Gli astronomi stanno ancora cercando l’inafferrabile Pianeta 9

L’astronomo Michael Brown ha guidato la campagna che nel 2006, controversamente, ha declassato Plutone dal nono pianeta del nostro sistema solare a uno dei tanti pianeti nani. Ora, spera di colmare il divario che ha creato con quella che prevede sarà la scoperta del “Pianeta Nove” – ​​un pianeta di dimensioni diverse volte la Terra che potrebbe orbitare attorno al Sole quanto più lontano da Nettuno.

“Non era assolutamente questo l’intento”, ha detto Brown, professore di astronomia planetaria al California Institute of Technology di Pasadena e autore del libro di memorie “Come ho ucciso Plutone e perché è successo”.

“Se fossi abbastanza preveggente da avere tutte queste idee in anticipo e poi declassassi Plutone e trovassi un nuovo pianeta, sarebbe fantastico, ma in realtà è solo una coincidenza”, ha detto.

un studio Pubblicato online ad agosto da Brown e dal collega astrofisico del Caltech Konstantin Batygin, ha riesaminato le prove di un suggerimento che avevano proposto per la prima volta nel 2016: che un ipotetico Pianeta Nove potrebbe spiegare le anomalie osservate dagli astronomi nel sistema solare esterno, in particolare L’insolita collezione di ghiaccioli asteroidi e nuclei di comete sono chiamati oggetti della fascia di Kuiper. Lo studio è stato accettato per la pubblicazione dall’Astronomical Journal, Secondo National Geographic.

Nonostante anni di ricerche, Planet Nine non è mai stato visto prima. Di conseguenza, alcuni astronomi hanno suggerito che non esistono e che il raggruppamento di oggetti osservato da Brown e Batygin è il risultato di “bias di osservazione” – poiché sono stati visti meno di una dozzina di oggetti, il loro raggruppamento potrebbe essere solo un dato statistico. coincidenza che non si vedrà tra le centinaia che si crede esistano.

READ  Covid-19: i migliori esperti di virus e vaccini in India e cosa ci aspetta: The Tribune India
Alcuni astronomi ritengono che il Pianeta Nove non scoperto stia causando orbite insolite nel sistema solare esterno di asteroidi ghiacciati e nuclei di comete noti come oggetti della fascia di Kuiper.California Institute of Technology

Ma nel loro ultimo studio, Brown e Batygin hanno aggiunto diverse osservazioni recenti degli oggetti e hanno calcolato che l’aggregazione è quasi certa, infatti hanno scoperto che c’era solo una probabilità dello 0,4 percento che fosse solo una coincidenza.

Ciò potrebbe indicare l’esistenza del Pianeta Nove con quasi certezza: il nuovo studio include una “mappa del tesoro” della sua presunta orbita che indica agli astronomi i posti migliori nel cielo da cercare.

Brown sta lavorando con i dati di diversi sondaggi astronomici, sperando di avere una prima occhiata al Pianeta Nove. Se quella ricerca non funziona, spera che sarà visto nei dati del sondaggio di un nuovo grande telescopio presso l’Osservatorio Vera Rubin nelle montagne del nord del Cile, che dovrebbe iniziare a funzionare a pieno regime nel 2023.

Uno dei risultati del nuovo studio è che l’orbita del Pianeta Nove è più vicina al sole di quanto suggerito dallo studio del 2016, con la sua orbita allungata che è circa 380 volte la distanza tra la Terra e il sole nella sua prima fase, invece di più di 400 volte quella distanza.

Un’orbita più vicina renderebbe il pianeta Nove molto più luminoso e più facile da vedere, ha detto Brown, anche se i ricalcoli suggeriscono che è anche un po’ più piccolo, circa sei volte la massa della Terra, invece di 20 volte più grande.

READ  Immagini epiche dalla stazione spaziale cinese offrono viste mozzafiato della Terra

“In virtù del fatto che è più vicino, anche se è meno massiccio, è molto più luminoso di quanto ci aspettassimo inizialmente”, ha detto. “Quindi sono entusiasta perché questo ci aiuterà a trovarlo più rapidamente”.

Se il pianeta nove esiste, è probabilmente un gigante gassoso molto freddo come Nettuno, non un pianeta roccioso come la Terra. Tuttavia, sarà più piccolo: la massa di Nettuno è più di 17 volte quella della Terra. Circa da sei a 10 masse terrestri, ha detto Brown, è la dimensione più comune per i giganti gassosi che gli astronomi hanno visto altrove nella nostra galassia, anche se nessuno, ancora, si trova nel nostro sistema solare.

Mentre il Pianeta Nove potrebbe essersi formato a una distanza così grande dal disco di gas attorno al primo Sole, sembra probabile che si sia formato all’incirca alla stessa distanza dal Sole di Urano e Nettuno, ma è sgorgato all’esterno del Sole. Un sistema di forte attrazione gravitazionale per Saturno, ha detto.

rifiutare la proposta Realizzato dagli astronomi l’anno scorso Quel Pianeta Nove potrebbe effettivamente essere un buco nero in orbita attorno al sole.

“Era uno scherzo quando hanno scritto quel documento”, ha detto. “È divertente e carino, ma non c’è una vera ragione per ipotizzare che potrebbe essere un buco nero”.

Il nuovo studio include una “mappa del tesoro” delle posizioni proposte del Pianeta Nove nel cielo della Terra. La zona rossa è dove Planet Nine è più lento, e quindi è più probabile che venga trovata.Brown e Batygin / Caltech

Mentre Brown e i suoi colleghi rinnovano la loro ricerca del Pianeta Nove con un’idea migliore di dove guardare, alcuni altri astronomi rimangono scettici sulla sua esistenza.

READ  Crescono le vaccinazioni negli Stati Uniti, ma la Casa Bianca è frustrata dal “panico” mediatico | Corona virus

Il fisico Kevin Napier, uno studente laureato presso l’Università del Michigan, ha condotto uno studio Inserito all’inizio di quest’anno il che suggerisce che il raggruppamento di oggetti nella fascia di Kuiper fosse un’illusione statistica.

Ha detto in una e-mail che il numero molto ridotto di orbite di oggetti utilizzati come prova per il Pianeta Nove – solo 11 sono noti – non è convincente.

“C’è una grande quantità di potere statistico che si può estrarre da dozzine di dati”, ha detto.

Ciò significa che l’esistenza del Pianeta Nove può essere ipotizzata solo fino a quando non verranno effettuate ulteriori osservazioni del sistema solare esterno.

“Forse scopriremo un nuovo pianeta in agguato nell’oscurità, o forse le nostre scoperte faranno scomparire completamente qualsiasi prova di raduno”, ha detto. “Fino ad allora, continueremo a cercare nel cielo nuove e interessanti rocce e, così facendo, stiamo portando la nostra comprensione del nostro sistema solare in un focus più chiaro”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Cina accelera il commercio di servizi per attirare investitori stranieri
Next Post Riepilogo di “Impeachment: American Crime Story”: Premiere, Episodio 1 su FX