Gli italiani che lavorano nel campo della cultura annunciano epidemie | Notizie dall’Italia

Milano, Italia – I lavoratori dell’arte e della cultura di tutta Italia hanno protestato martedì, segnando un anno da quando teatri, concerti, cinema e luoghi culturali hanno chiuso i battenti a causa dell’epidemia del coronavirus, che ha lasciato 300.000 disoccupati che lavorano nel settore.

E ‘iniziata una manifestazione davanti alla locale sede della Confederazione di Milano, in cui attori, cantanti e altri professionisti del palcoscenico si sono preparati dietro le quinte per un evento mai accaduto.

“È stato uno spettacolo di cinque minuti che ha impiegato nove ore per provare. Volevamo mostrare cosa sta succedendo nella produzione di una produzione ”, ha detto ad Al Jazeera Beatrice Barabini, cantante, autrice e insegnante che ha preso parte alla piccola azione.

Una manifestazione nazionale si è svolta in 20 capoluoghi di regione, con il divieto di viaggio interregionale dall’inizio della seconda ondata.

I sindacati hanno organizzato manifestazioni parallele in alcune città, tra cui Roma e Catania.

Lunedì sera, i teatri di tutta Italia hanno cambiato le loro luci per “far risplendere una luce nel teatro”.

Mirco Lanfredini, direttore artistico di un piccolo teatro di Milano, ha detto che quando ha avuto diritto alla borsa di studio, la scuola di recitazione da lui fondata ha vacillato. [Ylenia Gostoli/Al Jazeera]

“Chiediamo la riapertura degli spazi con misure di sicurezza, e occorre prestare maggiore attenzione al nostro settore. Ci sono riforme serie che tengono conto della naturalezza del lavoro di riforma culturale”, ha detto Borabini. .

Come altri, l’anno scorso non si è qualificato per il sostegno del governo.

“Ho avuto un grave problema di salute [in 2019], Sono scesa al di sotto della soglia dei giorni lavorativi necessari per avere diritto alle borse ”, spiega Parabini, aggiungendo che quando è scoppiata l’epidemia, i progetti che aveva avviato di recente avrebbero dovuto essere fermati.

READ  La famiglia American Plateau acquista un club specia della Serie italiana

I lavoratori dell’arte e della cultura possono richiedere un sussidio di 600 euro (30 730) all’inizio della crisi e altri quattro 1.000 euro annunciati durante la crisi.

“Ma dobbiamo riaprire le attività culturali con tutte le misure di sicurezza”, ha detto ai giornalisti a Roma, uno dei più grandi sindacati italiani, il segretario generale della Cgil Marricio Landini.

“C’è bisogno di finanziamenti e di un’opportunità europea [Next Generation EU] Il progetto è un’opportunità per investire nella cultura e nelle mostre d’arte. “

I siti culturali sono spesso chiusi durante l’epidemia del Corona virus in Europa e oltre, ma riaprono per brevi periodi di tempo, come l’estate.

A Madrid, il governo ha riaperto teatri e cinema entro la fine del 2020, nonostante lo stato di emergenza del Paese, almeno fino al 9 maggio.

Il Regno Unito, che ha uno dei più alti tassi di morte al mondo, ha ricevuto elogi per il ritiro del vaccino, annunciando di recente misure graduali per ridurre il blocco. Ha lo scopo di riaprire completamente i luoghi culturali alla fine di giugno.

Esporre le vulnerabilità strutturali

Nel suo primo discorso, il nuovo premier italiano Mario Draghi ha detto: “La cultura va sostenuta. Il pericolo è perdere una tradizione che definisce la nostra identità. La perdita economica sarà enorme, ma la perdita di spirito sarà ancora maggiore. “

Il settore dovrebbe essere sostenuto rafforzando gli investimenti e la protezione dei lavoratori, ha affermato.

Ma in una crisi che ha messo in imbarazzo molti per un anno, i manifestanti cercano più delle parole.

Una vista fuori dalla finestra del Palazzo di Montecitorio, sede del Parlamento italiano, ricorda le sfide affrontate dall’ex leader dell’ECP Dracia nel guidare l’Italia fuori dalla perdurante crisi sanitaria ed economica.

READ  La Nigeria spende miliardi per la manutenzione degli oleodotti poiché centinaia vengono distrutti ogni anno

L’Italia impiega circa 300.000 persone nel settore delle arti e della cultura [Ylenia Gostoli/Al Jazeera]

Lunedì, i proprietari dei ristoranti hanno protestato e chiesto al governo di ripristinare l’orario di apertura serale.

Matteo Salvini, leader del partito della Lega di estrema destra, dà voce al movimento #ipan, lanciato a gennaio.

Fino al 31 marzo i dipendenti sono tutelati dal divieto di licenziamento.

Ma ai proprietari di piccole imprese, ai lavoratori autonomi e ai lavoratori stagionali non viene fornita tale protezione durante la crisi.

Mirco Lanfredini, 42 anni, attore e direttore artistico di un piccolo teatro di Milano, ha detto che la scuola di recitazione da lui fondata vacillava quando poteva beneficiare delle borse di studio.

“Dal 23 febbraio dello scorso anno, la mia scuola ha lavorato solo per un mese a giugno”, ha detto Lanfredini. “L’affitto è di 2.000 euro al mese. Tutti i nostri risparmi sono andati. “

“Il teatro in cui lavoro ha 240 posti e abbiamo organizzato 120 posti remoti. Ma il giorno in cui abbiamo dovuto riaprire, è stato annunciato l’ordine di coprifuoco. [in October]. “

David Colassie, un elettricista di 32 anni e organizzatore di proteste al Teatro Stabile di Roma, ha chiesto “entrate continue” per i lavoratori con contratti a breve termine oa progetto.

L’epidemia ha rivelato profondi problemi nello spazio culturale, compreso il lavoro informale e lo sfruttamento pericolosi e diffusi, ha detto Colossi, con un rivestimento d’argento.

“L’epidemia ha certamente contribuito ad abbattere le barriere tra i lavoratori, e un anno di disoccupazione ci ha dato il tempo di sospendere e costruire movimenti”, ha detto.

Francesca Bettio, docente di economia politica all’Università di Siena, ha detto ad Al Jazeera: “Quando i lavoratori non sono al lavoro, dobbiamo riconsiderare i modi in cui li supportiamo nelle nostre reti previdenziali.

READ  Il marchio di moda italiano UCP introduce un nuovo concetto di negozio più stabile

“Per i lavoratori delle arti, la buona notizia è che non saranno più considerati isolati ed emarginati. Il loro problema sta diventando sempre più comune e le soluzioni devono includerli. Questa crisi sta affrontando un cambio di paradigma che non possiamo più ignorare.”

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Moda: la migliore connessione indo-italiana
Next Post Philip Stankovic potrebbe sostituire Daniel Patel la prossima stagione, rivelano i media italiani