Gli scienziati hanno scoperto che la malattia da Covid può portare a danni cerebrali permanenti:

I ricercatori stanno imparando che il coronavirus può infettare le cellule nervose e in alcuni casi può causare danni permanenti.


Katrina Kuhn / Fonte scientifica

Mesi dopo l’attacco di COVID-19, molte persone hanno ancora problemi di memoria, nebbia mentale e cambiamenti di umore. Uno dei motivi è che la malattia può causare danni a lungo termine al cervello.

“Molte persone stanno soffrendo”, dice. Jennifer Frontera, Professore di Neurologia presso la Grossman School of Medicine della New York University.

Borchia led FronteraS che ha rilevato che oltre il 13% dei pazienti COVID-19 ospedalizzati ha sviluppato un nuovo disturbo neurologico subito dopo l’infezione. Uno studio di follow-up ha rilevato che dopo sei mesi, quasi la metà dei pazienti di quel gruppo sopravvissuti aveva ancora problemi cognitivi.

L’attuale catalogo delle minacce al cervello legate al COVID include emorragie, coaguli di sangue, infezioni, privazione di ossigeno e interruzione della barriera protettiva emato-encefalica. Ci sono nuove prove nelle scimmie che il virus può infettare e uccidere direttamente alcune cellule cerebrali.

Gli studi sul tessuto cerebrale indicano che i cambiamenti associati al COVID tendono ad essere sottili piuttosto che drammatici Jeddy Cyrano Direttore del Laboratorio di Neuropatologia presso il Banner Sun Health Research Institute. Tuttavia, dice: “Tutto ciò che colpisce il cervello, qualsiasi insulto minore, può essere significativo nella cognizione”.

Alcune delle ultime intuizioni su come il COVID-19 colpisce il cervello sono arrivate da un team di scienziati del California National Primate Research Center presso l’Università della California a Davis.

Quando il COVID-19 ha raggiunto gli Stati Uniti all’inizio del 2020, il team ha cercato di capire come SARS-CoV-2 infetta i polmoni e i tessuti corporei degli animali. John Morrison, Professore di Neurologia che dirige il centro di ricerca.

Ma Morrison sospettava che il virus potesse infettare anche un organo che non ha ancora ricevuto molta attenzione.

READ  La simulazione al supercomputer spiega l'enorme potenza di un buco nero jet - conferma la teoria della relatività generale di Einstein

“All’inizio ho detto, ‘Prendiamo il cervello'”, dice. “Quindi abbiamo questo insieme di cervelli da queste diverse esperienze e stiamo appena iniziando a guardarli”.

Uno dei primi risultati di questa ricerca ha suscitato molto interesse tra gli scienziati.

dice Morrison, che ha fornito alcune ricerche in Incontro della Società di Neuroscienze A novembre.

I neuroni sono le cellule cerebrali che rendono possibile il pensiero. Ma gli studi sul cervello umano hanno prodotto prove contrastanti sul fatto che queste cellule siano infettate dal virus.

I cervelli delle scimmie offrono l’opportunità di saperne di più perché provengono da un parente stretto degli umani, sono facili da studiare e gli scienziati sanno esattamente come e quando ogni cervello animale è stato ferito.

Tuttavia, il modello della scimmia non è perfetto. Ad esempio, il COVID-19 tende a presentare sintomi più lievi in ​​questi animali che nell’uomo.

Tuttavia, Morrison afferma che gli scienziati hanno maggiori probabilità di trovare neuroni umani infetti se osservano abbastanza da vicino.

“Osserviamo i singoli neuroni ad altissima risoluzione, quindi possiamo vedere prove di lesioni”, afferma.

Dice che l’infezione era particolarmente diffusa nelle scimmie anziane con diabete, suggerendo che gli animali condividono alcuni importanti fattori di rischio per COVID-19 con le persone.

Nelle scimmie, l’infezione sembrava essere iniziata con le cellule nervose collegate al naso. Ma nel giro di una settimana, dice Morrison, il virus si era diffuso ad altre aree del cervello.

“Qui è dove si ottengono alcuni dei sintomi neurologici che vediamo negli esseri umani”, dice, e sintomi di deterioramento cognitivo, nebbia cerebrale, problemi di memoria e cambiamenti di umore. “Sospetto che il virus sia nelle regioni che mediano quei comportamenti”.

Questo non è stato confermato nelle persone. Ma altri ricercatori hanno trovato prove che il virus può infettare le cellule cerebrali umane.

