Gli astronomi scoprono un pianeta caldo e denso per otto ore all’anno

Durante il giorno, l’esopianeta GJ 367b (mostrato qui in una veduta artistica) è molto caldo e il ferro che contiene può quasi iniziare a sciogliersi. Fonte immagine: SPP 1992 (Patricia Klein)

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista, temperamento naturaI ricercatori hanno dimostrato che questo pianeta, che dista 31 anni luce dalla Terra, è uno dei più leggeri dei quasi 5.000 esopianeti (pianeti al di fuori del nostro sistema solare) conosciuti oggi, con metà della massa della Terra. Ha un diametro di poco più di 9.000 km, leggermente più grande di Marte.


Il team afferma che la ricerca rappresenta un passo avanti nella ricerca di una “seconda Terra”, poiché mostra che gli astronomi possono caratterizzare anche pianeti molto piccoli.

Co-autore Dott. Per misurare l’esatto calo di luce emesso dalla stella quando il pianeta le passa davanti, questo è stato fatto utilizzando i dati del satellite Transiting Exoplanet Survey (TESS) della NASA.

“L’altro modo era dedurre la massa del pianeta dal suo effetto sul movimento della stella. Questo movimento era leggero – a 80 centimetri al secondo, non era più della velocità del camminare – quindi è fantastico che siamo stati in grado di per rilevare questo piccolo movimento da 31 anni luce di distanza.” .

Lo studio ha coinvolto 78 ricercatori ed è stato condotto da astronomi dell’Istituto per la ricerca planetaria del Centro aerospaziale tedesco (Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt; DLR).

L’autore principale, la dott.ssa Christine Lamm, del Centro aerospaziale tedesco, ha dichiarato: “Dall’esatta determinazione del suo raggio e della sua massa, GJ 367b è classificato come un pianeta roccioso. Questo lo colloca tra i pianeti terrestri di dimensioni sotterranee e spinge la ricerca un passo avanti nella ricerca di “Seconda Terra.

GJ 367 b appartiene al gruppo degli esopianeti “Ultra Short Period” (USP) che orbitano attorno alla loro stella in meno di 24 ore. “Ne conosciamo già alcuni, ma le loro origini sono attualmente sconosciute”, ha detto il dott. Lamm. “Misurando le esatte caratteristiche di base del pianeta USP, possiamo dare uno sguardo alla storia della formazione e dell’evoluzione del sistema”.

Dopo che questo pianeta è stato scoperto utilizzando TESS e il metodo dei transiti, lo spettro della sua stella è stato studiato dalla Terra utilizzando lo strumento HARPS sul telescopio da 3,6 metri dell’Osservatorio europeo meridionale.

Combinando diversi metodi di valutazione, sono stati determinati il ​​raggio e la massa del pianeta: il suo raggio è il 72 percento del raggio della Terra e la sua massa è il 55 percento della massa della Terra.

Determinando il raggio e la massa con una precisione rispettivamente del 7 e del 14%, i ricercatori sono stati anche in grado di trarre conclusioni sulla struttura interna degli esopianeti. È un pianeta roccioso di bassa massa, ma ha una densità maggiore della Terra. “La maggiore densità indica che un nucleo di ferro domina il pianeta”, ha affermato il dott. Cislard Sismadia.

“Queste proprietà sono simili a quelle di Mercurio, con ferro e nichel che lo distinguono dagli altri corpi terrestri del sistema solare”.

Tuttavia, la vicinanza del pianeta alla sua stella significa che è esposto a un livello di radiazioni estremamente elevato, oltre 500 volte più forte di quello a cui è esposta la Terra. La temperatura superficiale può raggiungere i 1500 gradi Celsius, la temperatura alla quale si sciolgono tutte le rocce e i minerali.

La stella madre di questo esopianeta appena scoperto, una nana rossa chiamata GJ 367, è grande solo la metà del Sole. Questo è stato utile per la sua scoperta perché il segnale di transito per un pianeta in orbita è particolarmente importante. Le nane rosse non sono solo più piccole del sole, ma anche più fredde del sole. Questo rende più facile trovare e caratterizzare i pianeti associati. Sono tra i corpi stellari più comuni nel nostro vicinato cosmico e quindi sono obiettivi adatti per la ricerca sugli esopianeti.

I ricercatori stimano che queste nane rosse, note anche come “stelle di classe M”, orbitano in media da due a tre pianeti, ciascuno al massimo quattro volte la dimensione della Terra.


Nuovo esopianeta: incontra GJ 367b, un pianeta di ferro più piccolo e più denso della Terra


maggiori informazioni:
Alexandra Weitz, questo piccolo scienziato è insolitamente ricco di ferro, temperamento natura (2021). DOI: 10.1038 / d41586-021-03587-z

Presentato da University College London

la citazione: Gli astronomi scoprono un pianeta denso e caldo per otto ore (2021, 3 dicembre) Estratto il 3 dicembre 2021 da https://phys.org/news/2021-12-astronomers-hot-dense-planet-eight-hour.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  EA svela 'F1 2021' - Nexstar Media Wire
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’OMS elenca i modi per combattere Omicron
Next Post Honda sta richiamando SUV e pickup poiché i cappucci possono volare ad alta velocità