Gli astronomi scoprono il primo pianeta conosciuto in orbita attorno a 3 stelle

Animazione artistica di GW Orion. Credito: ESO/Exeter/Kraus et al./L. Calsada

La potenziale scoperta di un pianeta oceanico ha implicazioni per far progredire la nostra comprensione della formazione dei pianeti.

In un lontano sistema stellare – a soli 1.300 anni luce dalla Terra – i ricercatori e i colleghi dell’UNLV potrebbero aver identificato il primo pianeta noto in orbita attorno a tre stelle.

A differenza del nostro sistema solare, che consiste in una singola stella, si pensa che la metà di tutti i sistemi stellari, come GW Ori, dove gli astronomi hanno osservato il nuovo fenomeno, siano costituiti da due o più stelle legate insieme dalla gravità.

Ma nessun pianeta in orbita attorno a tre stelle – un’orbita oceanica – è stato scoperto. Forse ancora.

GW Orionis

Immagine di GW Orionis, un sistema stellare triplo con un misterioso buco negli anelli di polvere che lo circondano. Gli astronomi dell’UNLV ipotizzano un enorme pianeta nello spazio vuoto, che sarebbe il primo mai scoperto in orbita attorno a tre stelle. L’immagine a sinistra, fornita dal telescopio Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), mostra la struttura anulare del disco, con l’anello interno separato dal resto del disco. Le note nell’immagine a destra mostrano l’ombra dell’anello interno sul resto del disco. Gli astronomi dell’UNLV hanno utilizzato le osservazioni di ALMA per costruire un modello completo del sistema stellare. Credito: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), ESO/Exeter/Kraus et al.

Utilizzando le osservazioni della matrice Atacama Large Millimeter/ Millimeter (AlmaTelescopio, gli astronomi dell’UNLV hanno analizzato i tre anelli di polvere osservati attorno alle tre stelle, che sono cruciali per la formazione del pianeta.

Ma trovarono un grande, ma sconcertante, buco nel disco oceanico.

READ  I casi di coronavirus di Sydney superano i 2.000 al giorno; L'Australia aumenta le vaccinazioni

Il team di ricerca ha studiato varie origini, inclusa la possibilità che il divario sia stato creato dalla coppia gravitazionale delle tre stelle. Ma dopo aver creato un modello completo per GW Ori, hanno scoperto che la spiegazione più probabile e affascinante per lo spazio nel disco è la presenza di uno o più pianeti massicci, Giove-Come in natura. I giganti gassosi, secondo Jeremy Smallwood, autore principale e recente dottorato di ricerca. Laureati in Astronomia all’UNLV, di solito sono i primi pianeti a formarsi all’interno di un sistema stellare. Pianeti terrestri come la Terra e Marte seguire su.

Il pianeta stesso non può essere visto, ma la scoperta – che è stata evidenziata in uno studio di settembre in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society – Indica che questo è il primo pianeta circolare mai scoperto. Nei prossimi mesi sono attese ulteriori osservazioni dal telescopio ALMA, che potrebbero fornire prove dirette di questo fenomeno.

“È davvero eccitante perché rende la teoria della formazione dei pianeti davvero potente”, ha detto Smallwood. “Potrebbe significare che i pianeti sono più attivi di quanto pensassimo, il che è davvero interessante”.

Riferimento: “GW Ori: Circles and Planets” di Jeremy L. Smallwood, Rebecca Nealon, Cheng Chen, Rebecca J. Martin, Jiaqing Pei, Roping Dong e Christophe Pinte, 17 settembre 2021, Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.
DOI: 10.1093/mnras/stab2624

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Super Dzeko ispira l’Inter con la vittoria sul Sassuolo
Next Post Rigorosamente 2021: Gordon Ramsay piange dalla folla mentre Tilley è in cima alla classifica