Gli Emirati Arabi Uniti cercano investitori per costruire strutture per l’esportazione di idrogeno | Notizie di economia e commercio

Il mercato dell’idrogeno è piccolo ora, ma potrebbe valere 700 miliardi di dollari all’anno entro il 2050, secondo Bloomberg.

Abu Dhabi è alla ricerca di investitori che aiutino a costruire strutture per l’esportazione di idrogeno, mentre i produttori di petrolio del Medio Oriente intensificano i piani per vendere quelli che sono considerati combustibili cruciali nella transizione verso un’energia più pulita.

La Abu Dhabi National Oil Company, che pompa quasi tutto il petrolio e il gas naturale negli Emirati Arabi Uniti, è in trattative con le compagnie energetiche per l’acquisto di partecipazioni in progetti di idrogeno, secondo persone che hanno familiarità con la questione. Mirano anche a firmare contratti di fornitura a lungo termine prima di procedere con gli investimenti, hanno aggiunto.

Il mercato dell’idrogeno è piccolo oggi, ma potrebbe valere 700 miliardi di dollari all’anno entro il 2050, secondo BloombergNEF.

I progetti per esportare il carburante, che emette solo vapore acqueo quando viene bruciato, potrebbero costare miliardi di dollari. Ma nel mezzo di una spinta globale per ridurre le emissioni di gas serra, gli stati del Golfo Persico come gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita stanno cercando di utilizzare l’idrogeno per ridurre la loro dipendenza dal petrolio.

Offerte Giappone e Corea

Sultan Al Jaber, presidente dell’ADNOC e inviato per il clima degli Emirati Arabi Uniti, ha affermato che l’idrogeno potrebbe diventare una delle principali fonti di energia nei prossimi 20 anni. La società ha firmato accordi per esplorare le vendite di carburante con il governo giapponese e la coreana GS Energy.

Le compagnie petrolifere statali del Golfo vogliono convertire la loro esperienza nell’esportazione di combustibili liquidi nella spedizione di idrogeno o ammoniaca ai clienti di tutto il mondo per l’elettricità, i trasporti e l’uso industriale.

READ  Associazione Del Ristorante. In evidenza 5 stelle nascenti

Saudi Aramco mira a catturare una “quota significativa” del mercato che vede emergere dal 2030 in poi.

La maggior parte di ciò che Adnoc emette è probabilmente idrogeno blu, che è stato creato convertendo il gas naturale e catturando l’anidride carbonica sottoprodotto. L’idrogeno può essere convertito in ammoniaca per caricarlo più facilmente.

L’ADNOC ha dichiarato mercoledì che studierà opportunità commerciali per progetti di ammoniaca negli Emirati Arabi Uniti con la giapponese Inpex Corp, Jera Co e con la compagnia energetica statale del paese asiatico.

pianta di ammoniaca

Adnoc, che sta già producendo idrogeno per le sue raffinerie, aumenterà la produzione espandendo il suo impianto di lavorazione del petrolio e l’impianto petrolchimico di Borouge nel centro industriale di Ruwais, secondo People. L’idrogeno aggiuntivo verrà utilizzato in un impianto di ammoniaca pianificato con la società di fertilizzanti Fertiglobe.

Indicando il crescente interesse delle aziende internazionali nell’utilizzo dell’area come base per l’idrogeno, il produttore italiano Eni SpA ha dichiarato che studierà la fattibilità commerciale di tali progetti in Egitto. Eni ha affermato che prenderà in considerazione l’utilizzo di energie rinnovabili o tecnologie di cattura del carbonio per evitare o eliminare le emissioni di carbonio.

Abu Dhabi vuole anche sviluppare idrogeno verde, che viene prodotto utilizzando energia rinnovabile, come l’energia solare, in un processo che non emette carbonio. L’idrogeno blu è più economico e si prevede che lo rimarrà per molti anni.

Bloomberg ha riferito il mese scorso che gli Emirati Arabi Uniti stanno considerando di fissare un obiettivo di emissioni nette pari a zero, cosa che nessun membro dell’OPEC ha fatto finora. Sta anche cercando di aumentare la sua capacità di energia rinnovabile.

READ  Sunny Gugliani nominato Head of Airbus Helicopters per India e Sud Asia

Tuttavia, insieme alle iniziative ecologiche, lo stato sta spendendo miliardi di dollari per consentirgli di pompare più petrolio greggio. Questi investimenti hanno portato a tensioni con l’Arabia Saudita e l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, con gli Emirati Arabi Uniti che affermano che la loro quota attuale di produzione di petrolio è molto bassa.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La nuova ciambella alla mela di Oreo e il brownie al caramello salato Sapori Drop AF
Next Post I newyorkesi stanno affollando i laghi sotterranei mentre le stazioni della metropolitana si allagano