Gli scienziati affermano che l’uomo che ha sfidato la genetica per decenni potrebbe avere prove per prevenire il morbo di Alzheimer



Cnn

I ricercatori che lavorano per svelare i segreti della malattia di Alzheimer affermano di aver ricevuto un indizio chiave che potrebbe aiutare a proteggere le persone a rischio di questo tipo di demenza.

Un uomo che sembrava destinato a sviluppare un’amnesia tra i quaranta ei cinquant’anni, a seconda della storia familiare, ha mantenuto la normale funzione per decenni più a lungo di quanto avrebbe dovuto. Sembra essere stato protetto da un raro cambiamento genetico che ha potenziato la funzione di una proteina che aiuta le cellule nervose a comunicare.

Gli scienziati dicono che capire come questo cambiamento genetico innesca il suo cervello può aiutare a prevenire la malattia di Alzheimer in altre persone.

L’uomo fa parte di una grande famiglia ad Antioquia, in Colombia, con diversi membri che hanno ereditato un gene mutato chiamato presnelin 1, o PSEN1. I portatori di PSEN1 sono quasi certi di sviluppare la malattia di Alzheimer in età relativamente giovane.

L’uomo, che aveva la mutazione PSEN1, alla fine sviluppò problemi con la memoria e il pensiero. Gli è stata diagnosticata una lieve demenza all’età di 72 anni e poi ha subito un ulteriore declino della memoria e infiammazione. Morì di polmonite all’età di 74 anni.

Ma secondo tutte le indicazioni, deve aver avuto problemi di memoria e di pensiero decenni fa. Quando i medici hanno esaminato il suo cervello dopo la morte, hanno scoperto che era carico di beta-amiloide e tau, due proteine ​​che si accumulano nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer.

Tuttavia, aveva anche qualcosa che funzionava per lui. Un’analisi genetica ha rivelato che l’uomo aveva un raro cambiamento in un gene che codifica per una proteina chiamata Reelin, che aiuta le cellule nervose a comunicare.

“In questo caso, era molto chiaro che questo tipo di Reelin fa funzionare meglio Reelin”, ha detto il dottor Joseph Arboleda Velasquez, professore associato di oftalmologia all’Università di Harvard e autore principale di un nuovo studio sull’uomo.

“Questo ci dà una grande intuizione”, ha detto. “È molto chiaro che solo mettere più Reelin nel cervello potrebbe effettivamente aiutare i pazienti”.

IL Lo studio è stato pubblicato Lunedì sulla rivista Nature Medicine.

La proteina Reelin potenziata sembra proteggere una parte molto specifica del cervello di un uomo, un’area dietro il naso alla base del cervello chiamata corteccia entorinale.

“Un’altra intuizione da questa condizione, sembra che probabilmente non ne hai bisogno ovunque nel cervello”, ha detto Arboleda-Velasquez.

La corteccia entorinale è Particolarmente sensibile all’invecchiamento e il morbo di Alzheimer. È una regione del cervello che invia e riceve anche segnali legati al senso dell’olfatto. La perdita dell’olfatto è spesso foriera di cambiamenti nel cervello che portano a difficoltà con la memoria e il pensiero.

“Quindi, quando le persone contraggono il morbo di Alzheimer, inizia nella corteccia entorinale e poi si diffonde”, ha detto Arboleda Velazquez.

Questa è la seconda volta che Arboleda-Velasquez e il team che studia questa famiglia allargata hanno trovato qualcuno che ha sfidato le loro possibilità genetiche.

Nel 2019, scienziati Ho segnalato la situazione Per una donna che avrebbe dovuto sviluppare l’Alzheimer precoce ma invece ha conservato la memoria e le capacità di pensiero fino ai settant’anni.

Portava due copie di un cambiamento nel gene APOE3 chiamato mutazione di Christchurch. Sembra ridurre l’attività della proteina APOE3. Come il reelin, l’APOE è una molecola di segnalazione nota per svolgere un ruolo nel modellare il rischio di una persona di sviluppare il morbo di Alzheimer.

E si scopre che esiste una connessione tra queste due condizioni: i recettori sulle cellule Reelin sono gli stessi dei recettori APOE.

Quindi questi due pazienti indicano con grandi frecce e ci dicono: “È così che vanno le cose. Questo è il percorso importante per la massima protezione contro la malattia di Alzheimer.

Ma il corso potrebbe non essere protettivo per tutti. Anche la sorella dell’uomo nel nuovo studio condivideva il raro cambiamento genetico protettivo, e questo l’ha aiutata, ma non nella stessa misura. Secondo la sua famiglia, ha iniziato a sperimentare un declino cognitivo all’età di 58 anni.

Arboleda-Velasquez ha affermato che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’attività del gene nelle donne sembra diminuire con l’età, quindi non produce così tanto Reelin. “Possono avere l’alternativa”, ha detto, “ma non la esprimono tanto quanto gli uomini”.

Il team di Harvard afferma che stanno già lavorando allo sviluppo di un trattamento basato su questi risultati.

Studi come questo ci mostrano qualcosa di importante, afferma il dottor Richard Isaacson, neurologo preventivo presso la Florida Atlantic University: “In determinate situazioni, possiamo vincere un tiro alla fune contro i nostri geni”.

Questo significa che una cura è proprio dietro l’angolo? Restava da vedere.

“Possiamo usare uno studio come questo per trasformare l’assistenza e migliorare l’assistenza? Lo spero. Non direi che siamo ancora arrivati”, ha detto Isaacson, che non è stato coinvolto in questa ricerca. “Ma penso che questo sia un importante studio.”

READ  Il Maine ha riportato 862 nuovi casi di COVID-19 in tre giorni
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Perché i prigionieri di guerra italiani inviati nell’Inland Empire nel 1944 scoprirono che la vita non era poi così male – Bollettino quotidiano
Next Post L’Italia si è aggiudicata un contratto da 256 milioni di dollari per la missione di manutenzione Orbit 2026