Gli elettori iracheni vanno alle urne in un test del sistema democratico | Notizie elettorali

Gli iracheni diretti alle urne per le elezioni anticipate annunciate come una concessione alle proteste anti-governative, ma si prevede che saranno boicottati da molti elettori che diffidano delle promesse ufficiali di riforma.

I seggi si sono aperti alle 7 del mattino (0400 GMT) di domenica, ma pochi elettori si sono presentati presto al seggio in una scuola nel centro della capitale irachena, Baghdad.

“Sono venuto a votare per cambiare il paese in meglio e per cambiare gli attuali leader incompetenti”, ha detto Gemand Khalil, 37 anni, che è stato uno dei primi a votare. “Ci hanno fatto tante promesse ma non ci hanno dato niente”.

La sicurezza è stata rafforzata nella capitale, con gli elettori che hanno controllato due volte gli ingressi ai seggi elettorali.

Gli aeroporti sono stati chiusi fino all’alba lunedì in tutto l’Iraq, dove nonostante il governo abbia dichiarato la vittoria sull’ISIS alla fine del 2017, le cellule dormienti continuano a lanciare i loro attacchi.

“Gli iracheni dovrebbero avere la fiducia di poter votare a loro piacimento, in un ambiente privo di pressioni, intimidazioni e minacce”, ha affermato la Missione delle Nazioni Unite in Iraq prima del voto.

Le urne restano aperte fino alle 18, con risultati preliminari attesi entro 24 ore dalla chiusura. Decine di osservatori elettorali dispiegati dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite hanno monitorato il voto.

Il primo ministro Mustafa al-Kadhimi ha espresso presto il suo voto nella zona verde fortificata di Baghdad.

“Questa è un’opportunità di cambiamento”, ha detto.

Ha esortato Al-Kadhimi, il cui futuro politico è ancora in bilico, con pochi osservatori disposti a prevedere chi ne sarebbe uscito vincitore dopo lunghe contrattazioni di solito dopo le elezioni irachene.

READ  Gli Stati Uniti e la Cina si scontrano sul Mar Cinese Meridionale in una riunione ad alto livello del Consiglio di sicurezza dell'ONU presieduta dall'India

Gli analisti hanno previsto un calo record dell’affluenza al voto, che si è tenuto all’inizio dell’anno in una rara concessione al movimento di protesta guidato dai giovani. Le elezioni del 2018 hanno visto solo il 44% degli aventi diritto a votare, un record minimo, e i risultati sono stati ampiamente contestati.

Decine di attivisti anti-governativi sono stati uccisi, rapiti o intimiditi negli ultimi due anni, con l’accusa che dietro le violenze ci siano gruppi armati fedeli all’Iran, molti dei quali sono rappresentati in parlamento.

Gli analisti si aspettavano un calo record nell’affluenza alle urne [Dana Taib Menmy/Al Jazeera]

Mahmoud Abdel Wahed, corrispondente di Al Jazeera da Baghdad, ha affermato che le basse aspettative di partecipazione si basano in gran parte sulla disillusione tra le persone, in particolare i giovani.

I più delusi sono coloro che si sono sollevati contro la corruzione e la cattiva gestione nel 2019 in quello che è noto come “Tishreen”. [October] Egli ha detto.

Decine di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza nell’ottobre 2019 per esprimere la loro rabbia per la corruzione, la disoccupazione e il crollo dei servizi pubblici, e centinaia hanno perso la vita in violenze legate alla protesta.

Le proteste si sono in gran parte placate quando la rabbia ha lasciato il posto alla delusione.

“Nulla cambierà. Queste elezioni saranno vinte dalle stesse fazioni contro le quali la gente ha protestato”, ha detto Muhammad Qasim, 45 anni, lavoratore a giornata a Baghdad, che non aveva intenzione di votare.

Mappa dell'Iraq con il numero di seggi e governatorati

‘scale musicali’

Secondo la commissione elettorale del Paese, almeno 167 partiti e più di 3.200 candidati si contendono 329 seggi nel parlamento iracheno.

Le elezioni irachene spesso seguono mesi di lunghi negoziati su un presidente, un primo ministro e un gabinetto.

