Gli scienziati affermano che i primi robot viventi al mondo hanno ora imparato a riprodursi

Scienziati americani che hanno creato I primi robot viventi Dice che le forme di vita, conosciute come xenobot, possono ora riprodursi – e in un modo che non si vede nelle piante e negli animali.

Costituiti dalle cellule staminali della rana artigliata africana (Xenopus laevis), da cui prende il nome, gli xenobot sono larghi meno di un millimetro (0,04 pollici).

Queste palline sono state rivelate per la prima volta nel 2020 dopo che gli esperimenti hanno dimostrato che possono muoversi, lavorare insieme in gruppi e auto-guarirsi.

Ora gli scienziati che lo hanno sviluppato presso l’Università del Vermont, la Tufts University e il Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering dell’Università di Harvard affermano di aver scoperto una forma completamente nuova di riproduzione biologica diversa da qualsiasi animale o pianta conosciuta dalla scienza.

“Mi ha sconvolto”, ha detto Michael Levine, professore di biologia e direttore dell’Allen Discovery Center della Tufts University, coautore della nuova ricerca.

“Le rane hanno un metodo di riproduzione che usano normalmente, ma quando … rilasci (le cellule) dal resto dell’embrione e dai loro la possibilità di capire come essere in un nuovo ambiente, non solo di scoprire un nuovo modo di locomozione, ma apparentemente scoprono anche un nuovo modo di riprodursi”.

Come descritto di seguito, gli xenobot genitori a forma di C raccolgono e comprimono le cellule staminali sfuse insieme in pile che possono maturare in prole.

Robot o creatura vivente?

Le cellule staminali sono cellule non specializzate che hanno la capacità di svilupparsi in diversi tipi di cellule.

Per realizzare questi robot, i ricercatori hanno raschiato cellule staminali vive da embrioni di rana e le hanno lasciate in incubazione. Non c’è manipolazione genetica.

READ  Con l'avvicinarsi del 2022, ecco alcune previsioni del famoso astrologo Nostradamus per il futuro

“La maggior parte delle persone pensa che i robot siano fatti di metallo e ceramica, ma non si tratta tanto di ciò che fanno i robot quanto loro, e funziona da solo per conto delle persone”, ha affermato Josh Bongaard, professore di informatica e robotica. Un esperto dell’Università del Vermont e autore principale dello studio.

In questo modo è un robot ma anche un organismo costituito da una cellula di rana non OGM.

sembra familiare? Questi robot, sotto forma di Pac-Man, hanno imparato a riprodursi.
a lui attribuito: Douglas Blackstone/Sam Kriegman

Hanno scoperto che gli xenobot, che inizialmente erano di forma sferica e composti da circa 3.000 cellule, potevano riprodursi, ha detto Bongard. Ma è successo raramente e solo in circostanze specifiche.

Bongard ha affermato che gli xenobot utilizzano la “trascrizione cinetica”, un processo noto che si verifica a livello molecolare ma non precedentemente osservato su scala cellulare o interi organismi.

Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, i ricercatori hanno quindi testato miliardi di forme del corpo per rendere gli xenobot più efficienti in questo tipo di replica.

Il supercomputer aveva una forma a C che assomigliava a Pac-Man, il videogioco degli anni ’80.

Hanno scoperto che è stato in grado di trovare minuscole cellule staminali in una capsula di Petri, ne ha raccolte centinaia nella sua bocca e dopo pochi giorni il fascio di cellule è diventato nuovi xenobot.

Come mostrato di seguito, il genitore fa girare una grande sfera di cellule staminali che maturano in un nuovo xenobot.

“L’intelligenza artificiale non ha programmato queste macchine nel modo in cui normalmente pensiamo di scrivere codice. Ho modellato, scolpito e creato questa forma di Pac-Man”, ha detto Bongard.

“La forma, al suo centro, è il software. La forma influenza il comportamento degli xenobot per amplificare questo processo incredibilmente sorprendente”.

Gli xenobot sono una tecnologia molto antica – si pensi a un computer degli anni ’40 – e non ha ancora alcuna applicazione pratica.

Tuttavia, secondo i ricercatori, questa combinazione di biologia molecolare e intelligenza artificiale può essere utilizzata per una serie di compiti nel corpo e nell’ambiente.

Ciò potrebbe includere cose come la raccolta di microplastiche negli oceani, l’esame degli apparati radicali e la medicina rigenerativa.

Xenobot con grandi arti posteriori e arti anteriori più piccoli, con strati di muscolo cardiaco rosso.
Xenobot con grandi arti posteriori e arti anteriori più piccoli, con strati di muscolo cardiaco rosso.
a lui attribuito: Douglas Blackstone/Sam Kriegman

Sebbene il potenziale per l’autoriproduzione delle biotecnologie possa essere preoccupante, i ricercatori hanno affermato che le macchine vive erano interamente contenute in un laboratorio e potevano essere estinte facilmente, perché sono biodegradabili e regolate da esperti di etica.

La ricerca è stata finanziata in parte dalla Defense Advanced Research Projects Agency, un’agenzia federale che sovrintende allo sviluppo della tecnologia per uso militare.

“Ci sono molte cose che si possono ottenere se sfruttiamo questo tipo di plasticità e la capacità delle cellule di risolvere i problemi”, ha detto Bongard.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica peer-reviewed PNAS di lunedi.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Come il gesto della mano rombico di Angela Merkel è diventato un marchio di fabbrica
Next Post La Ghia 1500 GT del 1967 è una rara coupé sportiva italiana