Gli scienziati hanno finalmente una spiegazione per la luce incredibilmente brillante che proveniva dalle profondità dello spazio

Gli scienziati affermano di avere finalmente una spiegazione per una misteriosa luce blu brillante proveniente dalle profondità dello spazio.

Tre anni fa, gli astronomi sono rimasti sbalorditi nel vedere un brillante lampo blu emergere dal braccio a spirale di una galassia lontana, a circa 200 milioni di anni luce di distanza.

La scoperta iniziale dell’evento noto come AT2018cow è avvenuta nel giugno 2018, quando è stato visto da un sondaggio alle Hawaii, che ha inviato rapidamente avvisi globali dicendo ad altri telescopi di cercarlo. Hanno visto un lampo luminoso 100 volte più luminoso della solita supernova, l’esplosione più brillante che l’umanità abbia mai visto.

Sembrava una supernova, ma era molto più luminosa e veloce di quegli eventi già intensi. Gli scienziati hanno faticato a spiegarlo, ed è diventato noto come un transitorio di luce blu veloce, o FBOT, senza alcuna spiegazione su come sia successo.

Maggiori dettagli sull’evento sembravano renderlo ancora più sconcertante. Gli scienziati hanno scoperto che consiste non solo di brillanti lampi di luce, ma anche di raggi X pulsanti e potenti, centinaia di milioni di tali impulsi sono ricondotti allo stesso oggetto.

Questi impulsi si verificano regolarmente, ogni 4,4 millisecondi, per un periodo di 60 giorni.

Gli scienziati hanno usato questi impulsi per calcolare che la sorgente di raggi X non dovrebbe essere larga più di 1.000 chilometri e avere una massa inferiore a 800 soli. Questo sembra indicare che si tratta di qualcosa di compatto, come un piccolo buco nero o una stella di neutroni.

Pertanto, sembra che il misterioso lampo possa essersi verificato mentre la stella stava morendo, quando è collassata, generando un piccolo buco nero o una stella di neutroni. Ciò lo ha portato a mangiare la materia che lo circondava, ingoiando la stella e rilasciando intense esplosioni di energia mentre camminava.

READ  Il trattamento rivoluzionario del cancro attiva il sistema immunitario per uccidere i tumori

Questa è la conclusione presentata in un nuovo documento intitolato “Evidence for a Compact Object in the Wake of the Extremely Transient Galaxy AT2018cow”, pubblicato su astronomia naturale.

“Probabilmente abbiamo rilevato la nascita di un oggetto compatto in una supernova”, afferma l’autore principale Dheeraj “DJ” Basham, ricercatore al MIT. “Questo accade nelle normali supernove, ma non l’abbiamo mai visto prima perché è un processo caotico. Pensiamo che questa nuova prova apra la possibilità di trovare mini buchi neri o mini stelle di neutroni”.

Precedenti tentativi di spiegare il lampo hanno suggerito che potrebbe essere un buco nero nato in una supernova o una stella che strappa materia da un’altra stella di passaggio. Ma gli astronomi non sono mai stati in grado di spiegare in modo soddisfacente il flash usando solo dati ottici, portando i ricercatori dietro il nuovo documento a esaminare anche l’energia dei raggi X.

Ciò li ha portati a verificare la presenza di impulsi regolari, che possono essere utilizzati per saperne di più sulla cosa che li stava inviando. Hanno detto che ha escluso l’esistenza di un buco nero intermedio e ha portato gli scienziati alla spiegazione attuale.

Gli scienziati hanno affermato che le stesse tecniche potrebbero essere utilizzate per aiutare a comprendere meglio altri transienti ottici blu veloci nella stessa famiglia.

“Quando c’è un nuovo fenomeno, c’è eccitazione che può dire qualcosa di nuovo sull’universo”, dice Basham. “Per gli FBOT, abbiamo dimostrato che possiamo studiare i loro impulsi in dettaglio, in un modo che non è possibile nel campo visivo. Pertanto, questo è un nuovo modo di comprendere questi corpi compatti appena nati”.

READ  Aggiornamenti Coronavirus Bay Area: i casi COVID nei bambini aumentano per la terza settimana
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Juventus potrebbe vendere la stella dell’USMNT
Next Post Nomination ai Critics’ Choice Awards per “Belfast” e “West Side Story”