Gli immigrati italiani vaccinati non possono ottenere il permesso Covid

La pandemia di coronavirus e le successive politiche attuate dal governo italiano hanno messo in luce la terribile situazione dei migranti privi di documenti in Italia.

Senza permessi di soggiorno, e quindi non iscritti al sistema sanitario nazionale, molti rifugiati, richiedenti asilo e migranti si sono trovati nell’impossibilità di cercare assistenza medica in mezzo a una crisi sanitaria.

L’ultimo scoglio è la green card italiana – il certificato di vaccinazione necessario per accedere a tutto, dai mezzi pubblici ai ristoranti – a cui gli immigrati non possono accedere, nonostante siano vaccinati, perché sprovvisti di tessera sanitaria nazionale.

Con la carenza di manodopera nel contesto dell’emergenza Covid che inizia a colpire le filiere alimentari, molti paesi europei hanno visto l’importanza di regolamentare gli immigrati illegali. L’Italia è stata particolarmente pronta ad attivarsi per sostenere gli “invisibili”, gli stranieri privi di permesso di soggiorno, che spesso lavorano in nero in settori come l’agricoltura e il lavoro domestico.

Tuttavia, il sistema di regolamentazione, lanciato nel maggio 2020, ha presto presentato diversi difetti, tra cui una selezione limitata di settori ammissibili, gravi ritardi ed eccessiva burocrazia.

democrazia aperta Ho menzionato la scorsa settimana solo questo 12,7 percento degli ordini Finora è stato elaborato e solo il cinque per cento di questi ha portato al rilascio di un permesso di soggiorno. Chi è ancora in attesa rimane vulnerabile, senza accesso all’assistenza sanitaria e, fino a poco tempo fa, ai vaccini contro il coronavirus.

Nonostante le assicurazioni del governo italiano che tutte le persone, indipendentemente dal loro status giuridico, potessero vaccinarsi, in realtà non è stato così.

READ  Kevin De Bruyne torna con il Belgio per le partite della Nations League

Per la prenotazione della fascia vaccinale, la maggior parte dei sistemi di prenotazione regionali richiede il codice della Tessera Sanitaria Nazionale italiana, che viene rilasciata ai titolari di permesso di soggiorno.

Invece, agli immigrati viene rilasciato un codice di “straniero corrente temporaneamente” (STP) per facilitare l’accesso ai servizi sanitari, ma Lo riporta il New York Times A giugno solo tre regioni lo accettavano ai calci di rigore.

Questa situazione significa che gli stessi immigrati rimangono a rischio e così anche la comunità più ampia, soprattutto dato che molti stranieri privi di documenti lavorano come assistenti agli anziani.

dopo, dopo Appelli da enti di beneficenza E gruppi per i diritti degli immigrati, il processo di immunizzazione per gli immigrati ha iniziato a riprendersi durante l’estate.

Ma altrettanto rapidamente è sorto un altro ostacolo. In Italia, coloro che hanno ricevuto almeno la prima dose di vaccino possono accedere e caricare una “carta verde” che funge da prova della vaccinazione (o prova di un test Covid-19 negativo nelle ultime 48 ore).

Il governo sta ora richiedendo al corridoio verde di accedere a molti servizi tra cui ristoranti al coperto, cinema, musei e impianti sportivi. La corsia verde è obbligatoria anche per l’accesso a lunga distanza ai mezzi pubblici e alle scuole (studenti esclusi).

Ma per scaricare una carta verde, il SSN online richiede agli utenti di inserire il codice della tessera sanitaria nazionale (o utilizzare un documento come passaporto, carta d’identità o codice fiscale).

In quanto tali, gli immigrati possono essere vaccinati, ma non sono in grado di dimostrarlo, e rimangono quindi esclusi da molti dei servizi a cui dovrebbero essere autorizzati ad accedere.

READ  Che fine ha fatto David Astori? Il medico è stato mandato in prigione per uccidere un calciatore italiano

Molti hanno espresso indignazione per quella che viene vista come una situazione discriminatoria. La sezione milanese della Confederazione Italiana dei Sindacati ha criticato le difficoltà incontrate dagli stranieri in Lombardia, mentre la Rete della Solidarietà di Castel Volturno ha sollecitato la Regione Campania ad affrontare l’inadeguatezza del sistema.

La rete dedicata ad aiutare gli stranieri in regione ormai da tre settimane, racconta che i nostri operatori stanno aiutando centinaia di cittadini stranieri privi di permesso di soggiorno a scaricare il Green Pass dopo aver completato il corso di vaccinazione.

L’attivista per i diritti dei migranti Abubakar Somahoro lo ha descritto come un altro esempio della “gerarchia dei diritti” italiana che punisce gli immigrati. “La corsia verde non può essere un’altra occasione per mantenere la discriminazione in atto”, ha detto Ha detto in un video su Twitter. “Questa è la mia richiesta: rilasciare un permesso di soggiorno durante l’emergenza sanitaria a tutti coloro che sono costretti a vivere in segreto per consentire loro di avere un medico, di essere visibili”.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post SSD da 2 TB per soli $ 169 da Western Digital WD Blue | Ne vale la pena?
Next Post Elon Musk prende in giro il presidente Biden dopo che SpaceX ha completato la sua prima missione interamente civile