regione del lobo del cervello. Sono stati confrontati con 39.500 persone che non avevano avuto questo tipo di ictus e che erano simili per età, sesso e altri fattori.

Hanno anche esaminato 1.175 persone con un’età media di 75 anni che avevano un’emorragia intracerebrale nelle parti non lobulari del cervello. Sono stati confrontati con 46.755 persone che non avevano avuto questo tipo di ictus e che erano simili per età, sesso e altri fattori.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di prescrizione per determinare informazioni sull’uso di statine.

Del totale dei partecipanti, il 6,8% di coloro che hanno avuto un ictus assumeva statine da cinque anni o più, rispetto all’8,6% di coloro che non avevano avuto un ictus.

Dopo aver tenuto conto di fattori come l’ipertensione, il diabete e l’uso di alcol, i ricercatori hanno scoperto che le persone che attualmente facevano uso di statine avevano un rischio inferiore del 17% di avere un ictus nelle regioni del lobo del cervello e un rischio inferiore del 16% di avere una ictus negli altri. Regioni del lobo cerebrale.

L’uso a lungo termine delle statine è stato associato a un minor rischio di ictus in entrambe le regioni del cervello. Quando si usavano le statine per più di cinque anni, le persone avevano un rischio inferiore del 33% di avere un ictus nella regione lobare del cervello e un rischio inferiore del 38% di avere un ictus nella regione non lobulare del cervello.

“È una notizia rassicurante per le persone che assumono statine che questi farmaci sembrino ridurre il rischio di sanguinamento da ictus e il rischio di ictus da coaguli di sangue”, ha aggiunto Geist. Tuttavia, la nostra ricerca è stata condotta solo sulla popolazione danese, che è principalmente gente di discendenza europea. Più ricerca deve essere fatta in altre popolazioni.„

Riferimento: “Associazione tra uso di statine e sito di emorragia intracerebrale: studio del registro di controllo dei casi nidificato” di Nils Jensen Boe, Stein Monk Hald, May Michelsen Jensen, Jonas Asgard Pojsen, Mohamed Talal Hakim, Sandra Floresson, Alisa Saleh, Anne Clausen, Soren Mueller, Frederic Severin Gray Harbaugh, Oli Grumman, Jesper Halas, Luis Alberto García Rodriguez, Rustam Shahi Salman, Larry B. Goldstein e David Geist 7 dicembre 2022, disponibile qui. Neurologia.
doi: 10.1212/WNL.0000000000201664

Lo studio è stato finanziato dalla Novo Nordisk Foundation.

READ  La Miami Private School sta ordinando agli studenti vaccinati di rimanere a casa per 30 giorni come precauzione
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Juventus-Atalanta quote, scelte, come guardare, diretta: pronostici Serie A 22 gennaio 2023
Next Post Il ministro degli Esteri italiano incontra funzionari egiziani su immigrazione, Libia