Gli scienziati affermano che il corpo stellare “Oumuamua non è un iceberg fatto di azoto puro”

Gli scienziati affermano che il misterioso oggetto interstellare alto 3.000 piedi “Oumuamua non è un iceberg fatto di azoto puro perché non c’è abbastanza nell’universo conosciuto per creare un oggetto così grande”.

  • I ricercatori di Harvard affermano che “Oumuamua non è un iceberg di azoto, confutando uno studio di marzo”
  • Non c’è abbastanza azoto nell’universo conosciuto per fare un oggetto così grande
  • Oumuamua è lungo 300-3.000 piedi e spesso 115-548 piedi
  • Gli scienziati stanno cercando di capire perché ha accelerato quando ha lasciato il sistema solare
  • Il misterioso oggetto interstellare oblungo è stato scoperto per la prima volta nell’ottobre 2017


La comunità scientifica ha a lungo discusso su cosa sia l’oggetto interstellare “Oumuamua”, ma un gruppo di ricercatori ritiene che non sia un iceberg di azoto, secondo un nuovo studio.

Un team di ricercatori, tra cui un astrofisico di Harvard, ha notato che “Oumuamua era una “vela leggera” inviata da un’altra civiltà, osservando che non c’era abbastanza azoto nell’universo conosciuto per creare un oggetto di queste dimensioni.

Si ritiene che Oumuamua sia lungo tra 300 e 3.000 piedi e può avere uno spessore compreso tra 115 e 548 piedi.

In quanto tale, probabilmente non fa parte di un esopianeta simile a Plutone, che si è staccato 400 milioni di anni fa, come alcuni hanno ipotizzato.

Non c'è abbastanza azoto nell'universo conosciuto per creare un oggetto così grande.  In quanto tale, probabilmente non fa parte di un esopianeta simile a Plutone che si è diviso 400 milioni di anni fa, come alcuni hanno ipotizzato

Non c’è abbastanza azoto nell’universo conosciuto per creare un oggetto così grande. In quanto tale, probabilmente non fa parte di un esopianeta simile a Plutone che si è diviso 400 milioni di anni fa, come alcuni hanno ipotizzato

“La massa necessaria di elementi pesanti supera la quantità totale intrappolata nelle stelle con una confidenza del 95%, rendendo lo scenario inaccettabile perché solo una piccola frazione della massa nelle stelle finisce nell’eso-Plutone”, affermano i ricercatori dello studio Amir Siraj e Avi Loeb. libri.

Un certo numero di teorie – inclusa quella che si tratta di un iceberg di idrogeno o di azoto – sono state postulate sulle origini o sulla composizione del sigaro rettangolare “Oumuamua” da quando è stato scoperto per la prima volta nell’ottobre 2017.

In un’intervista a scienze dal vivo“Non esiste un meccanismo fisico di azione”, ha detto Siraj, riferendosi alla ricerca che gli astrofisici dell’Arizona State University Alan Jackson e Stephen Desch hanno messo insieme a marzo.

“Nemmeno il budget sbagliato per farla lavorare.”

A giugno, i ricercatori dell’Università di Yale hanno tentato di spiegare perché ‘Oumuamua stesse accelerando nello spazio e hanno suggerito che fosse fatto di idrogeno.

Gli scienziati stanno cercando di capire perché ha accelerato quando ha lasciato il sistema solare

Gli scienziati stanno cercando di capire perché ha accelerato quando ha lasciato il sistema solare

Il misterioso oggetto interstellare oblungo è stato scoperto per la prima volta nell'ottobre 2017;  È uno dei due oggetti interstellari da scoprire

Il misterioso oggetto interstellare oblungo è stato scoperto per la prima volta nell’ottobre 2017; È uno dei due oggetti interstellari da scoprire

Nel sistema solare, l’azoto puro si trova solo su Plutone, e se tutto l’azoto puro provenisse da altri pianeti simili a Plutone che si ritiene esistano, non sarebbe sufficiente, ha detto Siraj a WordsSideKick.com.

READ  Il Maine ha riportato 862 nuovi casi di COVID-19 in tre giorni

In un’intervista con DailyMail.com, Loeb ha affermato che l’argomento si basa su “un semplice bilancio collettivo”.

“Abbiamo dimostrato che non c’è abbastanza azoto in tutte le stelle all’interno della Via Lattea per spiegare un numero sufficiente di iceberg da spiegare la scoperta di Oumuamua”, ha detto Loeb via e-mail.

Oumuamua è stato scoperto per la prima volta nell’ottobre 2017, volando a quasi 57.000 miglia all’ora, il che rende probabile che non abbia avuto origine nel sistema solare.

Ha continuato: “Anche quando si accettano le ipotesi più generose, la fornitura di azoto manca di iceberg sufficienti per spiegare ‘Oumuamua.

“La discrepanza non è marginale ma di grandezza, soprattutto quando si tiene conto dell’evaporazione dei raggi cosmici”.

La ricerca è stata pubblicata all’inizio di questo mese sulla rivista scientifica nuova astronomia.

Il nostro primo visitatore interstellare ha attraversato la Terra a 97.200 miglia all’ora nel 2017, ma cos’è esattamente Oumuamua?

Un oggetto a forma di sigaro chiamato “Oumuamua” ha attraversato la terraferma a 97.200 mph (156.428 km/h) in ottobre.

È stato individuato per la prima volta da un telescopio alle Hawaii il 19 ottobre ed è stato visto 34 volte separate la settimana successiva.

Prende il nome dal termine hawaiano per “Scout” o “Messenger” e la Terra ha percorso circa 85 volte la distanza dalla Luna.

È stato il primo oggetto interstellare visto nel sistema solare e ha sconcertato gli astronomi.

All’inizio si credeva che il corpo potesse essere una cometa.

Tuttavia, non mostra nessuno dei comportamenti classici attesi dalle comete, come code di particelle polverose e ghiaccio d’acqua.

READ  Viviamo in un multiverso?

L’asteroide è lungo fino a un quarto di miglio (400 metri) ed è molto oblungo, forse 10 volte più lungo della sua larghezza.

Questo rapporto di aspetto è maggiore di quello di qualsiasi asteroide o asteroide osservato finora nel nostro sistema solare.

Ma il colore leggermente rosso dell’asteroide, in particolare un rosa pallido, e la sua luminosità variabile sono notevolmente simili agli oggetti del nostro sistema solare.

Circa delle dimensioni del grattacielo Gherkin di Londra, alcuni astronomi erano convinti che fosse stato pilotato da extraterrestri a causa della vasta distanza che l’oggetto aveva percorso senza essere distrutto – e della vicinanza del suo viaggio attraverso la Terra.

C’è la possibilità che la roccia sia un “artefatto alieno”, hanno detto i cacciatori di alieni di SETI alla ricerca di intelligenza extraterrestre con sede presso l’Università della California, a Berkeley.

Ma gli scienziati della Queen’s University di Belfast hanno dato un’occhiata più da vicino all’oggetto e hanno detto che sembrava essere un asteroide, o un “piccolo pianeta” come si pensava inizialmente.

I ricercatori ritengono che l’asteroide a forma di sigaro abbia avuto un “passato violento”, dopo aver osservato la luce che rimbalza sulla sua superficie.

Non sono del tutto sicuri di quando avverrà la violenta collisione, ma credono che l’atterraggio dell’asteroide solitario durerà per almeno un miliardo di anni.

Annunci

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Gigi Donnarumma racconta la battaglia del portiere al Paris Saint-Germain
Next Post È apparso il film “Sesame Street” Ji Young, il primo burattino asiatico americano