Gli scienziati affermano che un punto di svolta irreversibile per il riscaldamento ha causato questo problema

La spedizione è tornata in Germania in ottobre dopo 389 giorni di deriva attraverso il Polo Nord. (rappresentante)

Berlino, tedesco:

Lo scienziato che ha guidato la più grande spedizione al Polo Nord ha avvertito martedì che il punto di svolta nel riscaldamento globale irreversibile potrebbe essere già iniziato.

“La scomparsa del ghiaccio marino estivo nell’Artico è una delle prime mine terrestri in questo campo minato e uno dei punti di svolta che abbiamo iniziato quando abbiamo spinto troppo oltre il riscaldamento”, ha affermato Marcus Rex.

“E in pratica ci si potrebbe chiedere se non avessimo davvero calpestato questa mina e non fossimo davvero partiti per l’inizio dell’esplosione”.

Rex ha guidato la più grande missione del mondo al Polo Nord, una spedizione che includeva 300 scienziati provenienti da 20 paesi.

La spedizione è tornata in Germania ad ottobre, dopo 389 giorni di deriva attraverso l’Artico, portando a casa prove devastanti dell’Oceano Artico morente e avvertimenti di un’estate senza ghiaccio in pochi decenni.

La campagna da 140 milioni di euro (165 milioni di dollari) ha restituito 150 terabyte di dati e oltre 1.000 campioni di ghiaccio.

Riassumendo le loro prime scoperte, Rex ha affermato che gli scienziati hanno scoperto che il ghiaccio marino artico è diminuito “nella primavera del 2020 più velocemente di quanto non abbia fatto dall’inizio dei record” e che “la prevalenza del ghiaccio marino estivo era solo la metà rispetto a decenni fa. “

Il ghiaccio era spesso solo la metà e le temperature erano di 10 gradi più alte rispetto alla spedizione Fram degli esploratori e scienziati Fridtjof Nansen e Hjalmar Johansen nel 1890.

READ  Tre donne su quattro spiedini uccise nella struttura FedEx; Il tiratore ha acquistato altri due fucili nonostante ne sintonizzasse uno

A causa della superficie più piccola del ghiaccio marino, l’oceano è stato in grado di assorbire più calore in estate, il che significava che la formazione della calotta glaciale in autunno era più lenta del solito.

‘doloroso’

“Solo la valutazione nei prossimi anni ci consentirà di determinare se possiamo ancora salvare il ghiaccio marino artico tutto l’anno con una solida protezione del clima o se abbiamo già superato questo importante punto di svolta nel sistema climatico”, ha aggiunto Rex, esortando ad agire rapidamente per fermare il riscaldamento globale.

I leader mondiali avevano concordato nell’ambito dell’accordo di Parigi nel 2015 di agire per limitare il riscaldamento globale a meno di 2 gradi Celsius, preferibilmente 1,5 gradi Celsius, rispetto ai livelli preindustriali.

“Fa male sapere che potremmo essere l’ultima generazione in grado di sperimentare un Artico che ha ancora una copertura di ghiaccio marino in estate”, ha affermato Stephanie Arndt, un fisico del ghiaccio marino.

“Questa copertura di ghiaccio marino si sta gradualmente riducendo ed è un importante luogo di vita per gli orsi polari”, ha detto Arendt, mentre raccontava le osservazioni di foche e altri animali nell’habitat polare.

I dati raccolti durante il viaggio includevano letture dell’atmosfera, degli oceani, del ghiaccio marino e degli ecosistemi.

Si prevede che tra il 2021 e il 2023 saranno pubblicate diverse centinaia di pubblicazioni scientifiche che analizzeranno i risultati.

Durante la spedizione, gli scienziati hanno allestito quattro siti di osservazione sul ghiaccio marino entro un raggio di 40 chilometri (25 miglia) intorno alla nave missione Polarstern (Northstar).

Tra i dati raccolti c’erano campioni di acqua da sotto il ghiaccio per studiare fitoplancton e batteri e per capire meglio come funziona l’ecosistema marino in condizioni estreme.

READ  La risposta di un padre morto, che arrostisce una figlia per un nuovo lavoro, dimostra che tutti i padri appassionati sono uguali

Più di 100 parametri sono stati misurati quasi continuamente durante tutto l’anno.

L’abbondanza di informazioni alimenterà lo sviluppo di modelli per aiutare a prevedere come potrebbero apparire ondate di calore, forti piogge o tempeste tra 20, 50 o 100 anni.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “Sono andato lì e ho fatto del mio meglio”
Next Post L’affascinante storia dietro “The Metroid Dread”