Gli scienziati affermano che la diffusione del virus nelle popolazioni di cervi potrebbe essere un problema per gli esseri umani

Per la prima volta, i ricercatori stanno rivelando prove preoccupanti che il COVID-19 si sta diffondendo tra le popolazioni di cervi, il che potrebbe causare problemi agli esseri umani.

Ricercatori Ha prelevato tamponi nasali da 360 cervi dalla coda bianca negli Stati Uniti tra gennaio e marzo 2021, quando il numero di casi di COVID-19 stava aumentando in tutto il paese, e ha scoperto che oltre il 35% era stato precedentemente infettato o aveva a che fare con un caso attivo .

L’ultimo studio dell’Ohio segue la ricerca che ha rilevato che le infezioni da COVID-19 erano prevalenti nei cervi dalla coda bianca a New York, Pennsylvania, Iowa, Illinois e Michigan.

Sebbene non siano stati segnalati casi di diffusione del COVID-19 dai cervi all’uomo, i ricercatori hanno avvertito che la circolazione del virus nei cervi potrebbe rappresentare un rischio se l’animale diventa un “deposito del virus”.

Secondo i ricercatori, il fatto che i cervi selvatici possano essere infettati “porta all’idea che potremmo aver già creato un nuovo ospite di mantenimento al di fuori degli esseri umani”.

“Sulla base delle prove di altri studi, abbiamo appreso che sono stati esposti in natura e che in laboratorio potremmo catturarli e il virus potrebbe essere trasmesso da cervo a cervo”, ha affermato il ricercatore capo Andrew Bowman. “Qui, diciamo che sono infetti in natura.

“E se riescono a preservarlo, abbiamo una nuova potenziale fonte di SARS-CoV-2 che entra negli esseri umani. Ciò significa che oltre a tenere traccia di ciò che c’è nelle persone, dovremo sapere anche cosa c’è nei cervi”.

I ricercatori non sono sicuri di come i cervi vengano infettati o di come si comporti il ​​virus nel corpo degli animali, ma sospettano che possano aver contratto l’infezione bevendo acqua contaminata, poiché il virus si diffonde nelle feci umane e si trova nelle acque reflue.

READ  La distruzione di questa città medievale dell'età del bronzo è stata l'ispirazione per Sodoma?

“La teoria di lavoro basata sulla nostra sequenza è che gli umani lo danno ai cervi, e sembra che lo abbiamo dato più volte”, ha detto Bowman. “Abbiamo prove di sei diverse introduzioni virali in queste popolazioni di cervi. Non è che una singola popolazione l’abbia avuto una volta e si sia diffuso”.

I risultati completi dello studio possono essere trovati qui.

Per iscriversi alle e-mail giornaliere gratuite e agli avvisi di notizie del Daily Voice.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La star italiana Lorenzo Insigne si unirà al Toronto FC con un contratto di 4 anni a luglio
Next Post Le azioni dell’italiana Carige salgono mentre gli offerenti si allineano