Gli scienziati del clima avvertono: la Corrente del Golfo è in uno stato di collasso – studio

I climatologi hanno rilevato i primi segnali di allarme che la Corrente del Golfo sta crollando, suggerendo che potrebbe aver già perso stabilità nel secolo scorso, con conseguenze potenzialmente devastanti per il clima. Nuovo studio menzionato.

L’Atlantic Meridian Inversion Circulation (AMOC) è una delle principali correnti oceaniche nell’Oceano Atlantico, attraverso la quale Corrente del Golfo Nella parte superiore dell’oceano l’acqua calda dei tropici viene trasportata a nord, mentre l’acqua fredda viene trasportata a sud, fino al fondo dell’oceano. Colpisce i sistemi meteorologici di tutto il mondo, rendendo ancora più gravi le conseguenze di un potenziale collasso.

L’AMOC è attualmente al suo punto più debole in più di 1.000 anni, il che significa che le correnti sono rallentate e nuove prove suggeriscono che potrebbe già essere sull’orlo di un arresto completo.

Se l’Amoc dovesse crollare, le precipitazioni verrebbero interrotte in India, Sud America e Africa occidentale, causando potenzialmente gravi carenze alimentari. Tempeste crescenti e temperature più fresche si faranno sentire in tutta Europa e il livello del mare si alzerà al largo della costa orientale del Nord America. La foresta pluviale amazzonica e le calotte glaciali antartiche saranno ancora più a rischio.

Tuttavia, a causa della natura complessa di AMOC, l’incertezza di Il riscaldamento globale in futuro A causa dei punti critici, non c’è modo di sapere quanto sarà vicino al collasso completo del sistema.

Gli scienziati dicono che potrebbe accadere entro il prossimo decennio il prima possibile, ma potrebbero passare ancora diversi secoli prima che accada e che non c’è modo di stimare con precisione il periodo di tempo.

READ  Il tubo di dinosauro fossilizzato rivela un tesoro di 230 milioni di anni

“Abbiamo urgente bisogno di riconciliare i nostri modelli con le prove osservative fornite per valutare quanto sia lontana o vicina la soglia AMOC”, ha affermato l’autore dello studio Niklas Boers del Potsdam Institute for Climate Impact Research, Freie Universität. Università di Berlino ed Exeter.

Bowers ha spiegato che anche il livello di CO2 che farebbe scattare un collasso dell’AMOC è sconosciuto, il che significa che l’unica cosa che si può fare per evitare che accada è mantenere le emissioni il più basse possibile.

“La probabilità che questo evento ad alto impatto si verifichi aumenta con ogni grammo di anidride carbonica che immettiamo nell’atmosfera”, ha detto.

Un certo numero di fattori oltre alle emissioni di anidride carbonica sono un fattore nel collasso del sistema AMOC, compreso l’afflusso di acqua dolce, che è anche direttamente correlato al cambiamento climatico.

Quando la calotta glaciale della Groenlandia si scioglie, aumenta la quantità di acqua dolce che scorre nel mare. L’acqua dolce è più leggera dell’acqua salata, il che significa che impedisce all’acqua di affondare sul fondo dell’oceano, un processo essenziale per il continuo movimento di AMOC.

Sebbene l’esatto lasso di tempo e i fattori scatenanti dell’evento siano sconosciuti, gli scienziati sono certi di una cosa: che il tracollo dell’AMOC non debba verificarsi.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’ATP Teen of the Year affronterà MacDonald nella finale di Washington
Next Post Margot Robbie e James Gunn sono grandi fan di “Love Island”