Gli ologrammi e gli avatar possono sostituire le chiamate Zoom?

Poche cose incutono paura nel cuore di milioni di lavoratori come una frase, Passiamo a una rapida chiamata zoom.

Dopo mesi passati davanti alla telecamera, guardando i colleghi in scatole in stile Brady Bunch, i lavoratori sono stanchi delle riunioni video – e stanchi a partire dal anche loro. Sebbene le riunioni virtuali siano, per la maggior parte dei lavori d’ufficio, un male necessario, prosciugano anche la nostra energia e il senso di connessione e, in alcuni casi, contribuiscono alla disuguaglianza sul posto di lavoro, secondo un rapporto della BBC.

Per alcuni, l’imminente ritorno in ufficio significa che gli schermi saranno finalmente sostituiti da tavoli da riunione dimenticati da tempo. Tuttavia, la maggior parte dei lavoratori tornerà a un nuovo ecosistema ibrido e remoto poiché gli schermi continuano a connettere i dipendenti in tutto il paese.

Quindi, è tornato per sempre dietro le piccole telecamere?

Forse no. Il 19 agosto, Facebook ha annunciato la sua nuova tecnologia, Horizon Workrooms, che utilizza le cuffie per la realtà virtuale per riunire i colleghi come avatar all’interno di una sala riunioni simulata. La società scommette che il collegamento a un visore VR non solo ci aiuta a uscire dalle spaventose chiamate Zoom, ma ricrea anche la chimica del lavorare insieme di persona.

L’approccio di Facebook è uno dei colpi di scena più audaci, se non il più rumoroso, finora sulla videochiamata sullo status quo, piena di problemi che non siamo stati in grado di risolvere. Tenere riunioni nel “metaverso” o abbracciare altre soluzioni simili potrebbe darci una pausa da ciò che odiamo di più delle chiamate Zoom? O è più probabile che finiamo per avere mal di testa e un attacco di vertigini?

Lavora presso “Metaverse”

‘Disruption’ è una parola d’ordine abusata, il regno degli incontri virtuali Deve essere disabilitato. Le riunioni video sono un drenaggio fisico, possono essere un campo minato sociale e su larga scala non funzionano come le riunioni di persona. Ciò è in parte dovuto a quanto sia difficile replicare quasi la parte più importante degli incontri di persona, ovvero il modo in cui leggiamo gli altri: le videoconferenze possono ostacolare la capacità della nostra mente. Per affrontare movimenti separati e linguaggio del corpo. In poche parole, non gestiamo attivamente, animiamo o trasmettiamo emozioni sullo schermo, né le analizziamo.

Questo non è un problema facile da risolvere – almeno non con la tecnologia a cui siamo abituati – in quanto ci sono slot VR su Facebook.

READ  La Porsche 911 Targa di Ares Design è una bellezza unica

Workrooms fa parte di Facebook Horizon, il metaverso VR, che è stato utilizzato principalmente per il gameplay, fino ad ora. Per raggiungere il proprio laboratorio, gli utenti indossano un visore VR, creano un avatar e vengono accolti da un ufficio virtuale. La schermata iniziale mostra un calendario giornaliero e sale riunioni a cui gli utenti possono partecipare: spazi con pareti chiare, ampia illuminazione “naturale” e finestre dal pavimento al soffitto con splendide viste sull’orizzonte digitale. Gli utenti possono cambiare i tavoli delle conferenze per ospitare diversi tipi di riunioni: c’è un tavolino per i tavoli individuali, tavoli a semicerchio per le presentazioni e persino un’aula universitaria con divanetti. Fondamentalmente, quando si verificano gli incontri, i gesti degli avatar rispecchiano i momenti della vita reale degli utenti e, in teoria, rielaborano il sottile linguaggio del corpo perso durante le videochiamate.

Facebook non è l’unica azienda che cerca di interrompere le riunioni virtuali come le conosciamo. La futurista della tecnologia Cathy Hackle punta alla tecnologia in stile ologramma, che secondo lei esiste da “almeno nei primi anni 2000”. La società canadese ARHT Media ha lanciato un sistema di visualizzazione 3D in grado di inserire virtualmente gli utenti nelle riunioni. La società statunitense Spatial, un’altra startup tecnologica, ha semplificato le riunioni in stile olografico tramite le cuffie Oculus Quest di Facebook.

E nel marzo 2021, Microsoft ha lanciato uno strumento di lavoro per la realtà virtuale e aumentata chiamato Microsoft Mesh. Mesh è ancora nelle sue fasi iniziali, ma include sia ologrammi reali sia ciò che l’azienda chiama “Holoportation” – una visualizzazione virtuale di te stesso in uno spazio digitale.

Ci vediamo nella realtà virtuale?

Queste alternative fantascientifiche sono tutte buone e buone, ma possono davvero aggirare l’inefficacia (e la miseria) delle riunioni video – e farlo senza creare una nuova serie di sfide?

“Avendo provato Horizon Workrooms, direi che è uno strumento molto utile e divertente”, afferma Hackl, tuttavia, il punto del metaverso non è “necessariamente creare un mondo virtuale che sostituisca il nostro mondo attuale. Si tratta di costruire in cima al nostro mondo con contenuti digitali”.