READ  L'attacco di un drone prende di mira una base militare statunitense in Iraq

Si suppone che il sistema elettorale di un membro per l’elezione dei politici iracheni indebolisca il potere dei blocchi tradizionali basati in gran parte su affiliazioni religiose, etniche e di clan.

Ma la maggior parte degli analisti ritiene che renderà il processo politico meno responsabile.

I funzionari affermano che la nuova legge sul voto, che arriva anche in risposta alle richieste dei manifestanti, aiuterà i candidati indipendenti pro-riforma, ma ciò dipenderà dall’affluenza alle urne.

Molti iracheni dicono che boicotteranno il voto. Vedono il sistema democratico iniziato dopo l’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2003 come imperfetto e al servizio solo dei partiti politici che da allora hanno dominato il paese.

Sistema parlamentare iracheno

La Commissione elettorale ha detto che prevede di pubblicare i risultati preliminari entro 24 ore dalla chiusura dei seggi.

Probabilmente ci vorrà più tempo prima che emerga un equilibrio di potere mentre le principali fazioni competono per sostenere più indipendenti.

L’Alleanza Fatah, il blocco che rappresenta molte delle milizie sciite sostenute dall’Iran, dovrebbe mantenere la sua quota di seggi.

La lista del leader populista Muqtada al-Sadr, che è già la più numerosa del parlamento uscente, dovrebbe fare progressi, ma non è sufficiente per controllare il campo sciita. Nella città sciita di Najaf, al-Sadr ha espresso il suo voto tra i giornalisti locali. Poi se ne andò in una berlina bianca senza sospensioni.

“Le elezioni porteranno probabilmente a un altro parlamento frammentato, seguito da un baratto corrotto e opaco tra le fazioni per formare il prossimo governo”, hanno affermato i ricercatori Bilal Wahab e Calvin Wilder in un’analisi pubblicata dal Washington Institute.

READ  L'India dovrebbe essere un "Paese di particolare interesse" per la libertà religiosa: la Commissione Usa

Pochi si aspettano che questa elezione sia più di un gioco di sedie musicali, e [October 2019 protest] È improbabile che le richieste di base del movimento – ridurre la corruzione sistemica, creare posti di lavoro e responsabilizzare i gruppi armati – vengano soddisfatte”.

La Commissione Elettorale ha detto che prevede di pubblicare i risultati preliminari entro 24 ore dalla chiusura dei seggi elettorali [Dana Taib Menmy/Al Jazeera]

Secondo le leggi irachene, il vincitore del voto di domenica ha il diritto di scegliere il prossimo primo ministro del Paese, ma è improbabile che una delle coalizioni in competizione sia in grado di assicurarsi una chiara maggioranza. Ciò richiederà un lungo processo che includa negoziati dietro le quinte per selezionare un primo ministro consensuale e concordare un nuovo governo di coalizione.

Ci sono voluti otto mesi di dispute politiche per formare un governo dopo le elezioni del 2018.

A mezzogiorno, l’affluenza era ancora relativamente bassa e le strade per lo più deserte. In un caffè nel quartiere Karrada di Baghdad, uno dei pochi caffè aperti, il candidato Reem Abdel-Hadi è entrato per chiedere se la gente avesse votato.

Il venditore di tè ha risposto: “Darò il mio voto alla cantante Umm Kulthum, è l’unica che lo merita”, riferendosi alla defunta cantante egiziana, amata da molti nel mondo arabo. Ha detto che non avrebbe partecipato alle elezioni e non credeva nel processo politico.

Dopo poche parole, Abd al-Hadi ha consegnato all’uomo, che chiedeva di non essere identificato, un cartellino con il suo nome e numero nel caso decidesse di cambiare idea. Mettilo in tasca.

“Grazie”, disse, “lo terrò come ricordo”.

Dana Tayeb Munami di Sulaymaniyah, Iraq ha contribuito a questo rapporto

L’Alleanza di Fatah, il blocco che rappresenta diverse milizie sciite sostenute dall’Iran, dovrebbe mantenere la sua quota di seggi. [Dana Taib Menmy/Al Jazeera]

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Kim Kardashian ha partecipato al SNL After Party con Chloe, Chris Jenner e Scott Dysick.
Next Post Le immagini del rover “Perseverance” della NASA indicano antiche inondazioni improvvise su Marte