READ  William Shakespeare, il primo uomo al mondo a ricevere un vaccino COVID approvato, muore all'età di 81 anni

un Brutta copia Uno studio sul cervello di 20 persone morte di COVID-19 ha scoperto che quattro contenevano materiale genetico che indica un’infezione in almeno una delle 16 regioni studiate.

Simile alle scimmie, il virus sembra essere entrato attraverso il naso, afferma Serrano, l’autore principale dello studio.

“C’è un nervo proprio sopra il naso chiamato bulbo olfattivo”, dice. Dice che questo fornisce un potenziale percorso per la trasmissione del virus dal tratto respiratorio al cervello.

Serrano afferma che il virus sembra essere in grado di infettare e uccidere le cellule nervose nel bulbo olfattivo, il che potrebbe spiegare perché molti pazienti COVID perdono il senso dell’olfatto e alcuni non lo recuperano mai.

Ma in altre regioni del cervello, il team ha trovato meno prove di lesioni.

Ciò potrebbe significare che il virus si comporta in altri modi per infettare queste aree del cervello.

Ad esempio, gli studi dimostrano che il virus può infettare le cellule che rivestono i vasi sanguigni, comprese quelle che attraversano il cervello. Quindi, quando il sistema immunitario insegue queste cellule infette, può inavvertitamente uccidere i neuroni vicini e causare problemi neurologici, afferma Serrano.

Il COVID-19 può anche danneggiare il cervello causando coaguli di sangue o emorragie che portano a un ictus. Può danneggiare le cellule protettive che creano la cosiddetta barriera emato-encefalica, consentendo l’ingresso di sostanze nocive, inclusi i virus. La malattia può danneggiare i polmoni di una persona in modo così grave che il cervello non riceve più abbastanza ossigeno.

Questi effetti indiretti sembrano essere un problema molto più grande di qualsiasi danno diretto ai neuroni, afferma Frontera.

“Le persone hanno visto il virus all’interno del tessuto cerebrale”, dice. “Tuttavia, le particelle virali nel tessuto cerebrale non sono vicine al sito di infezione o danno”, afferma.

READ  Abbiamo rintracciato 5 misteriose esplosioni radio veloci nelle braccia di galassie a spirale lontane

Frontera sospetta che ciò sia dovuto al fatto che il virus è “uno spettatore” e non ha effetti significativi sulle cellule cerebrali. Ma altri scienziati affermano che il virus potrebbe essere eliminato da aree del cervello dopo aver causato danni permanenti.

I ricercatori concordano sul fatto che, indipendentemente dal meccanismo, il COVID-19 rappresenta una seria minaccia per il cervello.

Frontera faceva parte di una squadra Studia Livelli di tossine associati al morbo di Alzheimer e ad altre malattie del cervello nei pazienti COVID anziani ospedalizzati.

“I livelli erano davvero alti, più alti di quelli che vediamo nei pazienti con Alzheimer, il che indica un livello molto grave di danno cerebrale che si stava verificando in quel momento”, dice Frontera.

Frontera dice che non è chiaro per quanto tempo i livelli rimarranno elevati. Ma lei, come molti ricercatori, è preoccupata che il COVID-19 possa causare lesioni cerebrali che aumentano il rischio di Alzheimer più avanti nella vita.

Frontera afferma che anche i pazienti affetti da COVID-19 con gravi problemi neurologici tendono a migliorare nel tempo, citando ricerche non pubblicate che hanno misurato la funzione mentale dopo sei e 12 mesi di degenza in ospedale.

“I pazienti sono migliorati nei loro punteggi cognitivi, il che è davvero incoraggiante”, dice.

Ma la metà dei pazienti in uno studio non è tornata alla normalità dopo un anno. Quindi gli scienziati devono “accelerare i nostri processi per offrire un qualche tipo di trattamento a queste persone”, afferma Frontera.

Potrebbe anche essere importante, afferma Serrano, “trattare questa persona all’inizio della malattia piuttosto che quando la malattia è progredita al punto da causare danni irreversibili”.

Tutti i ricercatori hanno affermato che il modo migliore per prevenire i danni cerebrali associati al COVID è quello di vaccinarsi.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il nuoto americano vince cinque medaglie, pareggio d’oro, nel primo giorno dei corsi brevi mondiali
Next Post Jeff Garlin lascia la commedia The Goldbergs dopo che le risorse umane hanno indagato su un comportamento specifico