Gli scienziati hanno scoperto livelli elevati di metalli tossici nei succhi di frutta e nelle bevande analcoliche

Gli scienziati hanno scoperto livelli elevati di metalli tossici nei succhi di frutta e nelle bevande analcoliche
succo di frutta

È stato scoperto che alcune bevande popolari contengono livelli di metallo tossico superiori agli standard federali per l’acqua potabile, ponendo potenziali rischi per la salute, soprattutto per i bambini, secondo uno studio della Tulane University.

Secondo un recente studio della Tulane University, è stato scoperto che alcune bevande popolari contengono metalli tossici in quantità che superano gli standard federali per l’acqua potabile sicura.

L’indagine ha testato 60 bevande e si è scoperto che cinque di esse avevano una concentrazione più elevata di uno specifico metallo tossico rispetto a quanto considerato sicuro dagli standard federali. Il rapporto indicava che due succhi assortiti contenevano concentrazioni di arsenico superiori allo standard di 10 microgrammi per litro. Inoltre, il succo di mirtillo rosso, il succo di frutta mista e di carota e il latte di avena hanno tutti livelli di cadmio superiori allo standard di 3 parti per miliardo.

Le bevande campionate, che includevano quelle che si trovano comunemente nei negozi di alimentari – succhi di frutta singoli e misti, latti a base vegetale, bibite e tè – sono state misurate per 25 diversi metalli tossici e oligoelementi. I succhi di frutta misti e i latti a base vegetale (come avena e mandorle) hanno concentrazioni più elevate di metalli tossici rispetto ad altre bevande, secondo i risultati pubblicati su Rivista di composizione e analisi degli alimenti.

Tutto sommato, sette dei 25 elementi hanno superato gli standard di acqua potabile in alcune bevande, tra cui nichel, manganese, boro, cadmio, stronzio, arsenico e selenio. Mentre il piombo è stato rilevato in oltre il 93% dei 60 campioni, la maggior parte conteneva livelli molto bassi, meno di 1 parte per miliardo. Il livello più alto (6,3 μg/kg) è stato riscontrato in una bevanda sportiva, sebbene sia inferiore agli standard EPA e OMS per l’acqua potabile.

Lo studio è stato importante perché ci sono pochi studi sottoposti a revisione paritaria che esaminano il contenuto delle bevande statunitensi, ha affermato Tewodros Godepoe, autore principale e assistente professore di scienze della salute ambientale presso la School of Public Health and Tropical Medicine dell’Università di Tulane.

“È stato sorprendente che non ci fossero molti studi sugli elementi tossici ed essenziali nelle bevande analcoliche negli Stati Uniti”, ha detto Godebeau. “Questo crea consapevolezza della necessità di ulteriori studi”.

Queste bevande analcoliche vengono spesso consumate con meno acqua, il che significa che i rischi per la salute degli adulti sono probabilmente bassi. Ma Godepoe ha detto che i genitori dovrebbero stare attenti alle bevande che danno ai loro figli.

“Le persone dovrebbero evitare di dare a neonati e bambini piccoli succhi di frutta misti o latte a base vegetale in grandi quantità”, ha affermato Godebeau. “L’arsenico, il piombo e il cadmio sono noti agenti cancerogeni che causano danni agli organi interni e danni cognitivi nei bambini, specialmente durante lo sviluppo cerebrale precoce”.

La maggior parte di questi elementi nelle bevande, ha detto Godebeau, presumibilmente provengono da terreni contaminati.

“Questi minerali si trovano naturalmente, quindi è difficile liberarsene completamente”, ha detto Godebeau.

Hannah Stoner e Julia Ashmead, studentesse della Tulane University che hanno partecipato allo studio, hanno affermato di sperare che i risultati incoraggino le persone a pensare di più a ciò che stanno consumando.

“Non credo che ci dovrebbe essere paura”, ha detto Stoner. “Nella tossicità spesso è la dose a fare la differenza, quindi tutto con moderazione. Ma questo crea consapevolezza che serve più studio”.

Il prossimo passo, ha detto Jodibo, è condurre una valutazione del rischio basata sui dati raccolti per vedere l’impatto del consumo di metalli tossici su bambini e adulti.

“Siamo entusiasti di continuare a esplorare ciò che è nelle nostre bevande e alimenti disponibili in commercio per i consumatori”, ha affermato Godebeau.

Riferimento: “Contenuto di elementi tossici ed elementi nei succhi di frutta disponibili in commercio e in altre bevande analcoliche provenienti dagli Stati Uniti” di Tewodros Rango Godebeau, Hannah Stoner, Madeline Pechelis, Hadley Taylor Arnold, Julia Ashmid, William Claman, William Geist, Will Consolati e Una Dimateo e Madison Johnson, Calista Cowden, Danny Schaferman, Evan Gordon, Hayden Dillman, Natty Vann, Aaron Teigen, Sandra Vazquez Garrido e Eames Heard, 20 febbraio 2023, Rivista di composizione e analisi degli alimenti.
DOI: 10.1016/j.jfca.2023.105230

READ  5 Pianeti La Luna si allineerà in una bellissima "parata planetaria" questa settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *