Gli elettori italiani si sono girati bruscamente, premiando il partito di estrema destra Meloni

ROMA (AFP) – Gli elettori italiani hanno premiato il partito euroscettico Georgia Meloni con nuove radici fasciste, spingendo il Paese verso quello che potrebbe essere il primo governo di estrema destra dalla seconda guerra mondiale, sulla base dei risultati parziali di lunedì delle elezioni parlamentari.

In un discorso di vittoria, la leader dell’estrema destra italiana Giorgia Meloni ha assunto un tono moderato dopo che le proiezioni basate sui voti conteggiati da quasi due terzi dei seggi elettorali hanno mostrato che il partito Brothers of Italy ha superato gli altri contendenti nel sondaggio di domenica.

“Se siamo chiamati a governare questa nazione, lo faremo per tutti, lo faremo per tutti gli italiani e lo faremo con l’obiettivo di unire il popolo (di questo Paese)”, ha detto la Meloni al quartier generale del suo partito a Roma. .

“L’Italia ha scelto noi”, ha detto. “Non tradiremo (il Paese) come non abbiamo mai fatto prima”.

La formazione di una coalizione di governo, con l’aiuto degli alleati di destra e di centrodestra di Meloni, potrebbe richiedere settimane. Se ci riuscirà Meloni, 45 anni, sarà la prima donna premier del Paese.

Il tentativo di formare un governo è stato autorizzato dal presidente italiano dopo aver consultato i vertici del partito.

Nel frattempo, l’ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi, il cui governo è crollato due mesi fa, rimane in una posizione temporanea.

Le differenze possono incombere tra i potenziali partner della coalizione di Meloni.

Ha fortemente sostenuto la fornitura di armi all’Ucraina per difendersi dall’invasione russa. Al contrario, il leader della Lega di destra Matteo Salvini, che prima della guerra era un grande fan del presidente russo Vladimir Putin, espresse preoccupazione per il fatto che le sanzioni occidentali avrebbero danneggiato gli interessi economici dell’Italia più che punire la Russia.

READ  L'Unione europea vede una crescita più forte in futuro. Ma che dire del panico del Delta?

L’ex primo ministro Silvio Berlusconi, un altro tifoso di lunga data di Putin, ha affermato che la sua adesione alla coalizione del blocco di centro-destra assicurerebbe all’Italia di rimanere saldamente radicata nell’Unione europea e uno dei suoi membri più affidabili.

Con le famiglie e le imprese italiane alle prese con bollette energetiche incredibilmente alte con l’avvicinarsi dell’inverno, Meloni si è opposta alla spinta di Salvini di gonfiare un’Italia già indebitata con decine di miliardi di euro per aiuti energetici.

Che tipo di governo avrebbe potuto avere la terza economia dell’eurozona è stato osservato da vicino in Europa, date le critiche di Meloni ai “burocrati di Bruxelles” e i suoi legami con altri leader di destra. Di recente ho difeso il primo ministro ungherese Viktor Orban dopo che la Commissione europea ha raccomandato di sospendere miliardi di euro in finanziamenti all’Ungheria a causa delle preoccupazioni per il ritorno democratico e la possibile cattiva gestione dei fondi dell’UE.

Dopo che i sondaggi prima del voto indicavano che sarebbe stata diretta alla vittoria, Meloni ha iniziato a modificare il suo messaggio “Dio, paese e famiglia” in un apparente tentativo di rassicurare l’Unione Europea e altri partner internazionali preoccupati per il dubbio sull’euro .

“Questo è il momento di assumersi la responsabilità”, ha detto Meloni.

Ha promesso commenti più dettagliati più tardi lunedì. Nella sua campagna, ha criticato i funzionari dell’UE in quanto eccessivamente burocratici e ha promesso di proteggere gli interessi nazionali dell’Italia se fossero in conflitto con le politiche dell’UE.

Le proiezioni basate sui voti conteggiati da quasi due terzi dei seggi elettorali nel sondaggio di domenica affermano che il partito di Meloni, Fratelli d’Italia, vincerà circa il 25,7% dei voti.

READ  Ecco i palazzi, le miniere, gli aerei e i giganteschi yacht che gli oligarchi russi hanno perso a causa delle sanzioni

Questo si confronta con circa il 19,3% del suo rivale più vicino, il Partito Democratico di centrosinistra dell’ex presidente del Consiglio Enrico Letta. La coalizione di Salvini avrebbe dovuto ottenere l’8,6% dei voti, quasi la metà di quello ottenuto nelle ultime elezioni del 2018. Il partito di Forza Italia di Berlusconi sembrava in procinto di vincere dell’8%.

L’ascesa missilistica di Meloni nella terza economia dell’Unione Europea arriva in un momento critico, poiché gran parte del continente è alle prese con l’aumento delle bollette energetiche, le ricadute della guerra in Ucraina e la determinazione dell’Occidente a rimanere unito contro l’aggressione russa messa alla prova. Nelle ultime elezioni, nel 2018, il partito di Meloni ha ricevuto il 4,4%.

I nostri colleghi politici euroscettici sono stati tra i primi a festeggiare. Anche il partito del politico francese Marine Le Pen ha salutato il risultato come una “lezione di umiltà” per l’Unione Europea.

“Milioni di europei ripongono le loro speranze sull’Italia”, ha twittato Santiago Abascal, leader del partito di opposizione di estrema destra Vox. Meloni “Lei ha indicato la strada per un’Europa orgogliosa e libera di nazioni sovrane che possono cooperare per la sicurezza e la prosperità di tutti”.

L’affluenza alle urne, secondo il ministero dell’Interno, è stata del 64%, poiché gli aventi diritto hanno abbandonato in gran numero i seggi elettorali. Questo è ben al di sotto della precedente bassa affluenza alle urne, il 73% nel 2018.

L’Italia ha avuto tre governi di coalizione dalle ultime elezioni, ciascuno guidato da qualcuno che non si è candidato alla carica e che sembrava alienare molti elettori, hanno detto i sondaggisti.

READ  I rendimenti dell'Eurozona scendono per rischi geopolitici, occhi puntati sul voto italiano

Il Partito Meloni nasce dall’eredità del partito neofascista formatosi poco dopo la guerra dalla nostalgia del dittatore fascista Benito Mussolini.

La complessa legge elettorale italiana equivale a una coalizione di campagna elettorale. Meloni è stato sostenuto unendosi alle forze di spedizione con Salvini e Berlusconi.

I democratici votanti sono stati molto svantaggiati perché non sono riusciti a garantire un’ampia alleanza simile con i populisti di sinistra nel Movimento 5 stelle, il più grande partito nella legislatura appena conclusa.

Guidati dall’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i Cinque Stelle sembravano dirigersi al terzo posto, con circa il 16% dei voti. Se avessero unito le forze in un accordo elettorale con i Democratici, la loro coalizione avrebbe avuto all’incirca la stessa percentuale di quella di Meloni.

Le elezioni di domenica sono arrivate con sei mesi di anticipo dopo che il governo pandemico di Draghi, che godeva di ampia popolarità tra i cittadini, è crollato a fine luglio dopo che Salvini, Berlusconi e i partiti di Conte hanno rifiutato il sostegno con un voto di fiducia.

Meloni tenne all’opposizione il partito Fratelli d’Italia, rifiutandosi di aderire al governo unito di Draghi o alle due precedenti coalizioni guidate da Conte.

___

La giornalista Nicole Winfield ha contribuito all’Associated Press di Roma.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Gli scienziati identificano la molecola che può uccidere il COVID con gli “abbracci”, ma c’è un problema
Next Post Un uomo armato uccide 13 persone, tra cui 7 bambini, in una scuola a Izhevsk, in Russia, e si spara