Gli astronomi scoprono uno strano segnale su un pianeta in fiamme dove piove ferro

L’impressione di questo artista mostra Giove caldo in orbita intorno e vicino alla sua stella madre.

Lei è il sole. marciapiede

Se non hai sentito parlare di WASP-76b, mi dispiace dirtelo, ma te lo sei perso. L’anno scorso, gli astronomi hanno rivelato che “il caldo Giove”, che si trova a circa 640 anni luce dalla Terra, ha un intrigante fenomeno notturno. Ogni sera sul pianeta piove ferro. Sì, la roba che serve per costruire i nostri grattacieli e appartamenti sta effettivamente cadendo dal cielo su WASP-76b.

La pioggia di ferro è causata dal caldo estremo. L’esopianeta è agganciato alla sua stella madre, il che significa che mostra solo un lato della sua calda compagna, e la sua faccia è costantemente in fiamme. All’inizio del 2020, i ricercatori hanno stimato che il pianeta potrebbe aver raggiunto circa 3.800 gradi Fahrenheit (o circa 2.100 gradi Celsius), sufficienti per vaporizzare minerali come il ferro.

Ma, preoccupante per chiunque voglia passare a WASP-76b, le stime potrebbero essere un po’ basse.

Un nuovo studio, pubblicato il 28 settembre su Astrophysical Journal Letters, ha utilizzato i telescopi Gemini hawaiani per esaminare il pianeta dalla Terra. Attraverso una tecnica nota come spettroscopia, che consente agli scienziati di rilevare elementi in base a una caratteristica firma luminosa, i ricercatori hanno analizzato l’atmosfera superiore di WASP-76b e hanno scoperto, inaspettatamente, che contiene un forte segnale spettrale di calcio ionizzato.

“Il segnale che vediamo dal calcio, che proviene dalla debole atmosfera superiore del pianeta, è molto più forte di quanto ci aspetteremmo dai modelli”, ha affermato Ernest de Moog, astrofisico della Queen’s University di Belfast e coautore dello studio.

Poiché il pianeta è così lontano, non è attualmente possibile vedere esattamente perché il calcio sia così abbondante. Non abbiamo telescopi abbastanza potenti per visualizzare cosa sta succedendo a WASP-76b, ma nuove informazioni stanno già iniziando ad aiutare gli astronomi a rivelare esattamente cosa sta succedendo in un mondo distante 640 anni luce.

ricerca precedente Ha esaminato il calcio ionizzato su due esopianeti giganti caldi noti come KELT-9b e WASP-33b. Questo gruppo di ricerca ha notato che i modelli di questi Giove surriscaldati non corrispondevano al segnale di calcio che stavano vedendo, suggerendo che un processo sconosciuto potrebbe aumentare il calcio nell’atmosfera. Il nuovo studio si allinea con questa ricerca e potrebbe aiutare gli astronomi a studiare la fuga di gas ed elementi nell’atmosfera nello spazio, qualcosa che accade molto più velocemente se sei vicino alla tua stella ospite e abbastanza caldo da vaporizzare il ferro.

I risultati fanno parte dell’indagine ExoGemS, che utilizza l’Osservatorio Gemini hawaiano. Il programma utilizzerà la stessa tecnologia su altri pianeti extrasolari e ne offrirà una maggiore varietà, con il curioso calcio WASP-76b che ci parlerà della prossima serie di analisi degli esopianeti.

“Abbiamo in programma di monitorare un ampio campione di esopianeti su una gamma di masse e temperature per esplorare la diversità delle atmosfere degli esopianeti e aiutarci a comprendere meglio i processi sottostanti”, ha affermato de Moog.

READ  La temperatura superficiale della Siberia sale a 118 gradi da capogiro
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Calcio – Chiellini ‘vergognoso da italiano’ dopo il triplo attacco del Napoli
Next Post Odette Singapore è all’ottavo posto nella lista dei 50 migliori ristoranti del mondo