Gli scienziati hanno usato un piccolo impianto cerebrale per aiutare un insegnante cieco a vedere di nuovo le lettere: NPR

L’ex insegnante di scienze Berna Gomez ha svolto un ruolo fondamentale in una nuova ricerca sul ripristino della vista ai ciechi. È stata nominata co-autrice dello studio pubblicato questa settimana.

Moran Eye Center, Università dello Utah


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Moran Eye Center, Università dello Utah

L’ex insegnante di scienze Berna Gomez ha svolto un ruolo fondamentale in una nuova ricerca sul ripristino della vista ai ciechi. È stata nominata co-autrice dello studio pubblicato questa settimana.

Moran Eye Center, Università dello Utah

Un ex insegnante di scienze che è stato cieco per 16 anni è ora in grado di vedere le lettere, distinguere i bordi degli oggetti – e persino giocare al videogioco Maggie Simpson – grazie a una protesi visiva che include una fotocamera e un impianto cerebrale, secondo Stati Uniti e Spagna ricercatori che hanno collaborato al progetto.

Il soggetto del test ha subito il trapianto per sei mesi e non ha avuto disturbi nella sua attività cerebrale o altre complicazioni di salute, secondo un riassunto dello studio pubblicato questa settimana in Journal of Clinical Investigation.

Lo studio rafforza quello che chiama “il sogno di vecchia data degli scienziati”, per impartire una forma primitiva di vista ai non vedenti inviando informazioni direttamente alla corteccia visiva del cervello.

“Questi risultati sono molto entusiasmanti perché dimostrano sicurezza ed efficacia”, ha affermato uno dei ricercatori principali, Eduardo Fernandez dell’Università Miguel Hernandez. nella situazione attuale. “Abbiamo fatto un importante passo avanti, dimostrando il potenziale di questi tipi di dispositivi per ripristinare la visione funzionale alle persone che hanno perso la vista”.

READ  I vulcani fungono da valvola di sicurezza per il clima a lungo termine della Terra - temperature superficiali stabili

La fotocamera invia i dati visivi direttamente al cervello

Nell’esperimento, un neurochirurgo ha impiantato una serie di microelettrodi nella corteccia visiva di Berna Gomez, un’ex insegnante cieca da più di 16 anni. L’impianto è stato poi accoppiato con una videocamera montata al centro di un paio di occhiali.

Dopo un periodo di addestramento, Gómez è stata in grado di decodificare le informazioni visive fornite dalla telecamera direttamente al suo cervello.

La formazione includeva un videogioco che ha aiutato Gomez a imparare come interpretare i segnali degli elettrodi. Nel gioco, uno schermo appare improvvisamente un’immagine di Maggie Simpson che tiene una pistola nella mano sinistra o destra. Il giocatore deve identificare correttamente la mano che tiene l’arma; Utilizzando l’input della matrice, Gomez ha imparato come avere successo in questo compito.

Al momento dello studio, Gomez aveva 57 anni. A causa del suo coinvolgimento, inclusa la sua capacità di fornire osservazioni clinicamente accurate agli scienziati, Gómez è stata nominata co-autrice dello studio.

Alcuni effetti protesici erano limitati; Ad esempio, Gomez non poteva selezionare tutte le lettere dell’alfabeto. Ma “distinse in modo affidabile alcune lettere come ‘I’, ‘L’, ‘C’, ‘V’ e ‘O'”, secondo lo studio.

Ulteriori studi potrebbero utilizzare più elettrodi per migliorare i dati visivi

La serie di microelettrodi è stata impiantata attraverso una “minicraniotomia”, una procedura che secondo i ricercatori è “semplice e segue le procedure neurochirurgiche standard”. Consiste nel fare un buco nel cranio di 1,5 cm (leggermente più grande di mezzo pollice).

L’array è largo solo 4 mm (circa un ottavo di pollice), ma contiene 96 elettrodi. Precedenti studi hanno scoperto che circa 700 elettrodi possono fornire a una persona cieca informazioni visive sufficienti per migliorare il suo movimento in misura utile, affermano i ricercatori. Poiché l’impianto richiede solo piccole correnti elettriche per stimolare la corteccia visiva, sperano di aggiungere più microarray in esperimenti futuri.

READ  Una gigantesca esplosione di rocce spaziali ha distrutto l'antica città di Hiroshima 1.000 volte

“Uno degli obiettivi di questa ricerca è dare maggiore mobilità alla persona cieca”, ha affermato Richard Norman, ricercatore presso il John A. Moran Eye Center dell’Università dello Utah. “Può consentire loro di riconoscere facilmente una persona, ingressi o automobili. Può aumentare l’indipendenza e la sicurezza. Questo è ciò su cui stiamo lavorando”.

un Test clinico Relativo allo studio e programmato per essere eseguito fino a maggio 2024. La ricerca è finanziata da diversi enti, tra cui il Ministero della Scienza e dell’Innovazione della Spagna e l’Università Miguel Hernández, nonché il Morán Eye Center.

I ricercatori affermano che il metodo per bypassare completamente l’occhio potrebbe un giorno ripristinare la vista a quasi 148 milioni di persone in tutto il mondo: ecco quante persone hanno una connessione tra gli occhi e il cervello recisa, a causa di condizioni come il glaucoma o l’atrofia ottica.

L’approccio utilizzato dai ricercatori dello Utah e della Spagna è simile a quello che è stato accolto l’anno scorso, quando gli scienziati hanno affermato di essere in grado di farlo Fai vedere i messaggi ai volontari Inviando elettricità attraverso elettrodi situati sulla superficie del cervello.

La disabilità visiva è una delle disabilità più comuni al mondo e gli scienziati utilizzano diverse strategie per aiutare le persone che ne sono colpite. In un altro recente successo, gli scienziati hanno usato Strumento di modifica del gene CRISPR Modificare il DNA delle persone per aiutarle a combattere una rara malattia genetica dell’occhio.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’outfit italiano è vicino a un nuovo accordo con Nicolo Barella
Next Post Cosa ha detto Boosie Badazz a Lil Nas X su Twitter?