Questo può essere particolarmente attraente per le generazioni più giovani. “Tendono ad essere molto informati sui giochi in qualche modo e trascorrono del tempo in mondi virtuali”. Per quanto riguarda il lavoro, le soluzioni incentrate sul metaverso come Horizon Workrooms possono fornire un luogo secondario e sicuro in cui i colleghi possono incontrarsi e collaborare, il tutto senza doversi preoccupare dell’etichetta di Zoom o aspetto personale, ma Hackl non pensa che gli strumenti avranno un appeal globale immediato. Uno dei suoi precedenti datori di lavoro ha utilizzato Spatial per ospitare chiamate di vendita. “Sarò nel mio ufficio a casa e vedrò gli ologrammi di 10 dei miei colleghi. Il consumatore medio non lo fa necessariamente”.

READ  Terza dose di vaccino COVID-19 potenziato "potenzialmente" richiesta: CEO di Pfizer

In primo luogo, le barriere all’ingresso possono essere troppo alte per le aziende, sia grandi che piccole. Per Horizon Workrooms, in particolare, le cuffie sono costose sia per gli individui che per le aziende. Ed è ancora pieno di bug: persino il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha dovuto lasciare temporaneamente lo spettacolo di Horizon Workrooms quando la sua bocca ha smesso di muoversi. (Zuckerberg afferma che un giorno gli utenti saranno in grado di collaborare con visori VR diversi dal marchio Oculus dell’azienda, nonché con i loro laptop o desktop.)

Forse ancora più importante, coinvolgere una forza lavoro multigenerazionale nel processo di trasformazione radicale del posto di lavoro è un processo difficile e che richiede tempo. Sebbene la tecnologia della chat video abbia radici che risalgono al 1964. Come sottolinea Christina Wasson, professoressa di antropologia presso l’Università del North Texas, “La gente fin dai primi anni ’80 si aspettava che, entro i prossimi cinque anni, le videoconferenze diventassero gigantesche, e poi non è successo”. Non ha nemmeno trovato un mercato per Zoom, dice, durante la pandemia, quando la tecnologia è stata forzata ai lavoratori per necessità.

Tuttavia, Hackl pensa che Horizon Workrooms sia un ottimo primo passo per interrompere la riunione in futuro. “I primi utenti andranno là fuori e useranno questo strumento, e alla fine il mercato di massa seguirà”, dice. “Ma non credo che sarà qualcosa che accadrà oggi”.

Disabilitare le cose sbagliate?

Mentre le aziende si affrettano a reinventare lo spazio di incontro digitale, Wasson mette in guardia dal sottovalutare l’efficacia di Zoom e sottovalutare la svolta che la tecnologia ha veramente raggiunto.

Innanzitutto, un sacco di come analizzare i volti e il linguaggio del corpo Succede inconsciamente. Sebbene le riunioni video cambino il modo in cui interagiamo con gli altri, forniscono comunque una misura delle informazioni che elaboriamo durante le conversazioni di persona. Le persone sono in realtà “sorprendenti a leggersi l’un l’altro da un secondo all’altro”, afferma Wasson, che studia antropologia linguistica.

READ  Il prossimo grande crossover di Fortnite potrebbe essere fastidioso

Si preoccupa che spostare la presenza di un lavoratore sulla rappresentazione digitale, come un avatar, potrebbe significare che le persone perderanno più di quanto guadagnino. Le impostazioni del tipo di zoom, in cui puoi vedere la persona reale, sono più efficaci rispetto all’utilizzo degli avatar. “Non c’è più livello di informazioni contenute in un avatar che nel viso e nel corpo reali”, afferma Wasson. Questo può essere particolarmente vero perché la tecnologia sta ancora emergendo, il che può significare gesti instabili ed espressioni facciali che non sono del tutto fluide.

“Penso che sia uno sforzo sbagliato diventare così ossessionati dal tentativo di ripetere il contesto a testa alta quando sei online”, dice Wasson. Crede che la prossima fase nell’evoluzione della collaborazione online potrebbe non essere affatto un’iterazione digitale nella vita reale. In effetti, crede che alcuni strumenti che non vengono utilizzati in un faccia a faccia siano migliori per aiutarci a lavorare insieme, come Miro, una lavagna online che consente agli utenti di collaborare in tempo reale. Sebbene Miro disponga di messaggi audio e video, il suo scopo principale è quello di offrire alle persone una piattaforma comune da cui lavorare insieme.

“Non credo che ci sia valore nel cercare di replicare lo spazio fisico. Perché non prendere il mezzo online per quello che è e identificarne i punti di forza?”, afferma Wasson, che si consulta anche con le aziende sulla creazione di ambienti di incontro. Crede che la tecnologia degli ologrammi possa essere un’alternativa migliore alla realtà virtuale, almeno per leggere una stanza virtuale quando si parla con i colleghi, perché può aiutarci a capire meglio il linguaggio del corpo e altre forme di comunicazione non verbale.

In definitiva, non sapremo per qualche tempo se queste tecnologie emergenti siano una valida alternativa alle videochiamate che ora conosciamo intimamente. E anche quando probabilmente se ne renderanno conto, i futuristi incluso Hackl credono che utilizzeremo una serie di tecnologie, non solo la realtà virtuale o gli ologrammi.

Tuttavia, c’è qualcosa di un po’ eccitante nel sapere che abbiamo la capacità di sviluppare una delle cose che odiamo così tanto del lavoro a distanza. Per ora, dovremo solo convincere Zoom a raccontarcelo.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Coronavirus: oltre 200.000 morti per COVID-19 in Europa entro il 1 dicembre: il terribile avvertimento dell’OMS
Next Post La campionessa in carica Naomi Osaka sotto i riflettori all’inizio degli US Open, Notizie sportive