Gli scienziati hanno scoperto un meteorite di 17 libbre in Antartide

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Durante una recente spedizione nelle pianure ghiacciate dell’Antartide, un team internazionale di ricercatori ha scoperto cinque nuovi meteoriti, tra cui uno dei più grandi mai trovati nel continente.

Il raro meteorite ha all’incirca le dimensioni di un melone, ma pesa 17 libbre (7,7 chilogrammi). L’esemplare è uno dei soli circa 100 di queste dimensioni o più grandi che sono stati scoperti in Antartide, un importante sito di caccia metropolitano dove sono state rintracciate più di 45.000 rocce spaziali.

Ora, la straordinaria scoperta è diretta al Royal Belgian Institute of Natural Sciences di Bruxelles, dove sarà studiata. E Maria Valdez, ricercatrice presso il Chicago Field Museum of Natural History e l’Università di Chicago che faceva parte del team della spedizione, ha conservato parte del materiale per la propria analisi.

L’area di interesse di Valdes è la chimica cosmica. Questo “significa in generale che usiamo meteoriti per studiare l’origine e l’evoluzione del sistema solare attraverso metodi chimici”, ha detto alla CNN. Prenderai campioni e utilizzerai acidi forti per dissolverli prima di utilizzare un processo chiamato chimica titrimetrica per isolare i diversi elementi che compongono la roccia.

“Poi posso iniziare a pensare all’origine di questa roccia, a come si è evoluta nel tempo, da che tipo di corpo genitore proviene e dove nel sistema solare si è formato questo corpo genitore”, ha detto Valdes. “Queste sono le grandi domande che stiamo cercando di affrontare”.

I meteoriti colpiscono la Terra in modo uniforme su tutta la sua superficie, quindi l’Antartide non ne ospita una concentrazione sproporzionatamente grande, Valdes sottolineato. Ma il ghiaccio bianco puro è lo sfondo perfetto per la scoperta Jet rock nero.

La ricerca di metroidoidi, ha detto Valdez, è “davvero a bassa tecnologia e molto meno complicata di quanto si possa pensare”. “O andiamo in giro o guidiamo su una motoslitta e guardiamo il tetto.”

Ma la squadra aveva un’idea di dove cercare. un Studio gennaio 2022 Utilizzo dei dati satellitari per aiutare a restringere le posizioni in cui i meteoriti sono stati di più È probabile che venga trovato.

“I meteoriti stessi sono troppo piccoli per essere rilevati dallo spazio utilizzando i satelliti”, ha spiegato Valdez. Ma questo studio ha utilizzato misurazioni satellitari di temperatura superficiale, pendenza superficiale, velocità superficiale, spessore del ghiaccio – cose del genere. E (i dati) sono stati inseriti in un algoritmo di apprendimento automatico per dirci le probabilità più alte di trovare aree di accumulo di meteoriti”.

Distinguere un meteorite da altre rocce, ha detto Valdez, può essere un processo complicato. I ricercatori stanno cercando la crosta di fusione, uno strato vetroso che si forma quando un corpo cosmico collassa attraverso l’atmosfera terrestre.

“Molte rocce possono sembrare meteoriti, ma non lo sono”, ha detto. “Chiamiamo queste faglie meteoroidi.”

Un’altra caratteristica distintiva è il potenziale peso del campione. Il meteorite sarebbe molto più pesante per le sue dimensioni rispetto a una tipica roccia terrestre perché è pieno di minerali densi.

Le condizioni che i ricercatori hanno sopportato erano stressanti. Sebbene Valdes e altri tre scienziati abbiano svolto la loro missione durante l'”estate” del continente, che ha fornito 24 ore di luce diurna, le temperature si aggiravano ancora intorno ai meno 14 gradi Fahrenheit (meno 10 gradi Celsius), secondo un comunicato stampa di Museo del Campo.

Il gruppo di ricerca ha trascorso circa una settimana e mezza con una guida del campo polare, vivendo in tende piantate sul terreno ghiacciato. Ma, Anche lei e i suoi colleghi, ha detto Valdes Hanno trascorso del tempo in una stazione di ricerca belga vicino alla costa dell’Antartide, dove hanno gustato cibi caldi e di formaggio, come la fonduta.

Quando si tratta di guardare al futuro, La buona notizia, ha aggiunto Valdez, è che i cinque meteoriti che lei ei suoi colleghi hanno scoperto in questa spedizione sono solo la punta dell’iceberg.

“Sono ansiosa di tornare là fuori, di sicuro”, ha detto. “Sulla base dello studio satellitare, ci sono almeno 300.000 meteoriti in attesa di essere raccolti in Antartide. Più (più) campioni abbiamo, meglio possiamo comprendere il nostro sistema solare”.

Il volo era guidato da Vincienne Depay, professore alla Libera Università di Bruxelles a Bruxelles. Lei e Valdis Maria Schönbachler, professore alla Eidgenössische Technische Hochschule di Zurigo, e studente di dottorato si unirono a lei. Ryoga Maeda della Vrije Universiteit Brussel e dell’Università Libre de Bruxelles.

READ  Il video del rover Curiosity della NASA mostra una nuova vista panoramica di Marte
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Cosa hanno detto gli Stati Uniti sull’invito del primo ministro pakistano Shehbaz Sharif ai colloqui con l’India
Next Post Aggiornamento 1- Dopo un lungo anno freddo, gli investitori stanno tornando in massa in Europa