Gli scienziati CWRU stanno lavorando con Duke e Rutgers per prendere un obiettivo antivirale in COVID

Cleveland (WJW) – Studiosi in Case Western ReserveLe università Duke e Rutgers stanno lavorando insieme per capire come l’RNA reticolato del nuovo coronavirus può aiutare a curare i pazienti infetti.

Il gruppo di scienziati ha identificato composti all’interno del genoma del coronavirus che hanno il potenziale per bloccare la sua capacità di riprodursi, secondo un comunicato stampa della CWRU.

Il comunicato spiega che affinché il coronavirus possa infettare le cellule, deve irrompere in esse, fornire le sue istruzioni genetiche sotto forma di RNA e dirottare il macchinario molecolare di quella cellula per costruire nuove copie di se stesso, facendo sì che la cellula infetta diventi un virus. fabbrica. . Inizia a produrre le proteine ​​necessarie per la riproduzione e la diffusione del virus.

Leggi l’articolo di ricerca completo qui:

Remdesivir e molnupiravir – gli unici antivirali che la FDA ha approvato o sta valutando l’approvazione per proteggere da COVID-19 – funzionano legandosi a queste proteine, secondo la CWRU.

Ma questa squadra ha adottato un approccio diverso. Dicono di aver identificato le prime molecole in grado di colpire le pieghe dei filamenti di RNA presenti nella complessa struttura 3D del genoma virale stesso.

Blanton S. ha detto: Tolbert, Rudolph Professor of Chemistry, e Susan Raines alla Case Western Reserve, uno dei ricercatori a capo del progetto. “I primi risultati sono incoraggianti”.

Amanda Hargrove, professoressa di chimica alla Duke University, ha dichiarato in un comunicato stampa che il lavoro ha offerto un potenziale terapeutico non sfruttato per combattere il COVID-19: “Queste sono le prime molecole con attività antivirale che prendono di mira specificamente l’RNA del virus, quindi sono piuttosto romanzo. significato”, ha detto.

READ  Nonostante le lamentele, la NASA non ribattezzerà il James Webb Space Telescope: rapporto

Il gruppo di scienziati afferma che la scoperta potrebbe portare a trattamenti per altri virus in futuro e stanno già studiando potenziali farmaci candidati per combattere un altro virus a RNA – Enterovirus 71, una causa comune di afta epizootica nei bambini.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Inter e Venezia litigano, le scelte degli esperti, come guardare, diretta: 27 novembre pronostici Serie A
Next Post Chris Brown avrebbe un terzo figlio in arrivo